We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Vibo Valentia (Vibo Valentia) - “L’INTERVENTO” L’imprenditore Pippo Callipo: “Il Paese faccia attenzione ai temi dello sviluppo”


<<La maggiorazione dell’Irap nelle regioni come la Calabria con un forte debito sanitario, dimostra che vivere e soprattutto  fare impresa in questo Paese è sempre più difficile. La disattenzione verso gli imprenditori del Sud che onestamente fanno il loro lavoro, nonostante l’ambiente contrassegnato da storiche problematiche, è ormai pressoché  totale. E’ fondamentale che il Governo del Paese ponga fine alle critiche  quotidiane a magistratura ed informazione ed inizi ad occuparsi dei problemi del Sud. Altrimenti, continuando a scaricare i  costi dell’inefficienza della politica sul sistema produttivo, nel Sud e in particolare in Calabria il rischio non è più quello di indebolire l’imprenditoria sana, ma di mandare a rotoli il sistema democratico. Purtroppo oggi sui problemi gravi dell’economia meridionale  registriamo un silenzio assordante.  E’ tempo che le migliori energie del Paese, che pure ci sono a destra ed a sinistra,  recuperino il senso alto delle Istituzioni e  facciano prevalere l’interesse generale  ad affrontare la crisi del Nord le difficoltà del Centro e i ritardi del Sud. Se il buon esempio non viene dalla politica nazionale, le classi politiche meridionali continueranno a vivacchiare, strette tra il peggio del Mezzogiorno e le promesse fatte in campagna elettorale alle varie corporazioni, le classi politiche meridionali, salvo lodevoli eccezioni, procedono nella difesa del  loro status quo anche dinanzi a questa preoccupante crisi economica e finanziaria. Alla Calabria occorrono  investimenti produttivi e occasioni di lavoro  per i nostri giovani, ma tutto deve essere innestato in un progetto regionale di sviluppo, che rigorosamente ricalibri anche l’utilizzo produttivo dei fondi comunitari.  Ma se il Governo italiano  continua a sfornare slogan e ad interessarsi di un federalismo che ormai è diventato buono per coprire ogni buco e per far contento l’elettorato di Bossi,  ogni Regione ed ogni potere locale continuerà a curarsi del proprio orticello senza ascoltare minimamente i bisogni del territorio. In tale senso, a  chi predica il secessionismo un giorno sì e l’altro pure, tra poco si potrà dire che la secessione, a incominciare dalla Calabria, è già una  realtà.  Non c’è bisogno dei fucili di Bossi per farla. La secessione la sta facendo, se non l’ha già fatta, l’economia, l’allontanamento progressivo del Sud dal resto del Paese e dell’Europa è la secessione “dolce” di cui questo Paese non vuole prendere atto. Continuare a dire, in queste condizioni, che anche la Calabria è parte dell’Italia, quando le si sottraggono iniquamente fondi e non si mettono i calabresi nelle condizioni di poter esercitare i loro diritti costituzionali, è una presa in giro. Indubbiamente, se va avanti così a governare il sottosviluppo calabrese saranno i poteri illegali. Questa è la tragica prospettiva che abbiamo davanti>>. Pippo Callipo    

di Redazione | 05/07/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it