We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Perugia (Perugia) - Laghetto di Pian di Massiano, l’Ufficio Aree verdi: “Costantemente monitorato. L’invito a non abbandonare animali nel recinto


<<L’area attorno a Pian di Massiano – ricorda l’Ufficio Aree verdi è tra le più frequentate del nostro territorio, sia da sportivi, sia da famiglie. Un ampio spazio verde attrezzato con giochi per bambini, percorsi pedonali, aree di sosta e il laghetto che ospita diverse specie animali: volatili (acquatici e non), domestici o selvatici, ma anche tartarughe e nutrie. Una presenza, quella degli animali costantemente monitorata dagli uffici U.O. Servizi Sportivi e Aree Verdi cui spetta la competenza anche faunistica, congiuntamente alla Comunità Montana “Trasimeno-M.Tevere” e a un esperto dottore veterinario che cura con attenzione gli aspetti sanitari. Soggetti>> – riferisce testualmente una nota dell’Ufficio stampa del Comune di Perugia - <<che si occupano anche dell’alimentazione degli animali e del loro benessere. In proposito, gli animali presenti vengono alimentati regolarmente dagli addetti per quattro volte a settimana con mangime misto e in percentuali appositamente stabilite. Sono foraggiati inoltre dai molteplici frequentatori che di continuo, specie nel fine settimana, si dilettano a portare alimento agli animali. Inoltre, a seguito dei recenti accordi intercorsi tra gli Uffici comunali competenti e alcuni esercizi commerciali della zona che si sono resi disponibili, verranno garantiti settimanalmente ad alcune specie animali anche apporti di verdura che amplieranno la loro già ricca dieta. Il ritrovamento nel corso dell’anno di alcuni animali morti>> – afferma la nota stampa - <<non deve porre in allarme i fruitori del percorso, tenuto conto anche dell’età avanzata di molti di loro (gli esemplari appartenenti a specie ornamentali sono stati acquistati dall’Amministrazione a partire dal 1992) e va pertanto considerato un fatto “fisiologico” e non certo attribuito a carenza di cibo. Tuttavia, certe situazioni non vengono tralasciate: gli esami dell’ Istituito Zooprifilattico, cui vengono portate regolarmente le carcasse ritrovate, lo confermano. Al fine di creare una zona più appartata e sicura, anche per la notte, è stata recentemente realizzata una zattera articolata, già colonizzata da tutti “i residenti” del laghetto, mentre sono in corso di rifacimento alcuni ricoveri presenti nella zona a spiaggia, che a causa del maltempo degli ultimi mesi (e quindi non per incuria), sono stati in parte scoperchiati. La presenza di Gallinelle d’acqua e Aironi cenerini (avvistati per giorni nel mese di maggio) testimonia come un ambito mantenuto “più naturale” possibile possa attirare e ospitare, inaspettatamente, anche avifauna selvatica. Si sta verificando, tuttavia, un problema. La fauna dell’invaso, in origine caratterizzata quasi esclusivamente da coppie di Anatre/Oche/Cigni di tipo “ornamentale”, si è arricchita di una molteplicità di nuovi arrivi (galline, galli, anatre comuni e mute da cortile, oltre a tartarughe e, saltuariamente, anche coniglietti nani da appartamento), tutti arbitrariamente immessi in esso (senza alcun controllo sanitario, a differenza degli altri) da cittadini che non se ne vogliono più occupare. Da qui l’invito dell’amministrazione a evitare di immettere animali all’interno dell’invaso (un’apposita cartellonistica lo ricorda) per non alterare i delicati equilibri di quel particolare ecosistema, al momento già modificato.  L’Unità Operativa Aree Verdi sta programmando infine opportuni interventi di contenimento numerico sia delle nutrie che delle “molteplici” tartarughe presenti (quest’ultime, frutto del fenomeno sopra detto, più aggressive, se in numero eccessivamente elevato rispetto ai luoghi) da effettuarsi entro l’estate, con l’ausilio dei soggetti istituzionali competenti, per evitare che la loro presenza, se esagerata, possa nuocere alla fauna in essere già nell’ambito e per evitare competizioni vitali tra gli animali>>.  

di Redazione | 12/07/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it