We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Catanzaro (Catanzaro) - Primo maggio al parco della Biodiversità, oltre diecimila persone nell’arco della giornata


 Musica e natura in compagnia, un binomio perfetto per festeggiare a Catanzaro il Primo maggio immersi nella splendida cornice del Parco della Biodiversità accogliente, colorato e vivace. Una bella esperienza che l’amministrazione provinciale di Catanzaro, guidata dal presidente Enzo Bruno, spera di istituzionalizzare puntando sulla partecipazione e il senso civico della collettività che ne fruisce, nella fondamentale consapevolezza che “Il Parco è patrimonio di tutti”. La buona riuscita della manifestazione, praticamente a costo zero per l’Ente intermedio, si deve principalmente all’impegno dell’associazione di promozione musicale “Catanzaro Allianz” in collaborazione con la Provincia di Catanzaro, ed in particolare all’entusiasmo del consigliere provinciale e comunale, Marco Polimeni. Il delegato alle Politiche giovanili e al rapporto con l’Università ha saputo sollecitare associazioni giovanili, studenti e quanti hanno voluto lasciarsi coinvolgere nell’essere parte attiva nella costruzione di iniziativa voluta per valorizzare il Parco delle Biodiversità e dare una concreta alternativa a quanti vogliono vivere momenti di relax e festività nella propria città. Il “Primo maggio catanzarese”, ha visto la partecipazione di oltre diecimila persone nell’arco della giornata. La maratona musicale è partita a mezzogiorno per concludersi a mezzanotte; tra le varie iniziative, si registra l’accesso gratuito al Museo il museo storico militare, che aperto e fruibile gratuitamente dalle ore 9 alle ore 20 ha registrato oltre 1.200 presenze. Ampio spazio è stato dedicato allo sport: insieme ad “Altrove street sport day” con tornei di basket e di “street soccer” organizzati dai ragazzi dell’”Altrove street art festival” si sono registrate le adesioni della Pugilistica Eagles di Catanzaro Boxing Club . Una manifestazione partecipata che non avrebbe potuto centrare l’obiettivo della riuscita senza la concreta disponibilità della dinamica dirigente provinciale al Parco, la dottoressa Rosetta Alberto, in prima linea con il presidente Bruno, il consigliere Polimeni e tutti i ragazzi delle associazioni coinvolte, a partire da “Catanzaro Allianz”, anche questa mattina: pronti ad intervenire per “ripulire” i segni di una bella iniziativa che però non ha mancato di testimoniare una preoccupante carenza di senso civico nella sporcizia che campeggiava generosa in ogni angolo del prato dell’area concerto, e non solo. Al Parco della biodiversità per godersi una giornata nel verde sono arrivati da tutta la Calabria e anche da fuori regione: Milano, Roma, Bracciano, Messina, Ragusa, giusto per citare qualche esempio, come testimonia il registro delle presenze al Musmi. Grazie alla sollecitazione del consigliere Polimeni, l’Amc ha messo a disposizione due navette dedicate – gratuite – che hanno permesso a giovani e studenti di raggiungere il Parco anche dal sud della città. Il “Live on Stage” ha visto alternarsi sul palco dell’Anfiteatro, accompagnati dalla South Vibes Band, Loop Loona, Gioman, Alpha 9, Ntoni Montano e Irene Sistaz, Luchano, Sistah Nais e Francesca Lupis finalista del talent Eight Stars. Alla lista si aggiunge anche White G, il giovane rapper catanzarese, classe ’94, al suo esordio con “Believe it mixtape”. Sul palco anche il gruppo “La Statale 107 bis”. Selezioni musicali a cura del Team Ragga Love che riunisce le migliori crew dancehall del panorama locale. Nel playground a cura di Immunity spazio alla musica house ed elettronica con Aiello, Paolo Tocci, Paolo Gentile e Giuseppe Mancuso. “Il Parco della Biodiversità è un punto di riferimento culturale per i cittadini di tutta la Calabria e per il Sud Italia. Un patrimonio che è di tutti e l’amministrazione provinciale di Catanzaro, nonostante le difficoltà economiche determinate dai continui tagli ai trasferimenti erariali, sta cercando di preservare e valorizzare ulteriormente – ha affermato il presidente Bruno -. Manifestazioni come quelle di ieri, che speriamo di istituzionalizzare, contribuiscono a potenziare la qualità dell’offerta, nell’impegno di mantenere l’azione di tutela e valorizzazione del Parco. Ringrazio Marco Polimeni, la dirigente del settore Rosetta Alberto, e tutte le associazioni coinvolte per la riuscita del Primo maggio catanzarese: tutti assieme abbiamo saputo centrare l’importante obiettivo di coinvolgere i giovani. Anche in questo modo accresciamo la cultura del rispetto del bene comune”.  “Le amministrazioni pubbliche devono aprirsi al territorio realizzando un patto con i cittadini. Il Parco - ha ribadito la dottoressa Rosetta Alberto - è diventato lo scenario naturale della progettualità finalizzata a trasformare le idee in azione, dove le forze civiche si auto-presentano”. “Far vivere Catanzaro ai catanzaresi, questo uno degli obiettivi della manifestazione – ha dichiarato il consigliere Marco Polimeni -. Ancor di più in quei luoghi, come il Parco della Biodiversità, che devono sempre più diventare un simbolo largamente riconosciuto, non solo nel nostro territorio provinciale. Una scommessa coraggiosa, ma certamente vinta. Non solo da chi, come il sottoscritto, ha inteso promuoverla, ma anche dai tanti ragazzi che hanno lavorato con impegno e passione alla buona riuscita dell'evento, uno su tutti: Davide De Caro e l'associazione 'Catanzaro Allianz'. Doveroso e particolare ringraziamento anche al Presidente della Provincia Enzo Bruno ed alla dirigente responsabile del Parco Rosetta Alberto. Con loro, in queste ore, si è immediatamente valutata l'opportunità di ripetere la manifestazione con una organizzazione ancora più puntuale, partendo anche dalle inevitabili imprecisioni che sono state umanamente commesse in questa prima edizione”. Il presidente Bruno ha rinnovato l’appello a tutti i cittadini di collaborare con gli uffici dell’ente vigilando affinché non vengano commessi atti di vandalismo, e segnalando eventuali criticità. Il senso civico, il rispetto del patrimonio culturale, paesaggistico e ambientale dell’intera collettività che può fruire del Parco, delle sue strutture sportive e ludiche, delle opere d’arte presenti nel cuore del capoluogo di regione “deve essere da stimolo a tutelare un’area così vasta e frequentata da danneggiamenti ed episodi di inciviltà”. E questa mattina non ha voluto far mancare il proprio sostegno alla lodevole iniziativa assunta dall’associazione civica #primacatanzaro che – su sollecitazione di Marco Polimeni - ha deciso di affiancare gli operatori del Parco, guidati dalla dottoressa Alberto, nel ripulire tutte le aree interessate dalla manifestazione, laddove il senso civico dei partecipanti ha, purtroppo latitato. In tanti hanno raccolto l’invito a prendere sacchetto e paletta per restituire l’area bella e pulita come dovrebbe essere sempre, con il buon senso di chi ne fruisce. Perché il Parco della Biodiversità è di tutti.      

di Redazione | 02/05/2015

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it