We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Saracena (Cosenza) - Gagliardi: la Calabria diventi regione olio di palma free


 La Calabria diventi subito una regione olio di palma free. Occorre mettere in campo tutte le strategie per ostacolare l’avanzata del grasso tropicale nelle abitudini alimentari del Bel Paese. La nostra regione possiede un tesoro inestimabile come l’olio extravergine di oliva, ingrediente essenziale della Dieta Mediterranea, patrimonio dell’umanità tutelato dall’Unesco. Abbiamo il dovere di tutelare i cittadini e promuovere il consumo di olio di oliva. Serve una massiccia campagna di comunicazione e educazione che coinvolga anche le scuole. Occorre preferire il nostro nettare verde all’olio di palma per una questione di salute personale e dei territori. Ai rischi cardiovascolari associati al consumo di olio di palma si aggiunge il disboscamento di intere foreste sotto la direzione delle grandi multinazionali del food. Invece la terra accarezzata dagli ulivi vive e moltiplica rispetto dell'ambiente e ricchezza economica.   È la proposta che ha lanciato Mario Albino GAGLIARDI, coordinatore regionale delle Città dell’Olio e Sindaco di Saracena, in occasione  del suo intervento alla prima tappa di GIROLIO D’ITALIA- SPECIALE EXPO 2015 che si è tenuta nei giorni scorsi a Matera, alla presenza di Enrico LUPI, presidente dell’Associazione nazionale Città dell’Olio, Luca BRAIA, assessore alle Politiche Agricole e Forestali della Regione Basilicata, Andrea OLIVERIO, Vice Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, e Angelo TORTORELLI, presidente della Camera di Commercio di Matera e Coordinatore regionale delle Città dell’Olio della Basilicata.   La Calabria – ha affermato GAGLIARDI, a Matera insieme al sindaco di Cerenzia (Kr) Maria LACARIA - è la seconda regione in Italia per produzione di olio extravergine di oliva ma ha difficoltà a sfruttare in maniera ottimale questa risorsa, per questo motivo i Comuni calabresi delle Città dell’Olio si propongono di intraprendere delle azioni a sostegno delle imprese locali, da un lato, a sostegno della commercializzazione del prodotto attraverso l’educazione alimentare per rendere il consumatore consapevole dei benefici di questo alimento base della Dieta Mediterranea e delle frodi dato che l’olio che si consuma spesso è difettato o addirittura non è extravergine (spesso neanche olio di oliva) e dall’altro attraverso la valorizzazione del paesaggio degli uliveti calabresi che rappresenta una risorsa da integrare alle normali attività di produzione di olio. In Calabria sono presenti molti ulivi secolari che rappresentano dei veri e propri musei all’aperto che testimoniano la nostra cultura e le nostre origini (storia, dieta mediterranea, religione, olio tra culto e mitologia). Non possiamo disperdere questo tesoro. Promuoviamo in tutti i modi il consumo del nostro olio, a cominciare dai bambini che saranno o i consumatori consapevoli di domani oppure le vittime di una massificazione alimentare che altrove da molti anni produce danni irreparabili.   All’appuntamento lucano erano presenti i sindaci di oltre 150 Comuni italiani desiderosi di promuovere e tutelare l’eccellenza dell’olio di oliva italiano.   Non svendiamo – ha sostenuto Luca BRAIA, assessore alle Politiche Agricole e Forestali della Basilicata-  i nostri terreni alla Cina. L’imperativo è rendere riconoscibili i nostri prodotti alimentari. La tracciabilità e l'educazione alimentare diventano gli elementi di difesa che ci permettono di restare nel quadro normativo europeo. La pubblica amministrazione deve rendere il sistema efficace, dove l'anello debole è l'agricoltore.   Grazie all'Associazione Nazionale delle Città dell'Olio – ha dichiarato Andrea OLIVERIO, Vice Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali - si dimostra l'interesse dell'Italia a proporsi al mondo con un modello di connessione tra produzione di qualità e territorio. Tramite la Carta di Milano si può promuovere un'idea diversa di Agroalimentare. Infatti, la globalizzazione che ha creato fenomeni drammatici quali l'abbandono delle aree rurali e l'indebolimento del reddito agrario, si vuole produrre reddito con le produttività locali.   Spesso gli amministratori – ha commentato Angelo TORTORELLI, presidente della Camera di Commercio di Matera e Coordinatore regionale delle Città dell'Olio della Basilicata - non hanno tempo, mezzi, risorse e sensibilità per capire i problemi del territorio, come ad esempio l'Unione Europea che non va oltre il mandato. Per la prima volta, con la Carta di Milano abbiamo acquisito la consapevolezza che lo spreco alimentare, il cibo come diritto umano, lo sviluppo sostenibile, ci riguarda tutti. 

di Redazione | 21/07/2015

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it