We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Antonelli a Mascaro: Istituire l’Assessorato per la Città del Codex


Tra le priorità del prossimo governo civico dovrà esserci, perentoriamente, il rilancio delle politiche per lo sviluppo della Città e del territorio. Rossano, in questo percorso obbligato di crescita, è chiamata ad avere un ruolo trainante. Innanzitutto perché è forte di un potenziale turistico-commerciale che deve essere messo a frutto, nel migliore dei modi. Partendo da una priorità: quella di sfruttare al meglio la presenza permanente del Codex Purpureus Rossanensis, patrimonio universale Unesco; creando attorno a questa meraviglia monumentale un indotto economico che possa stravolgere i connotati del Centro storico e più in generale del comprensorio dell'Area urbana Corigliano-Rossano. È una sfida che possiamo e dobbiamo vincere solo noi, da cittadini attenti e partecipi alla vita della Città, insieme alla prossima Amministrazione comunale. 

A ritornare sull'essenzialità di rilanciare l'economia locale, sfruttando la leva dell'unicità del patrimonio artistico-culturale e dell'identità, è Lorenzo Antonelli, già vice presidente uscente del Consiglio comunale di Rossano e promotore del tavolo istituzionale permanente per la promozione di Rossano Città del Codex. Che, nel formulare gli auguri sinceri di buon lavoro al neo eletto sindaco Stefano Mascaro, ribadisce i concetti essenziali che sono stati al centro del suo mandato consiliare. 

Purtroppo - dice Antonelli - le contingenze politiche non ci hanno permesso di avviare in tempo un'azione programmatica istituzionale e amministrativa pervicace, mirata alla migliore accoglienza del Codex, che dopo il lungo restauro e a seguito della sua elevazione a Memory of The World dell'Unesco nel 2015, il prossimo 2 luglio tornerà nella sua dimora storica di Rossano. Data per la quale sono stati previsti appuntamenti istituzionali e religiosi, anche per la giornata del 3, che comprenderà l’inaugurazione delle nuove sale del Museo Diocesano di Arte Sacra. Ma credo sia necessario, parallelamente alla grande opera e al determinante impegno posto in essere dalla Chiesa Diocesana, alla quale rivolgo un sentito ringraziamento e un sincero augurio, per riqualificare uno tra i più importanti monumenti custoditi in Calabria, avviare un'azione di coscienza e consapevolezza tra i cittadini rossanesi e del territorio attorno a questa meraviglia artistica. In molti, infatti, ancora disconoscono l'enorme potenziale turistico-economico che il Rossanensis porta con sé, insieme alla sua inestimabile preziosità e unicità monumentale. Ecco perché - ribadisce Antonelli - occorre ripartire da qui per pianificare il futuro della nostra città. Non è un caso che tra le prime azioni istituzionali a cui sarà chiamato il nuovo Sindaco ci sarà proprio l'accoglienza del Codex. Un presagio oltre che un buon auspicio che, in modo chiaro, traccia la via del prossimo Esecutivo civico. Il quale dovrà sfruttare al meglio questa grande opportunità per ridare vigore al commercio, al turismo e più in generale all'economia realizzando attorno a questa realtà una serie di servizi per l'accoglienza e sensibilizzando le più importanti forze imprenditoriali di Rossano, dell'Area urbana e della Sibaritide ad investire per creare, nell'indotto del canale turistico, innanzitutto un sistema di marketing e promozione sul larga scala del brand di Rossano Città del Codex e a seguire una rete logistica per la permanenza dei flussi di visitatori e nuove realtà attrattive, come lo sono stati negli anni scorsi e continuano ad esserlo il museo della Liquirizia Amarelli piuttosto che l'Acquapark Odissea 2000. 

Per fare questo - aggiunge ancora l'ex Vicepresidente del Consiglio comunale nonché imprenditore balneare - è necessario che la politica e le Istituzioni regionali e locali pongano il Codex al centro dell'azione di Governo. A proposito, ho appreso con piacere, nei giorni scorsi, l'intenzione del Segretario questore del consiglio regionale, l'On. Giuseppe Graziano, di chiedere alla Giunta Oliverio l'istituzione di un capitolo di spesa annuale destinato alla promozione del Codice Rossanese, che potrebbe servire a creare nuovi servizi per il turismo. Così come sono certo che il nuovo sindaco Mascaro, da sempre sensibile a quelle che sono le problematiche dello sviluppo e con una nota predilezione verso la cura e la custodia dell'identità, saprà cogliere le prerogative insite nella proposta, che lanciai nel 2014, di istituire il tavolo tecnico sul Codex. In tal senso potrebbe essere lungimirante e positiva l'intenzione di istituire, con la prossima Giunta comunale, un Assessorato per la valorizzazione e la promozione permanente della Città del Codex. Sarebbe questo - conclude Antonelli - un primo e importante segnale verso quella necessaria azione di coinvolgimento della comunità in quella che deve essere, obbligatoriamente, la principale fonte di rilancio dell'economia locale. Se fallissimo anche questo obiettivo rischieremmo di ritrovarci in un Città senza più alcun futuro. 


di Redazione | 24/06/2016

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it