We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Le emozioni: la voce dell’anima


di MARIANNA ANDREOLI - Cosa sono le emozioni? Sono la voce della nostra anima, energie emotive che vengono dal profondo e che guidano le nostre azioni ma soprattutto le nostre motivazioni. Sono semi nel terreno del nostro Io che vanno coltivati e curati per crescere sani e rigogliosi e  per dare buoni frutti. Sono la nostra bussola. Rabbia, paura, tristezza, gioia, sorpresa, amore, gelosia, allegria, vergogna, ansia, speranza. Ci fanno sudare le mani, aumentare la frequenza cardiaca, arrossire, sorridere, ci mettono in fuga, provocano panico, ci fanno tremare gli arti, ci fanno provare sensazioni indescrivibili.  Ma tutte  le emozioni, anche quelle ritenute o percepite come “sbagliate”, sono l’espressione della nostra forza interiore. E ciò che consente di governarle e guidarle nelle direzioni più vantaggiose possibili è l’ “intelligenza emotiva”, un mix di autocontrollo, empatia ed attenzione verso gli altri che consente alle emozioni che fluttuano in noi di divenire un’occasione di crescita personale. Guai, pertanto, a soffocarle. Così, anche quelle apparentemente sgradevoli, come la paura, la rabbia, la gelosia,  sono indispensabili al nostro essere e per il nostro benessere. Ci proteggono da persone e situazioni che potrebbero risultare  pericolose o non adatte a noi. E  inconsapevolmente, risultano invece essere  la parte responsabile di una potente forza istintiva  che ci induce a mettere in atto comportamenti preposti ad adattarci alla realtà nella maniera più consona. Non bisogna, dunque, annullarle o reprimerle. Occorre ascoltarle senza però farsi travolgere. Dialogare efficacemente con esse. Se le soffochiamo, possono reprimere il nostro Io e velarlo, renderlo incomprensibile. Accolte  e manifestate in modo sano, aiutano a esprimere a pieno la propria personalità ma soprattutto facilitano le relazioni interpersonali e ci attribuiscono un’identità, la nostra identità. Quotidianamente ci confrontiamo con queste misteriose ed invisibili alleate della nostra mente e del nostro corpo.  A volte le decodifichiamo come scomode interferenze, perché sembrano  complicarci o addirittura ostacolare le nostre azioni, la vita. Altre volte sopraggiungono in modo così intenso o  fuori luogo che emozionarsi diventa quasi una colpa, lo smascheramento  di una debolezza, il mettere a repentaglio la capacità di autocontrollo. Altre volte poi, paralizzano ogni nostra iniziativa, facendoci lottare contro l’ignoto. Nonostante ciò, occorre essere consapevoli che sono proprio le emozioni a renderci umani, altrimenti saremmo degli automi. Come si vivrebbe senza amore, senza gioia, sorpresa o speranza? E quante volte anche la rabbia, la paura, il dolore  ci hanno protetto da persone e situazioni pericolose? Le emozioni non sono altro che una sorgente di informazioni indispensabili. Input per comprendere e comprenderci. Per non perdere di vista cosa vogliamo.  Per intuire cosa sta succedendo dentro e fuori di noi. E anche quando ci mettono in imbarazzo e in difficoltà sono comunque energie costruttive, sempre se vissute consapevolmente. E  allora come viverle nel modo più naturale possibile? Osserviamo i bambini. Essi  sono capaci di piangere e poi subito dopo ridere.  Questo è viverle secondo natura: saperle riconoscere nel momento in cui arrivano e non soffocarle, contrastarle o cercare di correggerle, bensì esprimerle serenamente. Solo così si trasformano in energia per l’autoconsapevolezza e la gestione del Sé, in forze alleate da cui c’è sempre qualcosa da apprendere. Sono il nostro copilota. Ci indicano la direzione da prendere, quando è necessario aspettare, con chi condividerle. Perché come cita Antoine De Saint-Exupery ne “Il Piccolo Principe”, “Non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”.


di Marianna Andreoli | 20/04/2016

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2018 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it