We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Firmata convenzione per acquisizione museo civico dei reperti ritrovati negli scavi cosentini e custoditi altrove


È davvero un momento di grande fermento per il Museo dei Brettii e degli Enotri e soprattutto di importanti riconoscimenti alla propria attività. Ne è ulteriore testimonianza la firma che la Dirigente del Servizio Musei Giuliana Misasi e la Soprintendente per i Beni Archeologici della Calabria Simonetta Bonomi hanno apposto su una convenzione che di fatto sancisce l’acquisizione al Museo Civico di Cosenza dei reperti archeologici ritrovati nei diversi scavi avvenuti nella città e custoditi, ad oggi, presso le strutture museali di Reggio Calabria e Sibari. La formalizzazione dell’atto – riferisce testiualemente una nota dell’Ufficio stampa del Comune di Cosenza - è stata preceduta da un incontro con il Sindaco Salvatore Perugini che è servito a mettere a fuoco le ricadute di un siffatto accordo di collaborazione sul nostro territorio e sul Museo Civico, che assurge a polo di riferimento culturale. È questa l’implicazione maggiormente evidenziata anche dalla Dirigente Misasi che ha sottolineato – ed è ben specificato in convenzione – come “l’accordo vada aldilà del deposito di reperti nel nostro Museo quanto piuttosto riconosce nella struttura un punto di riferimento per la tutela, normativamente di esclusiva competenza statale”. Vale la pena soffermarsi su questo passaggio che per il Museo Civico dei Brettii e degli Enotri, non è solo un riconoscimento di standard qualitativi, quanto presuppone il suo ingresso in un circolo virtuoso che lo pone, sempre in stretta collaborazione con la Soprintendenza per i beni archeologici della Calabria, nelle condizioni di gestire al meglio il patrimonio archeologico acquisito, diffonderne la conoscenza attraverso attività didattico-divulgative e scientifiche, acquisire direttamente i ritrovamenti occasionali nel territorio cittadino e nel suo hinterland dandone contestuale comunicazione alla Soprintendenza regionale. Anche le attività di scavo archeologico, quelle per normativa di competenza statale, potranno essere oggetto di progetti comuni e svolte in collaborazione. Su tutto vigerà la direzione scientifica della direttrice del Museo, Marilena Cerzoso, che guarda già alla grande mole di materiali che nel prossimo autunno si riverseranno sul Museo Civico. “I primi scavi ufficiali a Cosenza furono nel 1986 – ricorda – ma prima ancora, dall’inizio del secolo agli anni ’30, ci furono tanti ritrovamenti sul territorio durante lavori nel centro storico”. La Cerzoso guarda poi con grande curiosità scientifica alla possibilità che, come successo in fase di allestimento del Museo, anche stavolta i ‘nuovi’ reperti possano raccontare di aspetti non conosciuti o conosciuti parzialmente. “Far parlare questi reperti – continua – significa riempire dei vuoti storici che pur ci sono. Quello più importante, tra l’età romana e l’epoca successiva”. Saranno mesi di studio appassionato i prossimi, mentre il Sindaco Perugini e la  Soprintendente Bonomi concordano, con lungimiranza, la necessità di approfondire la conoscenza di questo patrimonio con una importante occasione di studio. Il Sindaco evidenzia come nel documento preliminare del Piano Strutturale, proprio oggi presentato alla Giunta, sia dominante la riqualificazione dell’assetto e del ruolo territoriale del centro storico. Un documento per il quale a settembre partirà la concertazione, anche con le Soprintendenze. Una prospettiva accolta con molto favore dalla dottoressa Bonomi che, alla luce del rischio archeologico che coinvolge anche il nostro centro storico, rilancia l’esigenza di individuare modi e fonti di finanziamento per arrivare alla definizione di una carta archeologica che serva finalmente ad avere un quadro preciso ed a regolamentare interventi pubblici e privati.  

di Redazione | 04/08/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it