We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Omelia del Vescovo, mons. Santo Marcianò, nella festa diocesana di Maria Ss. Achiropita e consegna della lettera pastorale


<<Carissimi fratelli e sorelle, come ogni anno siamo riuniti attorno alla Madonna Achiropita, Patrona della Diocesi, per offrirLe la nostra preghiera e affidare a Lei l’Anno Pastorale che oggi solennemente iniziamo. Voglio salutarvi e dare il benvenuto a tutti, prima di tutto alle autorità civili e militari, particolarmente ai diversi Sindaci dei Comuni dalla diocesi, rappresentati dal Sindaco di Rossano, prof. Francesco Filareto, che ringrazio di cuore per il saluto rivolto a nome di tutti. È bello che voi siate qui, per ringraziare la Vergine che maternamente veglia sulle nostre città e per rinnovare, con l’offerta del cero votivo, un gesto di affidamento che da qualche anno sta diventando una preziosa tradizione che affonda le radici nella storia di questo popolo. Sì, il nostro è un popolo che si affida alla Madonna, che invoca la sua protezione e guarda al suo esempio di vita; il nostro è un popolo che, cercando di custodire la tradizione di questa venerazione mariana, si impegna a custodire le radici di una cultura profondamente cristiana, di una visione dell’uomo mutuata dalla luminosa Parola del Vangelo di Cristo, di un’etica che deve aiutare l’umana convivenza e può aiutare anche voi ad esercitare l’ufficio di governo, la gestione amministrativa, la ricerca del bene del popolo stesso. Sì, è un popolo quello che ci è affidato: a voi come amministratori delle città, a me come pastore della Chiesa; non dobbiamo mai dimenticarlo! E a questo popolo di Dio rivolgo il mio più caloroso saluto: ai presbiteri della diocesi, che con me concelebrano e rinnovano in questa Eucaristia l’amore filiale a Maria, Madre del sacerdozio, al termine dell’Anno sacerdotale che ha segnato una tappa importante nel cammino personale, nell’impegno pastorale, nella maturazione interiore di ciascuno di noi; saluto poi le religiose e i religiosi, tutte le persone consacrate; infine, un saluto carissimo e particolare a voi, amatissimi fedeli laici, perché con questa Solenne Celebrazione apro il nuovo Anno Pastorale che sarà a voi dedicato. Lo faccio con grande gioia e profonda speranza, alimentate anche dalla bella esperienza della Visita Pastorale iniziata nel mese di febbraio scorso e della quale ho da poco completato la prima tappa. «La testimonianza di Gesù è lo spirito di profezia» (Ap 19,10), abbiamo ascoltato dalla prima Lettura: vi confesso che mi aspetto qualcosa di nuovo, qualcosa di bello da questo Anno Pastorale e spero davvero che possa segnare un autentico rinnovamento della nostra Chiesa, grazie ad una rinnovata testimonianza, ad una nuova profezia che - ne sono convinto - è affidata proprio ai laici. Una profezia che vi chiede anzitutto di affiancare e talora sostituire la voce di pastori, in tutte le situazioni in cui la Chiesa non può tacere. E se, per i pastori, essere profeti significa – si esprime così in una lettera don Milani - «rendersi antipatici, noiosi, odiosi, insopportabili a tutti quelli che non vogliono aprire gli occhi sulla luce», anche «i laici – come vi scrivo nella Lettera Pastorale che oggi vi consegno – dovrebbero essere capaci di parlare di più, di esporsi in prima persona». «Io al mio popolo gli ho tolto la pace», esclama don Milani: e noi? E voi laici? Come, dunque, essere profeti? Come e dove vivere questa profezia?   