We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Perugia (Perugia) - Il progetto “Piano di gestione ambientale”, per lo sviluppo di un nuovo approccio integrato


Quello del Comune di Perugia è il primo “Piano di Gestione Ambientale” accreditato dalla Regione dell’Umbria. Obiettivo del progetto, a tutela dell’ambiente, è lo sviluppo di un nuovo approccio integrato della gestione urbana che sia di tipo strutturato e graduale e consenta di identificare le questioni chiave, monitorare lo status quo, specificare – riferisce testualmente una nota dell’Ufficio stampa del Comune di Perugia - le azioni e gli obiettivi delle politiche, stabilire le opzioni politiche disponibili, coinvolgere gli attori e portare all’implementazione di politiche efficaci. “Un progetto che vale – ha detto l’assessore Pesaresi – 170.000 euro fra risorse interne ed esterne e che dovrà essere redatto nei prossimi 16 mesi circa”. Il PGA verrà articolato stabilendo gli obiettivi e identificando le priorità, le iniziative e le azioni che sono necessarie - a breve, medio e lungo termine - attraverso il pieno coinvolgimento dei cittadini, delle aziende, delle organizzazioni pubbliche e private. A tal fine ruolo determinante sarà assunto dal Forum Civico attivato durante il processo di Agenda 21. Il passo successivo sarà quello di dare avvio alle differenti misure e azioni in modo integrato. Sarà inoltre necessario effettuare la valutazione in itinere sull’efficacia delle azioni identificate e attuate in relazione alla realizzazione degli obiettivi strategici previsti per la città. RUOLO DEL FORUM CIVICO Il Forum Civico che opererà nell’ambito della realizzazione e nella gestione del Piano di Gestione Ambientale, rappresenta uno strumento utile non solo per assicurare che il progetto venga impostato tenendo conto delle diverse esigenze, conoscenze, punti di vista, rappresentazioni, interpretazioni e priorità delle parti coinvolte, ma anche per confrontare in gruppo i risultati intermedi e ricavare da questi momenti, elementi di miglioramento e di aggiustamento dei programmi e dei piani di azione. Si tratta comunque di un progetto di rete, dove le competenze sono trasversali a molti dei ruoli agiti, seppure il percorso sia supportato da alcuni esperti in: §        Sistemi di gestione ambientali; §        Valutazione delle problematiche ambientali e valutazione di impatto delle politiche ambientali; §        Gestione di processi partecipativi, cooperativi, pianificazione partecipata e conflict resolution, mediazione ambientale; §        Comunicazione. Al fine di favorire la migliore attuazione dei principi generali della partecipazione attiva, si propongono a titolo orientativo, alcuni possibili strumenti non formalizzati in apposite normative, e di seguito alcune macro-fasi di un possibile processo partecipativo a carattere negoziale. §        incontri periodici, strumenti per portare a soluzione casi e situazioni difficili e per attuare verifiche sullo stato dei rapporti e dei programmi comuni; §        protocolli d’intesa: accordi tra due o più soggetti istituzionali, privati, tecnici, volto a stabilire obiettivi comuni e modalità di rapporti per praticarli; §        tavoli di concertazione ad hoc finalizzati a mettere insieme, in modo istituzionalizzato o no, più soggetti che intendano collaborare in modo permanente al fine di far valere il risultato dei loro accordi nella politica locale, regionale e nazionale; §        accordi ambientali: si ritiene che gli accordi ambientali possano svolgere un ruolo importante, nell’ambito dell’insieme degli  strumenti politici, favorendo un approccio attivo da parte dei settori economici, soprattutto negli ambiti in cui operano organizzazioni rappresentative. Le basi normative di tutela ambientale non sono da sole sufficienti al raggiungimento dell’obiettivo di tutela ambientale e lo strumento degli accordi ambientali, in quanto meno costoso e di realizzazione più rapida, può risultare efficace nel perseguimento di quegli obbiettivi fissati dal legislatore.    

di Redazione | 07/07/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it