We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Reggio Di Calabria (Reggio Calabria) - Grande successo per l’anteprima del “Bergamotto art festival”


A qualche giorno dal termine della manifestazione, a Reggio Calabria si tirano le somme e si fa un primo bilancio di quella che è stata l’attesa anteprima del “Bergamotto Art Festival”, evento a cura dell’attivissima Fondazione Giuseppe Marino realizzato con il patrocinio istituzionale e con il contributo del Comune di Reggio Calabria e della Città Metropolitana di Reggio Calabria (in quanto fortemente voluto dal sindaco Giuseppe Falcomatà e da Demetrio Marino, delegato al Turismo e Spettacolo in seno alla Città Metropolitana) e diretto artisticamente da Antonio Marino, stimato medico psichiatra reggino da sempre impegnato al fine di contribuire alla crescita cultuale della sua città.

Il vulcanico dottor Marino, di recente tornato agli onori della cronaca calabrese per aver fondato una nuova, interessante realtà discografica ed editoriale come la Sveva Edizioni (che nei mesi scorsi, tra le altre cose, ha curato in esclusiva regionale le selezioni del Premio Internazionale Fabrizio De Andrè), si dichiara molto soddisfatto della ricchissima “due giorni” appena conclusa, che altro non è stata, se non un assaggio di quello che sarà nel futuro il “Bergamotto Art Festival”, evento che dal prossimo anno costituirà un appuntamento fisso e irrinunciabile dell’Estate Reggina.

“Il Bergamotto, oro giallo del Reggino, ha ispirato la creazione di questo festival, che nasce con l’obiettivo di declinare varie forme di innesti espressivi tra musica, parole, profumi e immagini, in una città come Reggio Calabria che è divenuta un simbolo del Sud Italia in quanto custodisce tesori inestimabili di cultura e civiltà” – ha dichiarato Marino - “In prospettiva futura, nelle nostre intenzioni c’è quella di realizzare un evento che sia una vera e propria “festa delle arti” capace di esaltare la ricchezza culturale della nostra città e di tutto il territorio metropolitano reggino e, di riflesso, dell’intera Calabria. Reggio, che diventerà crocevia di importanti ed intensi scambi culturali, attirando poeti, scrittori, pittori, musicisti e artisti di ogni genere, si trasformerà, così, in una sorta di simbolica capitale culturale dell’intero bacino del Mediterraneo; così l’evento, promosso nei giusti tempi nei canali di comunicazione adeguati, sarà capace di stimolare un importante incoming turistico”.

Relativamente ai risultati conseguiti attraverso lo svolgimento di quella che si può considerare una “edizione zero” del festival, il presidente della Fondazione organizzatrice con molta soddisfazione fa notare come l’intento perseguito sia stato raggiunto con successo: “Volevamo realizzare un evento improntato nel segno dell’originalità, da un lato, e dell’aggregazione e del dialogo, dall’altro, e così è stato. Oltre alle magnifiche produzioni musicali commissionate ad hoc ad artisti del calibro di Lino Cannavacciuolo, all’inedito quartetto vocale composto da Barbara Bonaiuto, M’Barka Ben Taleb, Marina Mulopolos e Marinella Rodà, e al carismatico Peppe Barra, che ha dialogato musicalmente con musicisti provenienti da varie parti del mondo, molto interessante è stato il tavolo istituzionale sulla tutela, valorizzazione e promozione del bergamotto, che ha visto tutte le istituzioni del territorio sedute attorno ad un unico tavolo e disponibili al dialogo, con l’intento di individuare e perseguire con efficienza un nobile e univoco obiettivo riguardante uno degli indiscussi simboli enogastronomici del Reggino”.

 

Passando brevemente in rassegna quelli che sono stati i tanti appuntamenti dell’intensa “due giorni”, si osserva come questa sia stata inaugurata a Palazzo Alvaro nel pomeriggio della prima giornata con la proiezione di “Adduri”, splendido foto-racconto a firma dell’esperto in fotografia antropologica Gianfranco Ferraro, al quale l’organizzazione dell’evento aveva commissionato di fotografare i simboli e i tesori del territorio metropolitano, in effetti egregiamente catturati e, per così dire, “umanizzati” negli scatti del fotografo vibonese, che hanno offerto la testimonianza di una natura selvaggia, dell’adduri di Calabria, dei frutti, della terra, del mare, rappresentata al meglio anche grazie alla straordinaria musica prodotta per l’occasione dal famoso violinista  Lino Cannavacciuolo.

