We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Situazione finanziaria del Comune, il sindaco replica al Movimento 5 stelle


La situazione finanziaria del Comune resta, ancora, al centro del dibattito politico locale. Dopo le critiche del Movimento cinque stelle all’Amministrazione comunale, arriva la replica del sindaco Antonio Russo (foto). <<Il dissesto finanziario non è e non sarebbe stata la soluzione. Il Piano di riequilibrio elaborato dall’esecutivo in carica, non solo ha ottime possibilità di essere approvato dalla Corte dei Conti, essendo completamente diverso da quello adottato dall’Esecutivo Aiello, ma ci consentirà di uscire, nei prossimi anni, dalla difficile situazione economica che abbiamo ereditato. Inoltre, ci permette di continuare a garantire i servizi al cittadino che al contrario, nel caso della tanto invocata, da parte del consigliere Tavernise, applicazione del dissesto, sarebbero venuti meno>>.  Il Primo cittadino, inoltre, ha messo in risalto che <<dispiace assistere a questo spettacolo grottesco da parte dell’opposizione. In un momento in cui sono in fase di notifica, ai cittadini, gli avvisi di pagamento della Tari e gli avvisi di accertamento e riscossione dell’arretrato del servizio idrico>>. E ha sottolineato: <<ci siamo immediatamente attivati per aprire un confronto con la Soget, a cui abbiamo già comunicato le numerose istanze dei cittadini. Su tutte l’invio di bollette della Tari già scadute e la notifica di cartelle già saldate, oltre alle anomalie riscontrate da alcune utenze e alla ridistribuzione delle scadenze dei diversi avvisi, affinché non vengano notificati contemporaneamente, andando a gravare ulteriormente sulle tasche dei contribuenti>>. Russo, inoltre, ha messo in risalto che l’esecutivo che egli guida <<si è da subito prodigato per estinguere i debiti, programmando un piano di Riequilibrio coscienzioso e attento basato su elementi concreti che stanno già portando i primi risultati reali>>. E ha aggiunto: <<Un esecutivo responsabile e competente non può dichiarare il dissesto finanziario, come continua a ribadire il consigliere Tavernise>>. E ha chiarito che se in passato ha espresso perplessità sul Piano di riequilibrio approvato dalla precedente Amministrazione, è stato perché <<cosciente che quel Piano non avesse alcun fondamento concreto, infatti è stato respinto, dalla Corte dei Conti>>. Infine, il sindaco ha spiegato che con l’adozione del dissesto finanziario le tariffe di base vengono innalzate nel limite massimo consentito e non si ha accesso al credito, perché un Ente che decreta il dissesto non può contrarre mutui. La delibera, inoltre, non è revocabile e ha efficacia per cinque anni, periodo in cui, non è certo che si riesca a estinguere il debito. Inoltre, il Comune non può più erogare i servizi essenziali alla cittadinanza.

di Redazione | 11/02/2015

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it