We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Catanzaro (Catanzaro) - Partito democratico, le sfide per il 2016.Auguri di fine anno nella Federazione provinciale


Un Partito democratico unito e responsabile, “riferimento nell’azione di rilancio amministrativo avviato dal presidente della Regione, Mario Oliverio, accanto al governatore e al segretario regionale Ernesto Magorno nella consapevolezza che la buona amministrazione si può assicurare se alle spalle c’è un partito soprattutto coeso. Abbiamo imboccato questo percorso consapevoli della necessità di uno sforzo suppletivo, a partire da me, per ricomporre le fratture del passato. Mi auguro che andremo avanti su questa strada con l’impegno di tutti”. Si chiude bene il 2015 per il Partito democratico della Federazione provinciale di Catanzaro, nella “casa di tutti” di via Fares, la sede inaugurata a settembre dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Luca Lotti, alla presenza di tanti sindaci, segretari di circolo, amministratori, dirigenti, militanti e simpatizzati pronti a levare i calici ad un 2016 ancora più impegnativo ma ricco di prospettive, su invito del segretario provinciale – e presidente della Provincia di Catanzaro – Enzo Bruno. Al suo fianco, il segretario regionale Ernesto Magorno, parlamentare e riferimento del Partito nazionale in Calabria grazie alla cui presenza e collaborazione il partito catanzarese ha saputo ritagliare autorevolezza a livello nazionale. “Abbiamo bisogno di un partito che abbia questa impostazione – dice ancora il segretario Bruno salutando i tanti ‘amici e compagni’ presenti - come Magorno e Oliverio dicono da più tempo, e non da ultimo nel corso dell’assemblea regionale di Falerna: da questa azione coesa e responsabile parte la spinta che serve per agganciare la Calabria al resto del Paese e all’Europa. Solo una coalizione forte e un Pd unito possono spingere la Calabria ad imboccare la strada definitiva dello sviluppo”. Enzo Bruno parla anche da presidente della Provincia, ricorda gli sforzi profusi dall’Ente in seguito alla trasformazione in Area vasta imposta dalla riforma Delrio, e della vicinanza del Pd nazionale in un processo complesso che ha garantito alla Provincia di Catanzaro il mantenimento dei livelli occupazionali, il mantenimento dei servizi, la qualità mantenuta elevata in particolare per il mantenimento del sistema viario e della sicurezza degli edifici scolastici, con importanti investimenti per circa cinque milioni per le strade e venti per le scuole, lancia l’idea del nuovo regionalismo e anticipa una grande manifestazione sull’integrazione tra le aziende ospedaliere “Pugliese-Ciaccio” e Universitaria con l’intento di salvaguardare i presidi esistenti per garantire una grande azienda al servizio dei calabresi. Una saluto va poi ai consiglieri regionali Arturo Bova, Antonio Scalzo ed Enzo Ciconte e i rappresentanti catanzaresi in Giunta, Antonio Viscomi e Carmela Barbalace, assenti giustificati perché impegnati in consiglio regionale per l’approvazione del bilancio. Un ultimo ringraziamento va a Donato Riserbato, responsabile dell’organizzazione nazionale, e Giovanni Puccio dell’organizzazione regionale per l’impegno profuso nell’avvio del tesseramento che procede in un clima sereno ed equilibrato. Legalità, lavoro, infrastrutture. Sono queste le priorità per il 2016 secondo il segretario regionale, Ernesto Magorno che ribadisce: “Non c’è stata una fase di immobilismo.  La Giunta regionale di centrosinistra ha ereditato un disastro, per cui ogni segmento della nostra pubblica amministrazione, a partire dalla gestione dei fondi comunitari,  è un’emergenza.  In questo anni non siamo stati assolutamente fermi, non è stata ferma la Regione, non è stato fermo il governo nazionale. La Regione ha messo in campo numerosi progetti, a partire dal lavoro, l’utilizzo dei fondi comunitari, l’avvio di un rapporto forte con il governo nazionale. A sua volta il governo nazionale, anche grazie al contributo della deputazione parlamentare calabrese del Pd,  si è mosso in modo concreto, anzitutto con la legge di Stabilità che non guarda più al Mezzogiorno e alla Calabria come territori da assistere”. E poi, c’è il “Masterplan” per il Sud con la Regione che si sta confrontando con il governo e che prevede alcuni punti per lo sviluppo, come il porto di Gioia Tauro, le dighe, la lotta al dissesto idrogeologico, la bonifica ambientale a partire dal sito di Crotone. Insomma, in campo c’è “una massa di lavoro e di progetti capace di dare la svolta alla Calabria, c’è una grande attenzione come non c’è mai stata per la Calabria dai tempi del primo governo di centrosinistra guidato da Fanfani”. Magorno definisce la Federazione di Catanzaro come “la più importante della regione, guidata da un esponente importante del Pd, Enzo Bruno, che sta facendo bene il suo lavoro, è evidente che ci siano altre parti politiche che possono guardare al buon governo della nostra terra in maniera positiva. Il vero punto – dice ancora è la capacità del Pd di risollevare le sorti della Calabria.

di Redazione | 29/12/2015

Pubblicità

Affittasi magazzino (banner 300x170) cinema teatro sanmarco rossano bcc mediocrati x50 studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2017 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it