We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Surroga in Consiglio provinciale, il sindaco Russo contro-replica a Lucisano


Surroga in Consiglio provinciale, botta e risposta fra il sindaco di Crosia, Antonio Russo (foto) e il consigliere provinciale Piero Lucisano (ex consigliere comunale di Rossano). Dopo le dichiarazioni di quest’ultimo, è giunta immediatamente la contro-replica di Russo. <<Se uno Statuto valesse più della Legge>>, ha esordito il Primo cittadino crosiota, <<allora saremmo tutti legislatori! Uno Statuto non può colmare un eventuale vuoto normativo, che, nel caso specifico, non sussiste. E mi riferisco>>, afferma, <<alla Legge n. 56/2014 Delrio che nel penultimo capoverso del comma 69 dell’art. 1 stabilisce chiaramente che “la cessazione dalla carica comunale comporta la decadenza da consigliere provinciale”>>. E prosegue. <<Non posso che rimanere interdetto davanti a inesattezze e accuse, rivolte non soltanto alla mia persona ma anche al ruolo Istituzionale che ricopro e per il quale rappresento una cittadina di 10mila abitanti, ma anche il comprensorio, ben compatto e solidale, della Valle del Trionto e del basso Jonio>>. Russo chiarisce che essendo sindaco da circa un anno e mezzo <<sono ben lontano da qualsivoglia campagne elettorali>>. Inoltre, a giudizio dell’avvocato Russo <<anche se si volesse far riferimento al “salvagente” dello Statuto provinciale (ultimo comma dell’art. 7), a dispetto della Legge Delrio, il quale indica che “in caso di scioglimento anticipato del Consiglio comunale di cui il consigliere o il sindaco eletto fa parte, perdura la carica di consigliere provinciale fino alle nuove elezioni”, bisogna comunque tener conto del fatto che lo stesso Lucisano non è stato “vittima” di uno scioglimento anticipato del Consiglio comunale, bensì artefice, avendo rassegnato consapevolmente le proprie dimissioni, dunque con effetto immediato di decadenza dalla carica>>. Per il sindaco di Crosia sulla questione <<si è messa in atto un’incomprensibile controversia che non ha alcun fondamento. Se davvero si verificasse la singolarità di far prevalere uno Statuto provinciale su una Legge che non ha alcun vuoto normativo, come qualcuno sta cercando di far credere, saremmo in presenza di un paradosso che porterebbe a un precedente pericoloso e sconsigliabile per il quale tutti gli Enti locali potrebbero modificare i propri Statuti anche contro la Legge>>. Dunque, a giudizio di Antonio Russo <<Serve un atteggiamento positivo e più responsabile, soprattutto toni più pacati e parlamentari ai quali io sono avvezzo e da sempre propenso>>. L’auspicio, quindi, è <<che il Presidente Occhiuto convochi a breve il Consiglio provinciale per la presa d’atto della surroga, evitando così che continui a perdurare una situazione di grave illegittimità>>.

di Redazione | 29/01/2016

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it