We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Paludi (Cosenza) - Concluso il Festival delle Spartenze


Conclusa la seconda edizione  del Festival delle Spartenze, iniziativa culturale sul tema “migrazioni e cultura” ideata e organizzata a Paludi dall’associazione Assud, sotto la direzione di Giuseppe Sommario. Positivo il bilancio . La tematica è stata sviluppata attraverso momenti di condivisione come la riaccensione dei forni rionali, o ancora attraverso momenti culturali di teatro e musica con protagonisti: nel primo caso, Antonio Damasco, drammaturgo e regista, direttore della Rete di Cultura popolare italiana, nello spettacolo “Juve – Napoli 3-1”;  nel secondo caso, il musicista Nando Brusco nel concerto coinvolgente e vibrante “Tamburo è Voce. Battiti di un cantastorie”.  Ci sono stati artisti che hanno interpretato il senso delle spartenze riannodando “fili” per ricostruire le origini, come Elena Nonnis e le sue opere uniche fatte di retro-ritratti e installazioni di disegni cuciti con filo nero. Il maestro Roberto Giglio di Badolato ha invece coinvolto i bambini in un vivacissimo laboratorio di colori, con i quali hanno ridisegnato simbolicamente la Paludi del futuro. Infine, Giovanna Del Sarto ha utilizzato le fotografie scattate con la Polaroid come arte per documentare e raccontare storie di migranti, regalando un ricordo di felicità vissuta. “La realizzazione del Festival ­ – ha spiegato il professore Sommario – è stata possibile grazie ai tanti cittadini di Paludi che hanno partecipato attivamente e a vario titolo all’organizzazione, e grazie alle istituzioni patrocinanti, a partire dal parroco don Vincenzo Tassone, che ha messo a disposizione del festival spazi e chiese”. Una delle esperienze “delle quali abbiamo avuto immediato riscontro positivo – ha aggiunto Sommario - è stata la Scuola del Viaggio presente con lo scrittore Andrea Bocconi. I racconti e le storie di Paludi tracciate da chi è arrivato in paese per la prima volta con l’occhio attento e critico dello scrittore – sono per noi valore inestimabile, anche in termini di promozione del territorio”. Sommario, inoltre, ha messo in risalto che “il Festival è stato anche momento di riflessione politico – istituzionale grazie alla partecipazione dei numerosi ospiti, fra cui i calabresi emigranti, Natale Serpa, Anthony Reale. Con la collaborazione della Cidis onlus, le due famiglie nigeriane beneficiarie del progetto Sprar a Paludi hanno preparato un piatto tipico e hanno offerto la testimonianza di vita attraverso le parole di Olayemi. Ulteriori input sono giunti dall’esempio di calabresi meritevoli come Carmine Lupia, ritornato in Calabria, da don Pietro Madeo, parroco in Rossano e grazie al contributo dell’on. Fabio Porta, dell’on. Rosanna Scopelliti, del vicepresidente della Regione Calabria, Antonio Viscomi, del prof. Gabriele Archetti, della presidente del Comites di Montreal Giovanna Giordano. All’unisono è emersa una comune volontà: valorizzare e ripopolare paesi come Paludi. Per Viscomi “sarebbe utile attivare una rete di Comuni che vivono di turismo delle radici. Un modo ulteriore per favorire la riscoperta della nostra identità e dare una visione di futuro e di rilancio della nostra regione”.


di Redazione | 01/09/2017

Pubblicità

Affittasi magazzino (banner 300x170) cinema teatro sanmarco rossano bcc mediocrati x50 studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2017 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it