 

A seguire, è stata la volta di un interessantissimo Tavolo Tecnico Istituzionale per la promozione e valorizzazione del Bergamotto, che per la prima volta ha visto, gli uni accanto agli altri, impegnati in un dialogo armonioso e costruttivo, rappresentanti politici (dal consigliere delegato al Turismo e Spettacolo della Città Metropolitana di Reggio Calabria Demetrio Marino al consigliere Filippo Bova, dai sindaci dell’area metropolitana fino a Sabrina Santagati, intervenuta in rappresentanza dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte), rappresentanti di altre importanti istituzioni del territorio (quali il presidente della C.C.I.A.A. di Reggio Calabria, Ninni Tramontana, il presidente del Consorzio di Tutela del Bergamotto Ezio Pizzi e il presidente di Federalberghi Vittorio Caminiti) e grandi esperti del bergamotto, agrume coltivato solo nella fascia costiera che va da Scilla a Monasterace e, pertanto, fortemente identificativo della cultura enogastronomica del territorio (i professori Giuseppe Zimbaletti e Pasquale Amato).

 

In serata, poi, nel suggestivo scenario dell’Arena dello Stretto, dopo la performance del talentuoso attore Antonio Caracciolo (diretto, al cinema, in teatro e in televisione, da registi del calibro di Vittorio Gassman, Alessandro Haber, Pupi Avati ecc.), impegnato nella lettura di alcuni splendidi versi di Giuseppe Marino, e quella dell’esilarante cabarettista reggino Santo Palumbo, sul palco si sono prima avvicendate e poi confrontate musicalmente quattro grandissime interpreti provenienti dall’area mediterranea: la napoletana Barbara Bonaiuto, la tunisina M’Barka Ben Taleb, la greca Marina Mulopolos e la talentuosa cantante reggina Marinella Rodà, protagoniste di una incredibile produzione originale: “Mediterraneo Donna: Atene, Cartagine, Reggio Calabria”.

Nella seconda serata, anch’essa ambientata nello scenario mozzafiato dell’arena costruita su quello che è stato definito “Il più bel lungomare d’Italia”, invece, il pubblico è stato letteralmente rapito dal grande Franco Arminio, scrittore e poeta di grande fama (vincitore nel corso della sua prestigiosa carriera  di importanti premi quali il “Premio Napoli”, il “Premio Carlo Levi” e il “Premio Volponi”, collaboratore de “Il Manifesto” e de “Il Fatto Quotidiano” e animatore del blog “Comunità Provvisorie”) e inventore della cosiddetta “paesologia”, che per l’occasione ha presentato al pubblico la sua raccolta di poesie sull’amore e sul paesaggio contenute in “Cedi La Strada Agli Alberi – Poesie di Amore e di Terra” (ultimo suo libro uscito quest’anno e già alla sua terza ristampa).  

A seguire, poi, è stata la volta di un’altra incredibile produzione originale “Il Canto dei Tamburi”, in cui l’arcaicità dei ritmi delle percussioni è stata protagonista insieme al talento e all’estro dissacratorio della voce di Peppe Barra, artista straordinario che da più di quarant’anni unendo musica e teatro, in continua oscillazione tra tradizione e innovazione, incarna, per così dire, “le mille e una resurrezione” dell’animo partenopeo attraverso le “possessioni” mimico-gestuali della sua maschera e le qualità formidabili della sua voce.

Personaggio sempre autentico, nella vita e sulla scena, artista puro, custode indiscusso della tradizione popolare, Barra è salito sul palco avendo al suo fianco alcuni musicisti che negli ultimi anni si sono contraddistinti nello studio della tradizione e nell'utilizzo di strumenti tipici dei loro paesi e che, al contempo, hanno saputo anche tracciare percorsi innovativi seguendo l’evoluzione del linguaggio musicale contemporaneo, quali Nando Brusco (voce e tammorra – Calabria), Paul Dabirè (percussioni - Burkina Faso), Pino Basile (percussioni – Puglia), Ugo Maiorano (tammorra – Campania), Paolo Del Vecchio (chitarra e bouzuki), Luca Urciuolo (pianoforte e fisarmonica), Sasà Pelosi (basso acustico), Alex De Carolis (flauti) e Ivan Lacagnina (percussioni).

Archiviata nel migliore dei modi questa anteprima, la città di Reggio aspetta entusiasta l’edizione numero uno del “Bergamotto Art Festival” che senz’altro, come le tante, interessantissime attività poste in essere dall’importante Fondazione cittadina dal 2001 ad oggi, non deluderà affatto le aspettative.


di Redazione | 24/09/2017

Pubblicità

Affittasi magazzino (banner 300x170) cinema teatro sanmarco rossano bcc mediocrati x50 studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2017 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it