We're sorry but our site requires JavaScript.

 


San Fili (Cosenza) - L’infelicità delle donne


di LOREDANA NIGRI - Per ‘Mmaculatina la partenza di Giovanni fu terribile, come se una lama sottile e affilata l’avesse tagliata in due metà uguali. Una metà sarebbe rimasta a Gelusa, l’altra avrebbe accompagnato Giovanni in Brasile. Dal Brasile lui le scriveva che quella non era terra dove far crescere Donata. Che il tempo sarebbe passato presto e che doveva avere pazienza e fiducia in lui. E ora, che il tempo era passato, ma non in fretta, non ce la faceva più, e aveva deciso di rivolgersi direttamente alla Madonna con la rosa. Doveva far tornare Giovanni suo! Lei in cambio, e in segno di devozione, gli avrebbe sacrificato l’unico suo tesoro. Quello da cui prendeva la forza. I capelli. Dal primo cassetto del comò tirò fuori le forbici nuove dall’impugnatura d’ottone, comprate apposta la domenica prima alla fiera. La mano assassina che ora le impugnava ubbidiva ad una volontà ferrea, ma lo stesso tremava ed era incerta. Con uno sforzo sovrumano strinse la treccia tra le lame. Quella stessa mattina ‘Mmaculatina la portò alla Madonna con la rosa, al Santuario. Accorata disse alla Madonna:

         Mmaculatina. Vedova bianca di un secolo fa*

         Madunnella mia amata, ’Mmaculata è riturnata!

Tu lo sapicum’ioeru, ‘nnamuratatinìa u ceru.

 

         Iu fortuna unn’aiuavutu, ca’ Giuvannisinni è iutu

cu nu grannibastimientu m’ha lassatuintrùturmientu!

 

Mi vriguognu a tu’ dì, bella e pura cumu sì,

ma pur’io Madonna casta, ara vita aiu dittu basta!

 

Nentecchiù baci e abbrazzi né parole di cunfuortu

e maritummaunn’èmuortu!

 

M’ha lassatuguagliunella, fresca e puiacuma a sita,

signuinveci diventata, navecchiazza  ‘nzanzanita.

 

Sù  passati diciott’anni  di  chiangiute  e  assà d’affanni,

un ci à fazzucchiù  da sula,  iu ti prego mia signora,

 

fa  turnà a mio maritu, du Brasile addu’èfinitu.

Iu ci speru,  iu t’imploru,  Madunnella mia di d’oro.

 

I capilli un tiegnucchiù:  su pètia e pè  Gesù

caiusperu grazia certa, fa turnà Giovanni Cerza.

 

Sulu  n’annu da spusata, tutta a vita ‘ncatinata.

Certi vote Madunnella, intra i notti lunghe e scure

 

iu m’avvrazzu sula sula, poi la faccia m’accarizzu

e di labbra ‘mpizzu ‘mpizzu,

 

m’escia i  l’anima cocente nu sospiru ’mpertinente!

È piccatuiu già lo sò, mi cunfiessu cu dolor

 

si luvuogliucussìtantu, aru sposo miuarucantu!

Eppuruoie ti prumiettu, a tia donna beneditta

 

ca si torna miumaritu, un ci dugnumancu ‘u ditu.

 

Vogliusulu compagnia, e nu patri pe’ a figlia mia

ché cresciuta inorfanita di nu patri ancora in vita.

 

Grazie Grazie Madonna mia e proteggimi la via!

Finito che ebbe di pregare, tornò a casa, dove aspettò fiduciosa giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno.

Ma Giovanni, non tornò più. 

*Tratto da Gelusa, Dalla Costa, Bergamo 2012


di Redazione | 29/10/2016

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it