We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Lamezia Terme (Catanzaro) - Asp, il Procuratore Guariniello è intervenuto alla Convention sulla sicurezza negli ambienti di lavoro


Si è tenuto nella Base del 2° reggimento Aves/Sirio, sita nell'Aeroporto Internazionale di Lamezia Terme, il seminario sul tema “La cultura della sicurezza, fattore strategico e competitivo”, organizzato dall’ASP di Catanzaro - Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di lavoro (Spisal) di Lamezia Terme, diretto dal Dott. Egidio Villella, in collaborazione con altre organizzazioni, tra cui la Società aeroportuale calabrese (Sacal) e l’Efei (Ente paritetico bilaterale nazionale per la formazione). L'iniziativa era rivolta ai principali stakeholder territoriali quali: istituzioni territoriali locali, scuole,  mondo associativo, associazioni sindacali e imprenditoriali. Ai lavori, introdotti dal dott. Villella, hanno partecipato esperti provenienti dall’intera regione per sviluppare quelle azioni ed iniziative, sia in campo istituzionale, sia in campo sociale, finalizzate a consolidare e rinnovare la diffusione della cultura della sicurezza e al miglioramento delle condizioni dei luoghi di lavoro. Numerose le autorità che hanno preso parte all’evento, tra queste il Procuratore Generale, Prof. Raffaele Guariniello, che ha tenuto, alla presenza di oltre 500 persone, una lectio magistralis sulle norme contenute nel Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Il Commissario straordinario dell’ASP di Catanzaro, dott. Giuseppe Perri, ha esordito affermando che “la sicurezza sul lavoro è un tema fondamentale, importante, che, se applicato correttamente e nei giusti termini, è anche sinonimo di qualità delle organizzazioni”. Ha inoltre spiegato che “L’Azienda sanitaria, all’interno del Dipartimento di Prevenzione, ha una specifica struttura che è il Servizio Prevenzione Igiene e sicurezza negli ambienti di lavoro, composto da professionisti che hanno sviluppato una cultura della sicurezza e, soprattutto, una solida formazione nell’essere da supporto anche come vigilanti, affinché le norme previste da una legislazione che è abbastanza compiuta nel nostro paese, abbastanza moderna, vengano effettivamente applicate”. “Alcune volte - ha poi aggiunto il dott. Perri - questo è un ruolo scomodo, che richiede indipendenza di giudizio, che richiede anche rapporti preventivi di chiarezza e di collaborazione con gli enti e le istituzioni con i quali si opera congiuntamente la vigilanza. Forse su questo tema dobbiamo ancora progredire e migliorare”. Il Commissario straordinario ha inoltre dichiarato che “Sono tempi in cui tutte le Istituzioni sono obbligate a coniugare l’efficienza e l’economicità con i propri compiti istituzionali, in particolare l’Azienda Sanitaria è all’interno del piano di rientro dal debito della Regione Calabria. ” Ha, infine, concluso il suo intervento definendo l’evento “una occasione splendida di dialogo tra istituzioni”. Sulla rilevanza della sicurezza in ambito civile e militare, è intervenuto il comandante del 2° reggimento Aves Sirio, Francesco Tessitore, mentre il colonnello dell’Esercito Gianfranco Cosentino, dirigente del servizio sanitario di Sirio, ha illustrato sommariamente il testo unico che regolamenta la materia specifica, con riferimento al mondo militare. “L’aviazione dell’esercito è nata nel 1951- ha ricordato il colonnello Roberto Minini, del comando aviazione dell’esercito – e da allora la tecnologia ha offerto ambiti sempre più complessi. Il sistema integrato di gestione è fatto di responsabilità, condivisione e cambiamento. Per questo motivo  servono educazione, formazione e addestramento”. Il direttore Spisal di Catanzaro, dott.ssa Emma Ciconte, ha sottolineato che “la cultura della prevenzione deve far parte della formazione come attività interdisciplinare” spiegando che “la normativa sulla sicurezza si è notevolmente evoluta negli ultimi anni”. Nell’affermare che ogni scalo aeroportuale deve obbligatoriamente dotarsi di un sistema di gestione di sicurezza, la safety manager di Sacal, dott.ssa Teresa Ruberto, ha spiegato che “L’obiettivo è quello di attivare un circolo virtuoso, oltre la cultura della colpa imparando dagli errori e individuando le criticità del sistema”. A illustrare i rischi costituiti dal rumore, in particolare per chi lavora sulle piste degli aeroporti, è stato il fisico dell’Arpacal, dott. Salvatore Procopio, il quale si è inoltre soffermato sull’inquinamento da randon nei luoghi di lavoro, per cui esiste una normativa apposita di prevenzione. Sulla necessità di un equilibrio tra attività di vigilanza e di promozione della prevenzione è intervenuto il medico del Lavoro dell’azienda sanitaria di Firenze, dott. Fabio Capacci. “E’ fondamentale – ha inoltre commentato Capacci – coltivare le competenze tecnico-professionali e far crescere la partecipazione dei lavoratori nei processi di tutela della salute e della sicurezza”. “Per la Sacal – ha dichiarato il direttore generale ing. Pierluigi Mancuso - la sicurezza è tema fondamentale a cui viene data la massima importanza”. All’importante convention era presente anche il sindaco di Lamezia Terme, avv. Paolo Mascaro, che ha dichiarato: “La sicurezza deve entrare a far parte della formazione di ciascuno di noi. Prevenzione e sensibilizzazione su queste particolari tematiche devono costituire una rivoluzione culturale, in ogni ambito della realtà in cui viviamo, se davvero si vuole costruire una società rispettosa delle leggi e della dignità di ciascun lavoratore”.

di Redazione | 09/10/2015

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it