We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Longobucco (Cosenza) - Carnevale a Longobucco polemiche su mancate iniziative


di FRANCESCO MADEO - “Il carnevale a Longobucco lascia dentro a se, oltre ad una scia di coriandoli e a una bella serata, anche l'amaro in bocca e non tanto per qualche brindisi di troppo ma per la consapevolezza di essere governati da chi cammina con il "passo del gambero". Va giù dura l’opposizione nei confronti dell’amministrazione comunale accusata di non aver saputo organizzare alcuna manifestazione carnevalesca a fronte delle manifestazioni, sfilata di carri, ecc. portate a Longobucco dal gruppo organizzato dal comune di Cropalati. “Ringraziamo nuovamente il Comune e l'intera comunità di Cropalati –è scritto in un comunicato del gruppo di opposizione- per aver portato la propria organizzazione nelle nostre contrade, segno di vivacità ed entusiasmo nell'amministrare la cosa pubblica. Ciò ci porta d'altronde a evidenziare l’assoluta assenza e la totale incapacità da parte dei nostri amministratori di organizzare una qualsiasi iniziativa a favore dei bambini e della cittadinanza in occasione di una festa presente in tutte le realtà d’Italia e una volta presente e protagonista anche nel nostro Comune. La nostra comunità –attacca l’opposizione- vive uno dei momenti peggiori della sua storia, anche per colpa dell'Amministrazione comunale. Nessun progetto culturale che coinvolga associazioni e scuole, nessuna iniziativa, solo parole e piagnistei. Ci chiediamo se c'è e dov'è l’assessore alla cultura e al turismo. Cosa fa? Se non fosse per l’autonoma iniziativa di gruppi e associazioni presenti nella nostra cittadina durante l’anno ci sarebbe il deserto totale.  Eppure Longobucco –si sottolinea nella nota- si è sempre distinta nel campo delle iniziative culturali come una delle realtà più importanti della provincia.  Ora invece perdiamo ogni giorno terreno, cresce sempre di più il pessimismo, la popolazione indietreggia nel numero, chiudono importanti attività, uffici, sportelli bancari e postali, le frazioni sono abbandonate a se stesse, la disoccupazione dilaga, eppure si continua nella normale amministrazione addirittura con alcuni fondi finanziari chiusi nei cassetti e amministratori tardivi a comprendere che il tempo per cambiare le cose è sempre più ristretto".   

di Francesco Madeo | 23/02/2015

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it