We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Potenza (Potenza) - I comuni italiani incontrano Berlusconi sulla manovra,. In delegazione Anci anche il Sindaco Vito Santarsiero


<<Subito l’autonomia impositiva per i Comuni. In autunno una verifica per lo sblocco di parte dei residui passivi e la modifica del Patto di stabilità, con la rimodulazione dei tagli ai trasferimenti statali. E ancora: trasferimento ai Comuni dell’amministrazione del Catasto e massima autonomia nella gestione delle risorse umane.  Sono queste le proposte dell’Anci a fronte della manovra finanziaria, sottoscritte dal governo nel corso dell’incontro che una delegazione Anci ha avuto con il premier Berlusconi ed una parte del governo  a Palazzo Chigi. Della delegazione Anci – riferisce testualmente una nota stampa - faceva parte anche il Presidente dell’Anci Basilicata e Sindaco di Potenza, Vito Santarsiero che è delegato Anci per le Politiche per il Mezzogiorno. Il risultato è un documento sottoscritto dall’Anci e dal governo, che in sintesi prevede “innanzitutto l’emanazione, entro il 31 luglio prossimo, del decreto attuativo che conferisce autonomia impositiva ai Comune”. Verrà istituito inoltre “un tavolo di verifica che entro ottobre stabilisca la possibilità di sbloccare parte dei residui passivi in capo ai bilanci dei Comuni, un provvedimento grazie al quale l’anno scorso metà delle amministrazioni italiane hanno potuto rispettare il Patto di stabilità”. Lo stesso tavolo verificherà se ci sono le condizioni economico-finanziarie per rimodulare il Patto di stabilità, assorbendo in questa rimodulazione i tagli ai trasferimenti, una misura che consentirebbe di godere di maggiore flessibilità nella gestione dei bilanci.  Il governo si è impegnato inoltre a prevedere il trasferimento dell’amministrazione del Catasto ai comuni, che rientra in quell’autonomia impositiva prevista dal federalismo fiscale. Sempre entro ottobre verrà presa in considerazione anche la proposta dell’Anci di trasferire al 2012 parte dei tagli previsti nel 2011 (si tratterebbe di circa 700 milioni): Il governo ha accettato la possibilità di valutare questa ipotesi perché da un lato resterebbe invariato l’ammontare dei sacrifici richiesti ai Comuni nel biennio, mentre dall’altro i Comuni stessi, con l’entrata in vigore concreta del federalismo, potrebbero avere l’opportunità di recuperare parte della mancate entrate. L’incontro con il governo ha sancito inoltre la nascita di una Commissione governo-autonomie locali, che si incaricherà di verificare l’ammontare delle spese nell’intero ambito della pubblica amministrazione, e di studiare manovre di alleggerimento e risparmio sui costi complessivi del sistema. Al termine dell’incontro il Presidente Anci Basilicata Vito Santarsiero ha detto che  “il giudizio complessivo sulla manovra resta negativo. Si tratta di una manovra iniqua ed ingiusta che penalizza fortemente le amministrazioni che dovranno tagliare servizi ai cittadini. Cogliamo con favore il fatto –ha aggiunto Santarsiero- che verranno accelerati i tempi sul federalismo fiscale e su tutta una serie di altre questioni poste dai Comuni.” Ma per il delegato Anci al Mezzogiorno rimane il fatto che la “manovra penalizza pesantemente i cittadini e soprattutto i Comuni del Sud che saranno alle prese con situazioni finanziarie molto pesanti, vedendosi costretti a tagliare i servizi erogati ai cittadini”. Il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con i rappresentanti dei Comuni italiani ha detto che “poteva esserci una rottura. Invece abbiamo concordato nella necessità di intraprendere un metodo di lavoro comune. Ci sono i presupposti tecnici e politici per ottenere buoni risultati su una linea condivisa, e fermi restando gli obiettivi da raggiungere”. E’ quanto afferma il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con i rappresentanti dei Comuni italiani. Per Tremonti “è stato impostato un modo serio e civile di lavorare insieme, e come governo siamo assolutamente disponibili, anche perché è nel nostro stesso interesse, a verificare la possibilità di spostare da un anno all’altro parte del peso della manovra. Anche perché – prosegue – siamo assolutamente convinti che i risultati che otterremo con l’avvio del federalismo saranno più che confortanti”. Tremonti sottolinea anche “l’importanza dell’istituzione di una Commissione governo-autonomie locali sulle possibili economie da realizzare nel comparto della pubblica amministrazione”. Insomma, per il ministro, “quello fatto oggi è un passo molto importante che sottolinea come, pur essendo dura, l’impostazione della manovra non preclude ad un cammino comune, sulla direttrice dell’interesse del Paese e dei cittadini”.

di Redazione | 10/07/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it