Anzitutto nella Chiesa. L’Anno del Laicato è «un anno  che segue, provvidenzialmente e significativamente, all’Anno della Chiesa e del Sacerdozio, che quasi germoglia da esso e, pertanto, deve essere in esso innestato». Dopo la meditazione sul mistero della Chiesa e sul ministero sacerdotale, ho sentito forte il bisogno di rivolgermi ai laici, per aiutarli a maturare nella dignità della propria vocazione che parte esattamente dalla consapevolezza di essere Chiesa. Sì, è proprio questa la prima idea che vi espongo nella Lettera Pastorale: l’ho espressa scegliendo come titolo il versetto del Vangelo di Luca che abbiamo ascoltato nella Liturgia di oggi: «Al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno» (Lc 12,32). Il senso profondo del laicato sta nel ricevere da Dio un dono, il dono del Regno, il dono del Suo Regno. C’è un rapporto strettissimo tra i laici e il Regno, tra i laici e la Chiesa, come ci ricorda Giovanni Paolo II riprendendo anche la Lumen Gentium: «Nel dare risposta all’interrogativo “chi sono i fedeli laici” – egli scrive nella Christifideles Laici -, il Concilio, superando precedenti interpretazioni prevalentemente negative, si è aperto a una visione decisamente positiva e ha manifestato il suo fondamentale intento nell’asserire la piena appartenenza dei fedeli laici alla Chiesa e al suo mistero e il carattere peculiare della loro vocazione che ha in modo speciale lo scopo di “cercare il Regno di Dio trattando le cose temporali e ordinandole secondo Dio”». Carissimi, non c’è spazio per nessun individualismo o soggettivismo, per nessun protagonismo o autoreferenzialità: per vivere veramente questo anno di grazia, per essere laici cristiani, dovete essere consapevoli che «la vostra identità è, prima di tutto e soprattutto, definita da una piena appartenenza alla Chiesa e al suo mistero» e dovete trovare il coraggio di lavorare insieme per il Regno di Dio. Ecco, dunque, la profezia della comunione. -         Una comunione fraterna, nata dal Battesimo. «La vocazione laicale è una vocazione battesimale», vi ricordo nella Lettera, augurandomi che questo Anno del Laicato possa diventare un «Anno del Battesimo: tempo propizio ma anche esigente per ritrovare le sorgenti della nostra fede; per riscoprire come lo stato di laici, prima di tutto e soprattutto, è quel mistero che vi rende figli nel Figlio». Lo grida Paolo ai Galati: «Che voi siete figli ne è prova il fatto che Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio che grida: Abbà, Padre!» (Gal 4,6-7). -         È poi una comunione ecclesiale, che si esprime con una parola essenziale per comprendere il ruolo dei laici: la «partecipazione». Sì, voi laici dovete veramente partecipare alla vita della Chiesa, della diocesi, della parrocchia; ed è una partecipazione che nasce dalla stessa partecipazione alla vita di Cristo, nella quale il Battesimo vi innesta, e che diventa stile di «collaborazione» e «corresponsabilità»: tra gruppi e movimenti ecclesiali, tra le diverse aggregazioni laicali; soprattutto, tra laici e vescovo, tra laici e presbiteri. È, questo, un rapporto delicato ma fondamentale per la comunità cristiana e per tutta l’evangelizzazione: i laici sono chiamati a collaborare con i presbiteri, rispettando il loro insostituibile ministero; i presbiteri, d’altra parte, devono riconoscere lo specifico carisma laicale e seguire il cammino spirituale dei laici, evitando di compiere parzialità o ingenerare legami eccessivi con la propria persona. Lo scrivo con forza nella Lettera Pastorale: «Quanta immaturità dei laici, ma prima ancora dei presbiteri, dimostrano le comunità incapaci di staccarsi da un sacerdote! Mentre è comprensibile ed apprezzabile che tale passo venga vissuto con la sofferenza di ogni distacco, è grave, sul piano della comunione ecclesiale e del senso stesso di appartenenza alla Chiesa, che si arrivi ad identificare la comunità con il singolo presbitero». -         È, infine, una comunione «organica» secondo la definizione della Christifideles Laici, cioè «analoga a quella di un corpo vivo e operante: essa, infatti, è