We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Paola (Cosenza) - Concluso l’IP Intensive Programme Erasmus e la terza edizione di Paola in Jazz: la soddisfazione degli organizzatori


Il Conservatorio di Cosenza e l’Amministrazione comunale di Paola esprimono  piena soddisfazione per la riuscita delle due iniziative didattico- concertistiche internazionali, concomitanti e intrecciate, che si sono concluse sabato 17 luglio  in piazza del Popolo, nel centro storico della cittadina tirrenica.  “La notte del jazz”, una successione di tre concerti, ha concluso  l’IP Intensive Programme Erasmus e  la terza edizione di Paola in Jazz.  Sul palco  - riferisce testualmente una nota a firma di Pia Tucci - si sono esibiti, anche in gruppi costituiti durante  i corsi, musicisti  (docenti e studenti) provenienti dai Conservatori di Esbjerg (Danimarca) e Tromsø (Norvegia), dell’Università Internazionale di Cipro, del Conservatorio di Cosenza, che è istituzione capofila dell’IP. Ospiti di prestigio il tubista francese Michel Godard, il trombettista Marco Sannini e il violoncellista Paolo Damiani. Quest’ultimo ha avuto parole di lode per il Conservatorio di Cosenza  anche sotto il profilo  organizzativo. “La notte del jazz”  ha avuto inizio con il gruppo del sassofonista Marc Bernstein (docente e coordinatore del Dipartimento di Musica Jazz a Esbjerg). Poi  il solo di Davide Santorsola, docente di pianoforte jazz  a Cosenza. Il pubblico, sempre attento, ha manifestato particolare apprezzamento per il momento conclusivo della serata. Una grande orchestra composta da tutti i musicisti coinvolti nei due cicli di attività formativa e concertistica- più Godard, Damiani e Sannini,  per un totale di una quarantina di elementi- ha eseguito un brano inedito composto per l’occasione da Nicola Pisani (docente a Cosenza e responsabile scientifico  di IP e Paola in Jazz). Tra le voci recitanti Gino Mirocle Crisci, preside della Facoltà di Scienze all’Università della Calabria, che ha letto un articolo della Costituzione Europea. Il brano di Pisani, omaggio all’esperienza internazionale e “plurale” paolana,  è una composizione di ispirazione multiculturale e multilinguistica, che raccoglie e sintetizza elementi pop, jazz, rock e della musica balcanica attraverso voci e un gran numero di strumenti e voci,  compresi lira e tamburello calabresi. E non è mancato il riferimento alla danza popolare dell’area greca: per qualche minuto alcuni musicisti ciprioti hanno lasciato lo strumento per accennare passi  in cui hanno  coinvolto gli spettatori. Della serata sarà realizzato un dvd. Dunque  ne resterà traccia non solo attraverso il ricordo veicolato in Europa dai musicisti: rientrati  nelle proprie sedi, vi porteranno il segno di una esperienza qualificante sotto il profilo artistico e  addirittura sorprendente per quanto riguarda l’organizzazione e la logistica, curati egregiamente dagli organizzatori. L’immagine della Calabria non potrà che beneficiarne. Dati i risultati tutti positivi, il Conservatorio di Cosenza e l’Amministrazione comunale di Paola hanno già avviato la programmazione della quarta edizione di Paola in Jazz e della seconda edizione dell’IP Intensive Programme Erasmus. È intenzione degli organizzatori allargare il numero dei Paesi europei partecipanti.  

di Redazione | 25/07/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it