We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Trasporti basso Jonio cosentino, il grido d’allarme della consigliere Urso (Pd – Cilf)


“Basta con i big che fanno solo passerelle nel nostro territorio per le campagne elettorali! Basta con accenni marginali ai persistenti problemi del nostra area!”. Attacca in questi termini il consigliere comunale di Crosia, del Gruppo  “Pd – Costruiamo il futuro”, Caterina Urso (foto). Un proprio pensiero espresso ad alta voce. L’amministratrice locale è una donna che conosce bene il suo territorio. Ne vive quotidianamente le difficoltà. Per questo motivo lancia un urlo di preoccupazioni e, allo stesso tempo, di speranza sulla “grave situazione dei trasporti della fascia jonica cosentina”. Sulla questione l’amministratrice locale interpella la deputazione regionale calabrese. “Basta collegarsi al sito della Regione Calabria”, ha detto, “per capire che per la nostra area non è manifesta alcuna progettualità. Sullo stesso sito, ha aggiunto l’avvocato Urso, si legge che l'Assessore ai Trasporti, Musmanno, qualche giorno fa ha presentato il progetto della metropolitana leggera che collega Cosenza all'Università della Calabria, passando per Rende. E ha spiegato. “In ambito cittadino Cosenza è divisa sia a livello politico che sindacale, tra coloro che vogliono la metropolitana e quelli che non la vogliono. E mentre la nostra deputazione regionale dichiara che questo progetto proietta Cosenza in una dimensione europea, nessuno parla della costa ionica cosentina e dei quasi inesistenti collegamenti di questa zona con il resto d'Italia e persino con la limitrofa provincia di Crotone”.  La Urso, senza mezzi termini, ha sottolineato che in questo lembo della Calabria  “su rete ferroviaria non ci sono treni a lunga percorrenza, mentre quelli a breve corsa sono cari, scarsi e, peraltro, arrivano non sempre puntuali nelle poche stazioni rimaste (molte tratte locali sono state persino soppresse). Su rete stradale, invece, abbiamo la Statale106 che è sempre prima nel numero degli incidenti stradali mortali”. E ha aggiunto. “Di collegamenti con aeroporti non si possono contare tratte”. Dunque, Caterina Urso si chiede: “Possibile che non vi è alcun consigliere regionale che alzi la voce per dire che Cosenza non vuole la metropolitana leggera mentre sulla tratta ionica sarebbe vitale per lo sviluppo del suo territorio?!?”. La consigliere comunale crosiota a questo “potenziale eroe” ricorda che “il nostro è un bacino di oltre duecentomila abitanti”. Da qui l’invito della Urso a tutti i sindaci del comprensorio “di porre rimedio all’uccisione del territorio ionico cosentino. I nostri operatori turistici hanno bisogno di infrastrutture per decollare, attivandosi per chiedere tempestivamente a tutta la deputazione regionale e in particolare all'assessore ai Trasporti Musmanno un tavolo di incontro congiunto per discutere e progettare collegamenti della fascia ionica con l’aeroporto di Crotone, il ripristino dei treni a lunga percorrenza con il resto d'Italia, il ripristino delle fermate in tutte le stazioni locali, una metropolitana leggera da Trebisacce a Catanzaro”.


di Redazione | 08/03/2016

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it