We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Comunicare: capire e farsi capire, la chiave della felicità!


di MARIANNA ANDREOLI -
Cari lettori, nell’articolo di presentazione della rubrica, ho riferito che la nostra identità si costruisce sempre e solo in relazione agli altri.E allora, attraverso quale strumento noi interagiamo? Il medium che collega la natura umana al mondo è la comunicazione.Le mille coloriture del linguaggio possono sì rivelare il nostro profondo mondo interiore, ma possono anche velarci e renderci incomprensibili. Può significare l’eclissi della relazione! L’interazione è un fenomeno alquanto complesso, proteiforme in quanto tende a presentarsi diversamente a seconda delle circostanze,pervasivo dal momento che in tutto e per tutto rientra nella vita sociale.Si è talmente in interazione che una qualsiasi modificazione dei propri modi di essere comporta una modificazione di tutti gli altri.Le azioni, le reazioni, le attitudini e quindi i comportamenti individuali sviluppano delle relazioni e così … ci si esprime in mille modi e maniere: parlando, stando in silenzio, attraverso i gesti, tono della voce. Non si può farne  a meno … coscientemente o non, si comunica con gli altri interagendo. Sin dalla nostra nascita entriamo a far parte di un sistema di acquisizione delle regole  della comunicazione.Allenarci dunque, passo dopo passo, a una comunicazione consapevole è la via maestra per sviluppare la cosiddetta “competenza sociale”. La capacità di contribuire a costruire una società in cui ci si senta a proprio agio si sviluppa comunicando in modo costruttivo e congruente, in modo chiaro ed efficace.

Un atto di comunicazione si verifica in presenza di fattori quali:

  • Un emittente, ovvero colui che produce il messaggio
  • Un codice, il sistema di riferimento in base al quale il messaggio viene prodotto
  • Un messaggio, che consiste nell’informazione trasmessa e prodotta secondo le regole del codice
  • Un contesto, la situazione in cui il messaggio è inserito e a cui si riferisce
  • Un canale, un mezzo fisico o ambientale che rende possibile la trasmissione del messaggio
  • Un ricevente, che è colui che riceve il messaggio e lo decodifica.

L’attribuzione al messaggio di uno stesso significato, l’utilizzo di uno stesso codice, da parte degli interlocutori, delinea una comunicazione efficace.Si determina, invece, una comunicazione inefficace quando i contenuti del messaggio risultano essere ambigui o non c’è chiarezza di obiettivi. Noi esseri umani costruiamo il nostro mondo comunicando, attraverso i modi della nostra comunicazione creiamo atmosfere di qualità, o meno. Il linguaggio giusto ci aiuta a star bene con gli altri e con noi stessi.

 


di Marianna Andreoli | 22/02/2016

Pubblicità

cinema teatro sanmarco rossano 10 aprile decennale IonioNotizie.it vendesi tavolo da disegno bcc mediocrati x50 studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2018 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it