We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Corigliano Calabro (Cosenza) - Fusione, Geraci incontra candidati sindaco Rossano


Il pluralismo di opinioni, emerso nel dibattito consiliare sull'atto di impulso per l'indizione del referendum popolare sulla fusione con la Città di Rossano, rappresenta il vero valore aggiunto, in termini di espressione democratica, della scelta, fortemente voluta un anno fa dai consiglieri comunali di Corigliano, di approfondire contenuti, metodi e sfide sottese a questa scelta storica per l'Area Urbana, la Sibaritide e la Calabria. È quanto dichiara il Sindaco Giuseppe Geraci (foto) ribadendo la qualità e la maturità di tutti gli interventi e delle posizioni liberamente espresse in merito all'approvazione o alla stessa contrarietà all'avvio dell'iter che porterà le due popolazioni a decidere sulla effettiva volontà di fondersi unico comune. Il Primo Cittadino coglie l'occasione per invitare, giovedì 11 febbraio alle ore 16, nella sala conferenze del Castello Ducale, tutti quanti hanno già espresso la volontà di candidarsi a sindaco della città di Rossano, per avviare un confronto operativo, opportuno ed urgente soprattutto dopo l'approvazione dell'atto di impulso, su quanto concretamente le due città possono e devono già condividere sin da ora, prima ed in vista del referendum sulla fusione. La salutare diversità di opinioni manifestata nell'ultima assise – scandisce GERACI – e che continua ad essere giustamente rivendicata dai singoli consiglieri di Corigliano, favorevoli o contrari all'avvio dell'atto di impulso o della stessa fusione tra le due città, rappresenta il più attendibile termometro del tasso di vivacità culturale e di democrazia interna vissuta ed interpretata, senza tabù né preconcetti di nessuno tipo, dalla classe politica cittadina. Non condividendo nessuna forma di intollerabile messa all'indice di quanti hanno legittimamente assunto posizioni minoritarie – va avanti – continuo a ringraziare tutti i consiglieri per la bella pagina di storia cittadina e territoriale scritta insieme, nella diversità, lo scorso 1 febbraio. Con un risultato che deve essere sottolineato sempre e con chiarezza: l'aver cioè riportato nelle sedi istituzionali e nelle prerogative dei loro unici rappresentanti democraticamente eletti una questione cruciale e strategica che rischiava altrimenti di restare chiusa, elitaria e sostanzialmente incompresa dalle maggioranza due comunità interessate.   Sfuggendo, da una parte, a logiche e schemi da pensiero unico e, dall'altra, a tempi e metodi imposti dall'esterno alle uniche sedi deputate a tradurre le volontà popolari territoriali, ovvero i consigli comunali, con la pausa di approfondimento sui contenuti e nella società, abbiamo liberato il dibattito ed il confronto politico ed istituzionale sulla fusione; un risultato – conclude GERACI – del quale tutti i consiglieri di Corigliano, di maggioranza e di opposizione, favorevoli e contrari all'atto di impulso, possono e devono andare fieri. 

di Redazione | 07/02/2016

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it