We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Stagione turistica rossanese? Fortemente condizionata! Smurra (Pro loco): Il maltempo e la crisi hanno divorato 2milioni di euro di fatturato


La stagione turistica appena conclusa, tra il maltempo e il perdurare della crisi economica, ha fatto registrare un brusco calo dei flussi dei vacanzieri per la città di Rossano. Il dato, se paragonato a quello provinciale e regionale non si discosta di molto dalle altre località. Tutto ciò ha generato, sottostimando i fattori, ad una perdita economica per l’intero comparto che si aggira intorno ai 2 milioni di euro di fatturato per il territorio. Ad affermalo è il presidente della Pro Loco bizantina  e dirigente dell’Unpli Cosenza Federico SMURRA, che ha analizzato in anteprima i dati in valori assoluti forniti dall’Ufficio statistico della Provincia di Cosenza. Da un’attenta analisi  effettuata sui dati turistici dell’ultima stagione, corrispondenti al periodo giugno–agosto 2014, analizzata con appositi indicatori Smurra dichiara: - E’ emerso che la domanda turistica si è contratta complessivamente del 22% in merito agli arrivi (numero di turisti che arrivano in una località), e del 19% per le presenze (permanenza dei turisti nella località) rispetto allo stesso periodo del 2013. Se si confrontano i dati con l’ultimo quinquennio le percentuali in molti casi salgono. Solo il mese di Agosto ha fatto registrare un dato tendenziale in controtendenza per quanto riguarda gli arrivi pari al + 5,3 %, mentre per le presenze il dato segna un – 6,3%. A generare questa contrazione della domanda complessiva - continua Smurra - sono stati da un lato il maltempo, che si è accanito nei mesi di giugno e luglio sulla località bizantina e, dall’altro la crisi economica che ha influito sostanzialmente sul calo sostanziale della domanda interna.  Da segnalare,  il forte calo dei  flussi turistici stranieri,  che ha fatto segnare un sorprendente decrementodel 78% come arrivi e del 87% come presenze. Per il 2014 la domanda straniera si è attestata complessivamente al 5 % sugli interi flussi che hanno fatto vacanza nella città bizantina. Se si rapporta al 2013 l’incidenza tendenziale della domanda straniera è negativa ovvero, si è registrato un - 10%. Su questo dato bisogna rimarcare che il boom dello scorso anno era legato alle iniziative di incentivazione fatte dalla Regione Calabria. L’analisi ha illustrato anche la provenienza dei  turisti  che hanno visitato la città bizantina. Per le  regioni di provenienza  italiane  al primo posto si colloca  la Campania, seguita dalla Puglia e dal Lazio. Per quando riguarda gli stati esteri, le nazioni da dove provengono i maggiori flussi di turisti stranieri sono la Germania, seguita dalla Francia e dal Belgio. Inoltre l’analisi  identifica la tipologia di struttura preferita dai vacanzieri. Gli italiani prediligono maggiormente quelle extra-alberghiere mentre, gli stranieri preferiscono che  quelle alberghiere. In merito alla permanenza media dei turisti nella località rossanese - chiosa Smurra - essa si attesta complessivamente a  6 giorni e 1/2, con un decremento complessivo di mezza giornata rispetto al2013. Gli italiani hanno trascorso circa 8 giorni nella località rossanese mentre, gli stranieri hanno trascorso circa 5 giornate nel periodo osservato.

di Redazione | 13/10/2014

Pubblicità

Nuovo libro Francesco Russo (autore) Sulle sponde opposte del fiume bcc mediocrati x50 vendesi tavolo da disegno studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it