We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - La quinoa: il cibo degli Incas


di VALENTINA POMETTI - Alle pendici delle Ande nasce una pianta particolare che, per l’aspetto dei suoi semi e per le sue caratteristiche culinarie, è definita uno pseudo-cereale anche se in realtà appartiene alla stessa famiglia degli spinaci. E’ la quinoa: leggerissima, digeribile e molto nutriente.

Attualmente viene coltivata in Ecuador, in Bolivia, in Asia e in Africa.
Sebbene la più diffusa varietà di quinoa è la Real, ovvero la quinoa di colore grigio/giallo, al mondo esistono oltre 200 varietà.

Delle 200 varietà esistenti, le più comuni, oltre alla Real, c'è la Bear, Cherry Vanilla, Cochabamba, Dave 407, Gossi, Islunga, Kaslala, Kcoito, Linares, Rainbow, Red Head, Temuco. Queste varietà si classificano sulla base di numerosi parametri differenti tra cui sulla base del luogo di coltivazione ideale.

Le varietà di quinoa si dividono inoltre sulla base del colore del seme: si può infatti trovare rossa, bianco, beige, giallo chiaro, marrone chiaro, rosso o nera.

La quinoa arricchiva la dieta delle civiltà pre-colombiane già 5000 anni fa. Gli Incas amavano così tanto questa pianta che la definivano la “madre di tutti i semi” e le rendevano onore con una cerimonia dedicata alla sua semina a cui prendeva parte persino l’imperatore in persona.

E’ vero che per il suo aspetto e per il suo contenuto di amido, la quinoa può essere confusa con un cereale vero e proprio, ma per altri fattori esprime tutta la sua unicità. Innanzitutto non contiene glutine e quindi indicata per i celiaci.

Il chicco di quinoa, per il suo elevato quantitativo di proteine (variabile tra il 12% e il 20% a seconda delle varietà) è ideale per i vegetariani e per tutte quelle persone che desiderano limitare il consumo di carne senza sbilanciare la propria alimentazione.

Grazie alle proteine di qualità, agli amminoacidi essenziali, ai flavonoidi e al magnesio, al ferro, allo zinco la quinoa può essere considerata amica della nostra giovinezza. Ha proprietà antiossidanti, è protettiva del sistema cardiocircolatorio, aiuta la crescita delle cellule cerebrali e agisce sulla corretta fissazione del calcio nelle ossa.

Contiene le stesse fibre dei cereali integrali, utili per moderare l’indice glicemico del pasto, aumentare la sensazione di sazietà e stimolare il transito intestinale.

E’ più grasso dei cereali perché i lipidi rappresentano circa il 5% del suo peso a secco. Tuttavia resta una quantità ragionevole, trattandosi di “grassi buoni” come l’Omega 3.

Ha un apporto calorico controllato, per cui può essere anche introdotto nei regimi dietetici controllati.

Prima di impiegare la quinoa in cucina è bene lavarla bene sotto l’acqua corrente per eliminare la saponina, una sostanza molto amara che altererebbe il sapore. Fatto ciò va lasciata in ammollo per alcune ore, per poi essere impiegata in molte pietanze. Come il riso ed altri cereali può essere ridotta in farina per preparare del pane o della polenta.

 

Il prodotto è acquistabile in diverse farmacie autorizzate alla vendita. A Rossano è presente presso la Farmacia Noto in Viale Sant’Angelo(In questo articolo sono presenti messaggi promozionali). 

Di seguito riporto i link della mia pagina Facebook e del mio blog personale.  

https://www.facebook.com/Mangio-dunque-Sono-344309098981574/?ref=hl

http://mangiodunquesono.blogspot.it 

 


di Valentina Pometti | 16/03/2016

Pubblicità

cinema teatro sanmarco rossano 10 aprile decennale IonioNotizie.it vendesi tavolo da disegno bcc mediocrati x50 studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2018 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it