We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Pescara (Pescara) - Conferenza stampa per interventi dopo tromba d’aria, il parere dell’assessore comunale ai Lavori pubblici


“Mercoledì Pescara è stata investita da un evento assolutamente imprevisto, una tromba d’aria che ha colpito una parte della città provocando danni evidenti, specie nella zona dei colli e nel centro cittadino. Tuttavia la reazione della macchina comunale e del  Nucleo della Protezione civile è stata immediata, tempestiva e risolutiva: in pochi minuti abbiamo allestito una vera Unità di Crisi presso il Comando della Polizia municipale predisponendo gli interventi più urgenti: già nella notte i mezzi della Attiva sono intervenuti per la rimozione del pietrisco sceso a valle, nelle strade, dalle colline, mentre stamattina si aprirà, come previsto, il cantiere per avviare la sistemazione definitiva della voragine aperta in via Di Sotto, ripristinando le opportune misure di sicurezza. L’evento straordinario è stato affrontato e superato dalla città nel migliore dei modi”. Lo ha detto l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Pescara Alfredo D’Ercole nel corso della conferenza stampa convocata per fare il punto e un bilancio dei danni provocati nella giornata di dell’altro ieri dalla violenta tromba d’aria che ha spazzato la città, ma anche – riferisce testualmente una nota dell’ufficio stampa del Comune di Pescara - per ufficializzare gli interventi già preventivati per il ripristino delle condizioni di sicurezza sul territorio. “L’evento meteorologico registrato ieri è stato sicuramente eccezionale – ha ribadito l’assessore D’Ercole -, sintomo della progressiva tropicalizzazione del nostro clima: in pochi minuti siamo passati da temperature elevatissime a una precipitazione intensa: in trenta minuti su Pescara sono caduti 15millimetri di pioggia, ossia 15 litri d’acqua per metro quadrato, la stessa quantità che solitamente si registra in ventiquattro ore, un decimo di tutta la pioggia registrata nel 2000, quando si verificò l’emergenza ‘acqua alta’ con l’allagamento del carcere, immerso in un metro e mezzo d’acqua, quando però la pioggia era caduta per 36 ore di seguito. Purtroppo l’episodio non era stato assolutamente previsto, né dalla Protezione civile, che non ha infatti inviato il solito fonogramma, né dai vari servizi meteo, né tantomeno dalla Capitaneria di Porto. Nonostante tutto l’amministrazione comunale ha fronteggiato nel modo migliore la situazione: già dalle prime gocce di pioggia abbiamo avuto chiaramente il sentore di non trovarci di fronte al solito acquazzone, ma che stava per accadere qualcosa di straordinario, quindi ci siamo subito ritrovati presso il Comando della Polizia municipale con l’ingegner Salvati, il Nucleo della Protezione civile, vigili urbani e Attiva, dove abbiamo allestito Unità di Crisi e task force per il pronto intervento sul territorio, mettendo in moto la macchina dei soccorsi. La situazione più grave si è verificata in via Di Sotto – ha confermato l’assessore D’Ercole – dove si è appesantita la situazione della voragine determinata dal cattivo funzionamento della cassa di frenata esistente all’interno della nuova condotta fognaria. La cassa, infatti, esercita un’azione di blocco eccessivamente forte che, automaticamente fa risalire lungo la condotta l’acqua facendo saltare lo stesso manto stradale. Ieri sera abbiamo subito transennato il fosso mentre domattina sul posto apriremo il cantiere che prevede l’installazione di nuove paratie che faciliteranno il deflusso dell’acqua, un cantiere che sarà concluso entro la fine della prossima settimana, anche per consentire il transito del Trofeo Matteotti”. E problemi si sono registrati in “via Nazionale Adriatica nord, dove pure stiamo già operando per la realizzazione della nuova condotta fognaria – ha elencato l’assessore D’Ercole -; dinanzi al civico 165 un albero ha tranciato di netto un cavo dell’energia elettrica, lasciando senza luce alcune famiglie sino alle 4 di stamane. Ma anche l’Enel si è subito attivata per ripristinare la corrente; disagi anche in via Latina, via Rieti, via Pizzointermesoli, dove si è registrato uno smottamento già recintato e delimitato, all’incrocio tra via Monte Faito-via Monte Pagano, in via Tiepolo, all’incrocio tra via Caravaggio e via Nazionale Adriatica nord, in via Segantini, via Cadorna, tra la strada-parco e viale Kennedy, strada Vecchia della Madonna-via Monte di Campli, via Valle di Rose, Salita Zanni-via Caravaggio, sull’intera via Caravaggio, all’incrocio con via Settembrini, in via del Santuario, dalla parrocchia del Cristo Re sino a via Colle di Mezzo, e poi in via Fonte Romana, dinanzi all’ingresso del Pronto soccorso dell’ospedale, in via del Circuito, in viale Pindaro-via Marconi e all’incrocio con Capacchietti verso Villa Fabio. In tutti i casi si è verificato il rialzo dei tombini, sotto la spinta dell’acqua che è caduta con violenza. In strada, per tamponare l’emergenza, abbiamo subito dislocato le squadre della Attiva che hanno provveduto a ripulire le carreggiate stradali e a risistemare i tombini lavorando per tutta la notte. Gli interventi sono stati immediati, e la stessa Protezione civile regionale si era subito dichiarata disponibile a supportarci, ma fortunatamente la situazione è rientrata già in serata. L’evento ci ha comunque permesso di testare il perfetto coordinamento della Protezione civile”.  

di Redazione | 23/07/2010

Pubblicità

Progetto Spes, oggi una conferenza stampa

L'aquila: Progetto Spes, oggi una conferenza stampa

L'Aquila, 23/07/2010
di Redazione

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it