We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Rischi fiume Trionto, domani pomeriggio a Mirto iniziativa del Movimento Cinque stelle


La salute dell’ambiente viene attenzionata dal Movimento Cinque stelle di Mirto Crosia. In modo particolare, stavolta, al centro di un’iniziativa ci sarà la situazione legata al fiume Trionto. Non si tratta di una piccola realtà, ma della fiumara più lunga d’Europa, che va tutelata. Non solo, bisogna anche calcolarne i rischi che da essa potrebbero derivarne. Ebbene, i pentastellati crosioti si sono accorti che oltre ai pericoli di carattere idrogeologico, c’è una situazione critica di degrado nella zona che costeggia il fiume. A tal proposito il Movimento politico locale ha programmato per sabato pomeriggio, 5 dicembre, alle ore 17, presso la delegazione municipale di Viale della Repubblica di Mirto, un incontro pubblico con alcuni parlamentari del M5S, fra cui, Paolo Parentela, Dalila Nesci e Federica Dieni. Lo scopo dell’iniziativa è dare contezza a tutta la cittadinanza dei pericoli cui si va incontro, cercando insieme una via d'uscita, portando il caso alla ribalta nazionale. A giudizio dei referenti locali dei Cinque stelle, è indispensabile affrontare la questione del Trionto. <<Abbiamo ancora tutti negli occhi>>, evidenziano in una nota trasmessa alla stampa, <<il disastro provocato la scorsa estate dall'esondazione del torrente Citrea, che rompendo l'argine nei pressi del centro abitato ha riversato decine di metri cubi di fango tra le abitazioni della nostra vicina Rossano. Scene di panico e lacrime che non vorremmo mai più rivedere. E' infatti nota a tutti>>, commentano, <<la pericolosità del corso d'acqua più importante dell'area urbana, con un bacino idrografico di 288 chilometri quadrati e il connesso rischio idraulico notevole, nel territorio compreso tra l'argine destro del Trionto e le altre alture alle spalle dell'abitato di Crosia, dovuto all'insufficiente rete di canalizzazione artificiale delle acque piovane>>. Inoltre, fanno notare che <<le carte relative alla perimetrazione delle aree a rischio, evidenziano la presenza di rischio idraulico nel tratto terminale del fiume Trionto, che costituisce il confine naturale tra i comuni di Rossano e Crosia. Tuttavia>>, aggiungono i pentastellati di Crosia, <<accanto al problema idrogeologico, si affiancano quelli del degrado urbano e dell'abusivismo diffuso>>. E spiegano che a seguito di loro recenti sopralluoghi <<nei vari accessi al letto del fiume, è stata constatata la presenza di rifiuti tossici e discariche abusive in notevole quantità, culminati con la segnalazione agli organi competenti>>. Una situazione che i pentastellati definiscono <<decisamente insostenibile, per la quale non possiamo più far finta di nulla né tantomeno abbassare la testa>>.

di Redazione | 04/12/2015

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it