We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Successo per Luca De Filippo e il suo “Sogno d’una notte di mezza sbornia”


Continua il successo della rassegna ideata da“Musica & Musica”, l’Associazione culturale “Le Pleiadi”, “GF Management” e la FRL Eventi. Un cartellone che unisce, in un progetto ambizioso, il pubblico e il privato. Evento patrocinato dall’amministrazione comunale di Cosenza. Sul palco del Teatro A. Rendano, 13 appuntamenti all’insegna del divertimento e del puro spettacolo. Prosa, commedie e tanta musica, questi gli ingredienti della rassegna.   Come nella tradizione della farsa scarpettiana , la scenografia è bidimensionale: una porta e una finestra bastano a rendere l’idea di un bassofondo di una Napoli del primo dopoguerra e poi, nel secondo atto,di una lussuosa dimora ai piedi del Vesuvio. Sono incalzanti botta e risposta, battute sagaci a scandire il ritmo di un testo esilarante. Una macchina teatrale perfetta, come tutte le commedie di Eduardo,sulle  musiche di un inconfondibile Nicola Piovani. Una messa in scena fedele all’originale, dunque,  protagonista Pasquale Grifone un onesto ubriacone del "vascio" napoletano.  Aiutato dai fumi dell’alcol  sogna di ricevere i numeri nientemeno che da Dante Alighieri, il quale però, gli rivela anche che quelle quattro cifre che giocherà al lotto indicheranno  anche la data esatta della sua fine. “Sogno di una notte di mezza sbornia” anticipa alcuni dei temi che il drammaturgo napoletano affronterà ampiamente dopo il 1945 con le indimenticabili “Non ti pago” e “Napoli Milionaria”. Luca De Filippo, accompagnato dalla  sua talentuosa compagnia, fa rivivere  fedelmente il testo paterno senza troppe digressioni moderne. E’ nell’epilogo della commedia, nella messa in scena della  "regìa" della morte di Pasquale Grifone, che l’identificazione tra padre e figlio è sorprendentemente completa. Fino al finale  farsesco: una tavola imbandita, apparecchiata per festeggiare lo scampato pericolo, che si ripresenta per colpa di un orologio che non funziona. Ed è la risata a vincere persino sulla paura della morte, sulle piccole meschinità umane. L’unica terapia possibile per Eduardo e Luca  perché in fondo, l’unica vera  malattia incurabile è la morte.

di Redazione | 18/02/2015

Pubblicità

Affittasi appartamento Via Nazionale (banner 300x170) vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it