We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Un calcio ai pregiudizi. In campo i detenuti della Casa Circondariale di Cosenza.


di MARIANNA ANDREOLI - Molto più di un incontro di calcio, quello tenutosi a Cosenza tra l’Ac Morrone e i detenuti della Casa circondariale cittadina. Nel campo sportivo sono scesi i detenuti. Dietro le quinte dell’evento, la collaborazione del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria. Un’attività non solo fisica e sportiva ma soprattutto sociale. Un contributo finalizzato a edificare i valori dello sport. La possibilità di costruire un profilo sociale e personale che permette un reinserimento nella vita di tutti i giorni. E ancora. L’agire schemi e tattiche di gioco, l’interazione con i compagni di squadra, il riconoscimento di ruoli e la capacità di fare gruppo. Il rispetto dell’ avversario. L’opportunità di regalare un sorriso, la felicità di riceverlo. La gioia di un abbraccio, una stretta di mano. Uno sguardo che vale più di mille parole. Novanta minuti in cui emozioni e sensazioni hanno avuto la meglio e tirare un calcio a un pallone ha significato avere un ruolo importante. Novanta minuti di svago, di socializzazione e reintegrazione. Un momento di mediazione e ricomposizione. Un contatto con la realtà. La promozione del  benessere psico-fisico e sociale dei detenuti, i fortissimi valori etici dello sport quali rispetto di sé, degli altri. L’opportunità di giocare e godere di quel senso di creatività e libertà che è  insito nel gioco stesso. Un calcio ai pregiudizi. La condivisione dello stesso terreno all’insegna del valore della solidarietà  e nel rispetto della dignità di tutti. Di seguito il racconto della giornata, a cura di Davide Imbrogno, resposanbile della comunicazione dell'Ac Morrone: "Novanta minuti di libertà, appunti da un campo di calcio: detenuti VS Morrone. Novanta minuti di libertà. Senza barriere né limiti, se non quelli di un campo di calcio. Emozioni speciali, di quelle che rimangono impresse per sempre: come un tatuaggio marchiato a fuoco sulla pelle, sensazioni così forti che viene difficile riviverle in tutto il suo insieme. Esattamente quanto provato dai giocatori dell’Ac Morrone, che hanno affrontato in un match amichevole una formazione composta dai detenuti della Casa Circondariale di Cosenza. Ecco il racconto vissuto da uno dei ‘protagonisti’: “Il Signore vale per Tutti!” questa è la frase di rito che gli arbitri pronunciano negli spogliatoi prima di fare l’appello dei giocatori convocati, nei minuti precedenti l’entrata in campo. Involontariamente, e senza motivo, penso a questo rituale mentre mi dirigo all’appuntamento. I ragazzi dell’A. C. Morrone restano radunati davanti al campo. Sguardi di finta normalità che nascondono una sorta di imbarazzo/timore nel dover, da lì a poco, varcare la soglia di un penitenziario. La partita contro i detenuti è stata organizzata mesi prima, La prassi burocratica ha fatto trascorrere un po’ di tempo. Siamo lì, ad aspettare le 14.30. Ora d’entrata. Il campo dell’Ac Morrone dista solo qualche metro dalle mura del penitenziario. E nessuno, ci fa caso. Durante la settimana, si parcheggia proprio a ridosso delle mura. Poi, si voltano le spalle e si entra in campo. Quasi come se quella struttura fosse un comune palazzo del quartiere. Ma oggi no! Quelle stesse mura, ci ospiteranno per una partita. I giocatori già in divisa da gioco, l’allenatore, i dirigenti accompagnatori, ed io, responsabile della comunicazione della squadra. Uno dei dirigenti varca la soglia tra la libertà e la prigionia, tutti noi seguiamo. Entrati.Siamo tutti in fila in un corridoio stretto, dietro di noi, una porta blindata automatica si è chiusa. Il rumore, spavaldo, deciso e assordante della sua chiusura, ha arrestato anche le nostre parole. Oltre i vetri blindati, una poliziotta penitenziaria chiama i nostri cognomi. Uno per uno, andiamo davanti a lei – oltre i vetri – lasciamo un documento d’identità e firmiamo. E dopo aver depositato i nostri oggetti personali in una cassetta di sicurezza, uno per volta passiamo la cabina del metaldetector. Abbiamo varcato il confine, e tutti, nessuno escluso, ci siamo ritrovati all’interno delle mura. Siamo su un campo da gioco!  