We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Poliambulatorio, il sindaco sollecita Regione e Asp a ripristinare i servizi della struttura sanitaria


<<Poliambulatorio specialistico Asp, aumentano i disagi dovuti a un ulteriore depauperamento delle prestazioni. È necessario che l’Asp e gli enti preposti intervengano immediatamente per ripristinare e garantire i servizi essenziali offerti dalla struttura sanitaria, alla quale afferisce un bacino di circa 20 mila persone, importante filtro e primo approccio per l’utente, e rivalutino le assegnazioni delle ore di specialistica sul territorio provinciale. Temo, che si possano verificare situazioni, già delineate, di protesta e grave disordine pubblico>>.  È quanto scrive il sindaco di Crosia, Antonio Russo (foto), in una lettera che  ha inviato al Presidente della Regione Calabria, Gerardo Mario Oliverio, al Commissario straordinario per il rientro dal deficit sanitario, Massimo Scura, al Commissario straordinario dell’Asp di Cosenza, Gianfranco Filippelli e al Prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao. Una nota stampa diramata dal Palazzo di Città evidenzia che dopo la prima missiva inviata nello scorso mese di aprile, al dott. Filippelli, alla quale non c’è stata alcuna risposta, il Primo Cittadino ha sollecitato gli organi preposti a intervenire per porre rimedio a una situazione che sta facendo riscontrare gravi disagi. <<Nella prima segnalazione>>, si legge nella lettera, <<espressi già la grave situazione di disagio del poliambulatorio di Crosia che conta circa diecimila residenti ma sul quale si riversa un bacino di circa ventimila utenti, interessato da una forte riduzione di servizi e personale medico, chiedendone il ripristino e il potenziamento. Da allora, purtroppo, è accaduto l’esatto contrario. Non solo non c’è stato alcun potenziamento, bensì>>, commenta il sindaco, <<si è avuto un ulteriore grave depauperamento. Oltre ai servizi già precedentemente sospesi, in particolare diabetologia ed endocrinologia, oggi, infatti, risulta interrotto anche ortopedia che, alla data della mia prima lettera era stato ridotto da 2 a 1 unità>>. Una situazione <<paradossale se si pensa che la drammatica situazione in cui versa la sanità nella nostra regione con la chiusura di importanti presidi ospedalieri (come quello della vicina Cariati), oltre al depauperamento dell’Ospedale di Rossano e Corigliano, impongono all’Asp e agli enti preposti di attivarsi con urgenza affinché vengano garantiti i servizi essenziali offerti dal poliambulatorio, importante filtro e primo approccio per l’utente, e vengano rivalutate le assegnazioni delle ore di specialistica sul territorio provinciale>>. Il Primo cittadino di Crosia teme che <<si possano verificare situazioni, già delineate, di protesta e grave disordine pubblico>>. Infine, a nome, anche, dei colleghi sindaci dei comuni della Valle del Trionto, afferenti al bacino di utenza della suddetta struttura, chiede che si provveda, con urgenza, al ripristino di tutti i servizi, garantendo le prestazioni previste nel passato.  

di Redazione | 06/07/2015

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it