We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Diamante (Cosenza) - Pino Daniele il 18 agosto a Diamante


Passerà dal Teatro dei Ruderi di Cirella, il 18 agosto 2010, la magia della musica di Pino Daniele e del suo “Electric Jam tour 2010” , organizzato dalla Fondazione Lilli.  Il cantautore partenopeo arriverà in Calabria per incrociare il suo lungo e prolifico percorso artistico con le nobili finalità della “Fondazione Lilli Funaro”, intitolata a una ragazza di Cosenza, che amava profondamente le canzoni di Daniele, salita in Cielo a 29 anni, nel 2004. La sesta edizione del ”Concerto per Lilli” ,- riferisce testualmente una nota della stessa Fondazione Lilli - che rientra nei cartelloni artistici del ”Peperoncino jazz festival” e di “Teatri Calabresi Associati”,  si pone l’obiettivo di raccogliere fondi da destinare alla ricerca oncologica, per dare una speranza a chi ne ha davvero bisogno.  Attraverso le edizioni precedenti, i cui protagonisti sono stati Edoardo Bennato, Francesco De Gregori, Samuele Bersani, Alex Britti e Gino Paoli,  la Fondazione Lilli Funaro è riuscita a finanziare diversi progetti di ricerca sul cancro anche attraverso l’assegnazione di numerose borse di studio per giovani ricercatori calabresi, per un totale di 70.mila euro. Sul palco, Pino Daniele sarà accompagnato da alcuni dei suoi partner storici, protagonisti dei suoi primi, eccellenti dischi (“Nero a metà”, “Vai mò” e “Bella ‘mbriana” su tutti): Agostino Marangolo  (batteria) e Rino Zurzolo (basso e contrabbasso), con la “new entry” Gianluca Podio (piano, fender e tastiere). Le parole di questo cantastorie arrabbiato, nato nei Quartieri Spagnoli e cresciuto in una Napoli, quella degli anni Settanta, assediata dalla disoccupazione e dalla camorra, hanno fortemente segnato i suoi lavori d’esordio. Dal lontano 1977, anno di pubblicazione dell’opera prima “Terra mia”, che già conteneva perle come “Napule è” e “Suonno d’ajere”, dichiarazioni di amore tormentato per la sua città, il sentiero di questo originale musicista è sempre andato di pari passo con una ricerca sonora che trova pochi eguali nel panorama nazionale. L’uso della lingua napoletana e il blues hanno fatto da collante a un’esplorazione continua, che è andata a scandagliare tutti gli altri generi: il folk di “Terra mia”, il rock blues e la fusion di “Che Dio ti benedica”, le suggestioni africane di “Non calpestare i fiori nel deserto” e “Medina”, il pop di classe di “Dimmi cosa succede sulla terra”, fino ad arrivare ai recenti “ritorni di fiamma” col blues delle radici, nell’album “Electric Jam”, uscito a marzo dell’anno scorso. Molte, negli anni, le collaborazioni illustri: Gato Barbieri, Eric Clapton,  Joe Barbieri, Alphonso Johnson, Wynton Marsalis, Chick Corea, Jeremy Meek, George Benson e Pat Metheny. Sempre identificabile, sempre riconoscibile con una cifra sonora ben distinta, Pino Daniele è amato da generazioni e arriva sul palco di Cirella, a dimostrare che con una chitarra e una voce le cose da dire possono ancora essere tante. Uno spettacolo imperdibile,  in cui i sentimenti incontreranno una buona causa.  

di Redazione | 18/07/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 cartolandia nuovo 2015 studio sociologia bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it