We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Morano Calabro (Cosenza) - Affidati i lavori di riqualificazione e ampliamento dell’illuminazione pubblica


La municipalità moranese, con apposita delibera di Giunta comunale, ha affidato alla società Enel Sole l’intervento di riqualificazione e ampliamento degli impianti di illuminazione pubblica sul territorio comunale. Saranno sostituiti nel prossimo mese di gennaio 528 corpi illuminanti di vecchia generazione, ubicati nella zona nuova dell’abitato, con altrettanti organi dotati di tecnologia led, e uniformate alla medesima colorazione le lanterne del centro storico. Si procederà, inoltre, all’installazione di orologi astronomici nelle cabine esistenti, ai quali è demandato il compito di sincronizzare accensione/spegnimento lampade con la luce solare, evitando errori o sfasamento nella regolazione dei tempi.  Molteplici gli obiettivi che l’esecutivo De Bartolo persegue. Il primo, e più immediato, una sostanziale riduzione nei consumi di energia elettrica quindi del peso della bolletta sulle finanze dell’Ente: si passerà dagli attuali 425.156 Kwh a 130.243 Kwh, pari a una diminuzione del 69,58%; in termini economici significa risparmiare 53.084,00 euro l’anno. Il secondo, direttamente connesso all’ambiente, riguarda i parametri del documento adottato dall’Unione Europea il 9 marzo 2007, che prevede per i paesi membri, entro l’anno 2020, la riduzione del 20% delle emissioni di gas serra, l’aumento del 20% dell’efficienza energetica e il raggiungimento della quota 20% di fonti energetiche alternative. Il terzo, non meno importante dei precedenti, attiene alla sicurezza, stradale e civile. Il nuovo sistema permette, infatti, un’illuminazione nettamente superiore all’attuale, con ovvie ricadute positive sul controllo a la vivibilità dei luoghi. Quarta finalità, assai rilevante per un paese turistico, la standardizzazione dell’effetto cromatico degli organi luminosi. L’impatto visivo che ne consegue può rappresentare un potente attrattore per i visitatori che ammirano la singolare forma conica del centro storico approssimandosi da sud o dai diversi punti panoramici di cui Morano abbonda insieme al suo vasto e apprezzato patrimonio culturale. Il costo dei lavori è pari a 200.000 euro, che saranno pagati dalla committenza ad opera terminata e solo se – eccellente clausola di garanzia per il Comune – saranno rispettate le promesse di risparmio sui consumi.   «Come anticipavamo nei mesi scorsi in occasione dell’operazione “relamping”, che ha interessato l’Istituto scolastico Gaetano Scorza – afferma con soddisfazione l’assessore alle Politiche Energetiche, Biagio Angelo Severino – interveniamo ora, massicciamente, in sinergia con l’assessorato ai Lavori Pubblici, sull’illuminazione e la rete pubblica, per limitare i costi energetici e aumentare i benefici per l’ambiente e la sicurezza. Lo facciamo dopo attento studio e verifiche di mercato condotte dal dirigente della nostra Area Tecnica, Domenico Martire, sia per quanto concerne la qualità del prodotto sia per le clausole di protezione. Proprio queste, che abbiamo fortemente preteso, consentiranno, infatti, all’Ente, quindi alla collettività, di non pagare l’opera in caso di mancato raggiungimento dei risparmi promessi dall’azienda».   Sulla stessa lunghezza d’onda la dichiarazione del vicesindaco Pasquale Maradei. Che segnala come l’intervento, oltre a costituire un «esempio di collaborazione virtuosa tra l’assessorato alle Politiche Energetiche e quello ai Lavori Pubblici», ponga in «sicurezza la rete di illuminazione pubblica, che sarà sottoposta a un restyling con conseguente ottimizzazione dei parametri di distribuzione dell’energia».     «Miglioriamo l’ambiente e la vivibilità del borgo, contraiamo considerevolmente la spesa energetica, guardiamo alla sicurezza con occhio vigile» dice il sindaco Nicolò De Bartolo. Lo facciamo con interventi diretti e indiretti, che mirano a modernizzare la quotidianità dei cittadini e a produrre benefici alle finanze dell’Ente. I risparmi che otterremo dall’operazione “relamping” allargata, saranno impiegati nella riduzione delle imposte locali, come più volte annunciato pubblicamente e come già abbiamo cominciato a concretizzare mediante un primo segnale sulla Tari. Teniamo fede, quindi, al programma amministrativo dicendo sempre la verità ai cittadini e realizzando sempre quanto progettiamo».

di Redazione | 09/12/2015

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it