caratterizzata dalla compresenza della diversità e della complementarietà delle vocazioni e condizioni di vita, dei ministeri, dei carismi, e delle responsabilità. Grazie a questa diversità e complementarietà ogni fedele laico si trova in relazione con tutto il corpo e a esso offre il suo proprio contributo». Una comunione, pertanto, nella quale ciascuno di voi può trovare il proprio posto e grazie alla quale si percepisce la preziosità di ogni fase e stato di vita: l’uomo e la donna, il matrimonio e la verginità, i bambini e i giovani, gli anziani e i sofferenti, il mondo del lavoro e l’apostolato nel  mondo…   Ed è proprio il mondo l’ambito specifico nel quale si estrinseca la testimonianza e la profezia del laico, la sua chiamata a «cercare il Regno di Dio trattando le cose temporali e ordinandole secondo Dio». I laici entrano in relazione con il Regno di Dio attraverso le cose temporali, il mondo, la storia, il concreto… Ma come trattare le cose del mondo? Quale “ordine” specifico devono trovare le cose, il mondo, la storia nella vita del laico? La Liturgia della Parola che abbiamo ascoltato ci aiuta a rispondere a questa domanda, a contemplare il mistero del Regno – potremmo dire - racchiuso in un incrocio di sguardi e di tempi. È lo sguardo di Maria che, nel Magnificat, canta una preghiera che ha come protagonista Dio e come oggetto, se così si può dire, la storia umana, le persone, le situazioni… Maria rilegge il passato e vede il mistero del Regno di Dio illuminarsi nelle vicende del popolo di Israele, in ciò che Dio ha fatto, nella Sua misericordia; ma Ella sa guardare anche al futuro, a quella misericordia che avvolgerà gli uomini «di generazione in generazione» (Lc 1,50) e, così, ci addita quel Regno che non avrà mai fine. Anche lo sguardo di Giovanni parte da un ricordo passato: è la descrizione della sua intima visione delle nozze dell’Agnello, tratta dal Libro dell’Apocalisse (Ap 19,6-10); ma anch’egli ci indica la direzione ultima della storia, del mondo, delle cose temporali, del Regno di Dio. «Ha preso possesso del Suo Regno il Signore»(Ap 19,6): il mondo – potremmo tradurre - è “ordinato” a Dio. L’”ordine” con cui vivere nel mondo richiede anzitutto di vivere le cose con l’atteggiamento della lode e dell’adorazione, della gratitudine che è la memoria del cuore: in una parola, di vedere “Dio in tutte le cose”. Ma non basta; bisogna poi vivere la storia, il tempo, il mondo con la consapevolezza che tutto tende a Dio: cioè vivere “tutte le cose per Dio”. Tutto questo, con lo sguardo di Paolo, posato sull’Incarnazione del Figlio di Dio «nato da donna» (Gal 4,4), che vi proietta nella concretezza della vita e dell’oggi; un oggi che è «pienezza del tempo» (Gal 4,4), kairòs, tempo di grazia. Sì: nelle vicende del mondo come nella storia dei popoli, nelle cose temporali come nella quotidianità del lavoro, nella vita socio-politica come nell’intimità della famiglia…. in questa “secolarità”, voi laici siete chiamati a rintracciare il sigillo di Dio, ad essere «strumenti dell’irruzione di Dio nel mondo!», a dire che il mondo è da Dio e per Dio. È l’ordine scritto nelle cose, è l’ordine scritto nel mondo. E se il nostro è un mondo sempre più disordinato, dove tutto sembra relativo e rimane in un orizzonte angusto e privo di senso, in un confine egoistico e banale, è proprio perché è un mondo che non sa leggere questo “ordine”, fatto di appartenenza a Dio e di sovranità di Dio. «È Dio che devi adorare» (Ap 19,10), dice l’angelo a Giovanni. E siete chiamati proprio voi laici a dirlo al mondo, operando nelle cose del mondo; a dire, in modo autentico, che è possibile, è bello, è necessario, è gioioso poter, come afferma il Concilio, «consacrare il mondo a Dio».   «Consacrare il mondo a Dio»: ecco un’altra profezia! Una profezia che vi affido, in particolare in alcuni ambiti che diventano oggi vere emergenze. -         Consacrare a Lui il lavoro che è per voi, laici, il luogo di santificazione. Un lavoro che esprime la partecipazione all’azione creatrice di Dio e può trasformare il mondo se è svolto con competenza, dignità, correttezza, onestà, «evitando il carrierismo, l’eliminazione delle persone, la logica del puro guadagno, che talora è anche disonesto, nonché quella sorta di idolatria del lavoro che giunge a soffocare altri aspetti della vita: il primato di Dio, la famiglia, l’impegno di volontariato, la missione ecclesiale». «Vendete ciò che avete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro inesauribile nei cieli, dove i ladri non arrivano e la tignola non consuma» (Lc 12,33), dice Gesù. In questo tempo di crisi economica, nel quale la disoccupazione è una vera e propria piaga sociale, soprattutto al Sud, io stesso nella Lettera voglio chiedere ai laici anche alcune scelte coraggiose e profetiche: «Ai datori di lavoro chiedo una chiara scelta di rifiuto del lavoro “in nero” e il rispetto delle condizioni di lavoro di tutti, compresi gli stranieri… A tutti chiedo il coraggio di rinunciare al doppio lavoro - qualora esso non sia necessario al sostentamento personale o familiare - e di rispettare i tempi del pensionamento, evitando stipendi multipli, per condividere il lavoro e offrire ad altri una possibilità lavorativa» -         Consacrare a Dio la vita sociale e politica: appare sempre più chiaro come tutta l’emergenza che avvolge tale settore è prima di tutto morale. Lo ha affermato proprio qualche giorno fa anche il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana citando la Caritas in Veritate che identifica nel «sottosviluppo morale» la radice di tanti mali E voglio gridarlo forte anch’io: l’impegno politico dei laici è urgente, necessario ed è una forma di carità; ma è da riservarsi esclusivamente a cittadini onesti, che rispettano le leggi, che non evadono il fisco, che rifiutano la logica del clientelismo o della raccomandazione, che non cercano il proprio tornaconto né il potere. Dio «rovescia i potenti dai troni e innalza gli umili» (cfr. Lc 1,51), canta Maria nel Magnificat; è l’umiltà di chi intende anche la politica come servizio alla dignità dell’uomo e al bene comune, come difesa di quei valori per i quali, come ha ancora ricordato il cardinal Bagnasco, «vale la pena non solo di vivere ma anche di morire»Sono certo che molti, soprattutto giovani, vivono il sogno di una politica così e chiedo al Signore che dia loro la forza per ascoltare questa vocazione e rispondervi. Allo stesso modo, sono certo che molti dei nostri amministratori desiderano questa politica; ed è per questo che, dalle pagine della Lettera Pastorale, ho lanciato un invito, ai sindaci e pubblici amministratori, ad incontrarci per riflettere insieme sul bene comune, ciascuno nel rispetto dei propri ambiti, e cercare delle soluzioni idonee alle emergenze e priorità della nostra realtà locale. -         Consacrare a Dio il creato e l’ambiente. È l’attualità della “questione ecologica”, scottante soprattutto dalle nostre parti, ma che, secondo quanto ha affermato Benedetto XVI, nasconde una questione più radicale: il rispetto dell’«ecologia umana», cioè dell’«inviolabilità della vita umana in ogni sua fase e in ogni sua condizione», della «dignità della persona», dell’«insostituibile missione della famiglia, nella quale si educa all’amore per il prossimo e al rispetto per la natura» Proprio mercoledì scorso l’Avvenire riportava le cifre spaventose che si riferiscono agli aborti volontari: 40 milioni all’anno in tutto il mondo. E, in Italia, il cosiddetto tasso abortività è di 21,3 aborti ogni 100 nati: ciò significa che