We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Altomonte (Cosenza) - Festival Euromediterraneo, gran finale con Renzo Arbore e l’orchestra italiana. Migliaia di spettatori per l’ultimo appuntamento in cartellone


A Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana, gli ambasciatori della napoletanità nel mondo, è stato affidato il gran finale, ieri sera, della sesta edizione del Festival Euromediterraneo. Era stata promessa una chiusura con il botto dal Direttore artistico Enrico Provenzano e così è stato. Migliaia di spettatori per il concerto più atteso dell’estate calabrese 2010.  Un grande evento musicale, ad ingresso gratuito, nell’area concerti della frazione Casello. Una chiusura in grande stile – sottolinea testualmente una nota a firma di Raffaela Salamina - per la manifestazione che porta il meglio della prosa, della musica e della danza nel piccolo borgo di Altomonte. Prima tappa in Calabria di Arbore e per la sua Orchestra. Ben tre ore di concerto che ripercorrono la storia e i brani più amati  della musica napoletana.  Renzo Arbore gira il mondo diffondendo la musica italiana e popolare. Lo spettacolo è un grande show (dalle canzoni napoletane ai  grandi successi televisivi a quelle sonorità che Arbore chiama le canzoni della memoria), con escursioni verso le musiche del sud del mondo. E mentre scorrono le immagini delle piazze internazionali in cui si è esibita l’Orchestra più famosa d’Italia, Sul palco Arbore passa in rassegna tutto il meglio della musica napoletana assieme ai  15 elementi dell’Orchestra, 15 grandi solisti e specialisti del proprio strumento. Immancabile al fianco di Arbore Gegè Telesforo, musicista, cantante, talentuoso percussionista una colonna portante dell’Orchestra Italiana.   Da “Resta cù me”, a “Luna Rossa”, a “O Sarracino”,  fino ad alcuni “ispirati omaggi” a Totò (con il montaggio degli sketch tratti dai suoi film e l’immancabile “Malafemmena”), a Murolo, con alcune “chicche” tratte dal repertorio, e naturalmente a Napoli (con le immagini dei siti paesaggistici più suggestivi), ricordando un altro grande “rivoluzionario” della musica italiana Domenico Modugno con “Ciao Ciao bambina”. Sono diciannove anni che lo showman italiano più conosciuto nel mondo gira ininterrottamente con la sua Orchestra Italiana, da un’estremità all’altra, dalla Cina agli Stati Uniti d’America, dal Messico al Canada (ottenendo degli spettacoli andati subito “sold out”, tra questi uno indimenticabile a Chicago) con un numero di concerti, circa 250 negli  ultimi tre anni, acclamatissimi in Italia in un clima da record che non  accenna a calare. Tutto questo fa di Renzo Arbore e L’Orchestra Italiana  ancor più un marchio made in Italy di enorme presa sul pubblico di qualsiasi latitudine. E’ dal 1992, anno del debutto, che il pubblico segue con la stessa passione l’evolversi  di questa compagine voluta da Arbore; in questi anni ha ottenuto tantissimi  premi e riconoscimenti, quantità incredibili di spettatori, cifre da  “capogiro” che premiano lo spirito assolutamente travolgente e contagioso  dell’artista. Un successo annunciato per la rassegna curata dal direttore artistico Enrico Provenzano e organizzata dall’amministrazione comunale di Altomonte guidata dal Sindaco Gianpietro Coppola. Dal cabaret affidato al duo televisivo Ficarra e Picone; alla grande danza con il maestro Raffaele Paganini; alla comicità di Gianfranco D’Angelo; alla commedia musicale italiana con i maestri Carlo Croccolo ed Enzo Garinei; all’immancabile Notte Bianca; al virtusosimo di Cristiano De Andrè nel suo omaggio al Grande Faber; agli scatenati ballerini di Ballando con le stelle Natalia Titova e Samuel Peron, alla prosa  del mattatore Michele Placido fino alla grande chiusura con Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana. Un cartellone “in esclusiva” questo lo slogan della sesta edizione:“I numerosi sold out di questa sesta edizione- commenta il direttore artistico Enrico Provenzano- confermano la qualità delle nostre scelte. La proposta degli spettacoli è stata altissima e il pubblico ha premiato questo grande sforzo. Un evento che cresce di anno in anno e con la presenza di Renzo Arbore, come gran finale del Festival, proietta la kermesse come evento internazionale”. “ Siamo giunti alla fine di questo splendido cartellone- dichiara il Sindaco Gianpietro Coppola- un evento che da 23 anni porta ad Altomonte il meglio del teatro e della musica italiana. Anche in questa edizione abbiamo registrato il gradimento del pubblico attirando l’attenzione della stampa locale e nazionale”.  

di Redazione | 22/08/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia IonioNotizie per la tua pubblicità bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it