We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Reggio Nell'emilia (Reggio Emilia) - Gestione dei rifiuti: Reggio Emilia e Milano aiutano Betlemme con il Programma Ministeriale ‘Le ali della Colomba’


Formare il personale, ottimizzare il trasporto dei rifiuti e migliorare il sistema di raccolta dell’Azienda municipalizzata del Governatorato di Betlemme. È questo l’obiettivo del progetto “Politiche ambientali e gestione dei rifiuti nella zona sud della Cisgiordania”, che vede la collaborazione tra i Comuni di Reggio Emilia e Milano per un grande intervento nell’ambito del programma “Le ali della colomba”, finanziato dal Governo italiano e da partner europei per lo scambio di buone pratiche e competenze tra gli enti locali italiani e dell’autorità palestinese. L’intervento, affidato ai Comuni di Reggio e Milano, - riferisce testualmente una nota dell’Ufficio stampa del Comune di Reggio Emilia - avrà una durata di 15 mesi con un budget di 395mila euro.   IL PROGETTO È stato siglato in questi giorni il protocollo tra Comune di Reggio Emilia e di Milano per la creazione del Consorzio di gestione composto da tecnici delle due città e tecnici di Amsa (Azienda milanese servizi ambientali) e Iren Emilia. L’Azienda municipalizzata che gestisce la raccolta dei rifiuti nel Governatorato di Betlemme - la Jscswm (Joint service council for solid waste management) - sarà il partner a cui verranno rivolte le azioni di formazione e trasferimento di competenze. ‘Reggio nel mondo’, l’agenzia che si occupa di scambi, gemellaggi e relazioni internazionali per conto del Comune di Reggio Emilia, si occuperà del coordinamento delle attività e dell’assistenza amministrativa e finanziaria, oltre che della gestione dei contatti con Itau (Unità di Assistenza tecnica italiana) che ha sede presso il Consolato generale d’Italia a Gerusalemme. L’obiettivo del progetto, che vede protagonista la nostra comunità, è quello di formare i funzionari del Servizio di gestione dei rifiuti solidi del governatorato di Betlemme (composto da 12 municipalità, tra cui quella di Beit Jala, per un totale di 200mila abitanti), attraverso sessioni formative che verranno realizzate in Palestina e in Italia. È  prevista la permanenza di personale dell’azienda palestinese in Italia e il coinvolgimento dei tecnici Amsa e Iren Emilia. Il progetto vuole offrire all’azienda municipalizzata del Governatorato di Betlemme le competenze per organizzare l’intero sistema di gestione dei rifiuti: raccolta, trasporto, smistamento e creazione di un sistema tariffario per la sostenibilità del servizio.   REGGIO EMILIA E PALESTINA L’avvio degli interventi di cooperazione decentrata con il Medio Oriente è recente ed è stato concentrato su una città della Cisgiordania. Nel maggio 2005, il Comune di Reggio Emilia ha sottoscritto un accordo di collaborazione con la città di Beit Jala, distretto di Betlemme, nell’intento di attivare uno scambio e un dialogo con questa realtà palestinese. Beit Jala si trova a circa due miglia della Chiesa della Natività di Betlemme e a poche decine di chilometri da Gerusalemme. Situata nei “territori occupati” della Cisgiordania, è una realtà afflitta dalla costruzione del muro di separazione tra Israele e Palestina. Da sempre meta di turismo religioso, negli ultimi anni la città ha visto calare il numero di visitatori che soggiornano nell’area e che portavano beneficio all’economia.   ‘LE ALI DELLA COLOMBA’ Il Programma di sostegno alle municipalità palestinesi “Le ali della colomba” si configura come contributo italiano - finanziato dalla Direzione generale per i Paesi del Mediterraneo e del Medio oriente, in sinergia con gli interventi di Banca mondiale, Unione europea e altri donatori - allo sforzo che l’Autorità nazionale palestinese ha intrapreso nella riforma del sistema delle autorità locali. All’iniziativa, promossa insieme a regioni ed enti locali Italiani, il governo italiano partecipa con un contributo pari a 22 milioni di euro. L’obiettivo principale del progetto è di migliorare le condizioni di vita del popolo palestinese, la sfida è di contribuire alla ricostruzione di un sistema democratico e decentralizzato che incoraggi il coinvolgimento della popolazione nei processi decisionali e che sia in grado di garantire i servizi di base alle comunità locali, promuovendo piani di sviluppo adeguati. Il progetto è costruito strategicamente attorno ai temi del dialogo tra regioni ed enti locali italiani nella gestione e sostegno di diversi progetti.

di Redazione | 23/08/2010

Pubblicità

Anagrafe chiusa a causa di un black out

Modena: Anagrafe chiusa a causa di un black out

Modena, 23/08/2010
di Redazione

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it