ogni 5 bambini nati, ce n’è uno al quale non è concesso di vivere! Come rimanere indifferenti dinanzi a questa strage? In particolare, come può stare tranquilla la Chiesa e voi, laici di questa Chiesa? -         Cari amici, «nessuna vocazione e nessun apostolato sarebbe pensabile se non sgorgasse da un chiaro rifiuto di tutto ciò che mina ed offende la vita e la dignità umana, e se non mirasse a promuoverla»non sarebbe possibile affrontare il servizio della politica e la dignità del lavoro, il rispetto dell’ambiente e la stessa emergenza educativa, che interesserà in modo speciale la Chiesa Italiana nel prossimo decennio e che interpella in modo concreto i laici. «Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità vi dico, si cingerà le sue vesti, li farà mettere a tavola e passerà a servirli» (Lc 12,37). Sì, il servizio che la Chiesa fa al mondo non è un servizio sociale ma evangelico, sgorgato dalla profonda consapevolezza che la persona umana è davvero riflesso ed immagine di Dio. Questa consapevolezza avvolge in un unico abbraccio la difesa della vita nel grembo materno e nella sofferenza; l’educazione all’amore, al matrimonio e alla procreazione; la cura dell’ambiente e della città dell’uomo; l’accoglienza dei poveri e degli ultimi, degli emarginati e degli stranieri; le necessarie scelte di sobrietà e di rifiuto del consumismo e dell’individualismo. È anche nella luce di questo servizio che ho voluto in diocesi la Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da don Oreste Benzi, alla quale ho affidato una Casa-famiglia per l’accoglienza delle persone in particolari difficoltà, soprattutto minori; la lotta alla prostituzione, a partire dalla Marcia anti-tratta che si svolgerà il 4 settembre prossimo; l’impegno di preghiera, nella Casa di Spiritualità che nascerà presso la Chiesa di Santa Maria delle Grazie a Rossano.   «Non temere piccolo gregge, al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno». Carissimi fratelli e sorelle, iniziando l’Anno del Laicato sentite rivolte a voi queste bellissime parole di Gesù, consapevoli che voi, laici nella Chiesa, siete un piccolo un gregge, scelti e amati da Dio uno per uno; e siete anche la sposa dell’Agnello di cui ci parla l’Apocalisse (cfr. Ap 19,7-8), alla quale è data in dono una veste pura, bianca, splendente: la veste della santità. Celebriamo quest’anno i 1100 anni dalla nascita di San Nilo: e, come ci insegnano i santi e come vi scrivo a conclusione della mia Lettera Pastorale, santità significa «vivere tutto con amore. È questo il messaggio centrale della vita della Vergine Maria: ed è questo che oggi Le chiedo per voi, consacrando a Lei questo Anno del Laicato e preparandomi a consacrare a Lei tutti i laici della diocesi, il prossimo anno, con un Pellegrinaggio al Santuario di Guadalupe in Messico. Cari amici, la santità è sempre possibile, anche nelle vicende del mondo nelle quali voi laici siete inseriti; ed «è la santità, è l’amore che vi fa trattare le cose temporali con la luce delle cose eterne, trasformandole in cose eterne. Che non ve le fa valutare per quello che danno in termini di guadagno, piacere, fatica o anche fastidio, ma […] vi fa valutare e vivere le cose, cioè il “mondo”, “per Regno dei cieli”. È questa la spiritualità dei laici: non l’evasione dal mondo ma il gridare con le proprie scelte e la propria silenziosa preghiera che è questo mondo chiamato ad essere Regno di Dio, oggi e nell’eternità» Sì, la santità è sempre possibile: e voi dovete dimostrarlo. Con il suo esempio, la sua protezione, il suo amore materno, la Vergine Achiropita vi aiuti a crederlo e a viverlo, affinché, davvero, «il mondo diventi cielo» E così sia!>>.  + Santo Marcianò

di Redazione | 16/08/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it