I nostri avversari non sono ancora arrivati. Passa poco, li vediamo avvicinarsi. Persone di diverse età (dai trenta ai sessanta), capiamo subito che qualcosa rompe gli schemi, gli stereotipi, i pregiudizi. Ognuno di loro possiede alcunché, che forse, nessuno di noi si aspettava. I “cattivi” possiedono il sorriso! Entrano in campo e sorridenti, ci vengono incontro, ognuno di loro si presenta stringendoci la mano e dicendo “Grazie!” A questo punto, noto una cosa. Uno dei detenuti giunto di fronte un nostro giocatore, resta in silenzio. Restano entrambi in silenzio. Come se fosse successo qualcosa. Si guardano negli occhi, mentre si stringono la mano. Poi, parte un sorriso silenzioso da parte di entrambi. Uno di quei sorrisi destinato a valere più di ogni altro dialogo. Entrambi vengono dallo stesso quartiere. Ci sono oltre vent’anni di età che li separa. Ma quel detenuto ricorda il nostro giocatore da bambino, quando tutti quei “Guagliuniaddri” giocavano per strada. Quando si giocava in un quartiere “…dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi..” e dove una partita veniva scommessa per una coca cola in palio. Alla fine, succedeva che partivano discussioni, litigi e la coca cola non venne mai vinta da nessuno. L’indomani restava sempre lì, pronta a essere nuovamente messa in palio. Tra loro c’è stato solo questo sguardo, nulla più. Nessun legame di parentela, solo un unico legame: lo stesso quartiere.La partita inizia. Noi e loro, ragazzini di strada. Non ci sono più recinti, ma solo della terra battuta da condividere. In palio, una coca cola da vincere. Si avvicina a noi, in panchina, un signore sui cinquanta. Aspetta il cambio per entrare e giocare. Indossa una tuta del Napoli, ci dice che fra qualche mese, dopo oltre un decennio, sarà nuovamente libero. Ci racconta dei suoi sbagli. Parla con noi. Con la voglia di chi vuole condividere le proprie scelte, i propri errori. Con orgoglio ci parla di sua figlia che si è laureata. Con amarezza del fatto che in quel giorno, così importante, lui non c’era. Dice che uscirà, e sarà dura, ma vorrà godersi quel che resta. Il fischio della fine arriva. Tutti sono sudati, e tutti, condividono lo stesso sudore abbracciandosi. I giocatori ridono, i detenuti altrettanto. Hanno condiviso lo stesso terreno di gioco per novanta minuti. Ora non ci sono più pregiudizi, ma solo strette di mani e abbracci. Tutti, ci ringraziamo, con un’innocenza smarrita. Avevamo lasciato i cellulari nella cassetta di sicurezza, niente ci ha distratto, siamo rimasti per novanta minuti con lo sguardo alzato. E dopo quel tempo trascorso, abbiamo lasciato pregiudizi, buonismo e tutto il resto al di fuori delle mura. Abbiamo portato solo noi stessi. Il cancello del campo si apre, detenuti e calciatori escono fuori. Usciamo tutti. Ci riguardiamo, sorvegliati dai poliziotti. Un’ultima stretta di mano, un’ultima battuta, un ultimo grazie. E poi vanno via, rientrando nelle mura. Tutti restiamo in silenzio. Usciamo fuori. Riprendiamo le nostre vite contenute nella cassetta di sicurezza. Qualche chiamata persa, qualche sms, qualche notifica Facebook accumulata sul telefono durante quei novanta minuti. Ora siamo nuovamente fuori, liberi. In silenzio, ripercorriamo quei pochi metri dal penitenziario verso il campo. Il sole è tramontato, e in quel quartiere, ancora una volta, nessuna ha vinto la coca cola in palio".


di Marianna Andreoli | 29/03/2016

Pubblicità

buona pasqua ionionotizie cinema teatro sanmarco rossano vendesi tavolo da disegno Il libro...mio amico 2017 bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2018 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it