We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Italia - Russia, emozioni a Villa Labonia. Esperimento riuscito nel nome di Bisanzio


Musica, enogastronomia e artigianato russi protagonisti indiscussi nella bella cornice delle Terrazze di Villa Labonia, nella Città alta. Si è chiusa tra applausi e complimenti il riuscito e partecipato evento promosso dall’associazione Italia-Russia, Lingua e Cultura senza frontiere. – Rossano Città d’Arte e la Grande Madre Russia uniti dall’eredità comune di Bisanzio. Esperimento riuscito e da ripetere. Da qui la nuova proposta del vicesindaco e assessore al turismo Guglielmo CAPUTO: pensare ad un altro appuntamento prima di Natale. – Continua, quindi, la proficua sinergia tra l’associazione ed i comuni del territorio. Da Mandatoriccio a Cariati a Paludi, da Rossano a Frascineto. Qui, nel comune del Pollino è stata allestita una mostra di icone russe, alcune del periodo sovietico. L’obiettivo è quello di essere presenti con una manifestazione condivisa. – Un evento calabrese a Mosca il prossimo step.   Ad annunciare le prossime novità e ad esprimere grande soddisfazione per il successo della serata nel centro storico di Rossano, coordinata dalla giornalista Stefania SCHIAVELLI, è Olga KISSELEVA Presidente del sodalizio italo-russo con sede a Mandatoriccio.   Una serata elegante ed emozionante in una location importante e di qualità. – Così l’ha definita il Preside Giovanni SAPIA, direttore dell’Università Popolare, intervenuto all’evento. – La Presidente KISSELEVA ha ringraziato la consigliera comunale Giovanna CURIA e l’Amministrazione Comunale per il grande aiuto offerto; la Scuola di Ballo “Il Ritmo del Successo” guidata da Sonia DE SIMONE e Francesca LE FOSSE per aver impreziosito la manifestazione con numerosi balletti russi (emozionanti le interpretazioni dei due inni italiano e russo e la famosa KATYUSHA) e l’artista bulgara Polina NIKOLAEVA, ospite della bella a partecipata serata che ha interpretato la celebre canzone popolare russa OCI CIORNIE (occhi neri).   L’appuntamento di musica classica, vocale e strumentale, nell'ambito della 22° programmazione estiva della Città di Rossano, ha visto le eccellenti esibizioni di Marilù BRUNETTI alla voce, di Maria VYAZIGINA all’arpa  e di Antonio MACARETTI alla fisarmonica. – Protagonista della serata artistico-musicale sono stati anche l’enogastronomia e l’artigianato russi. All’ingresso di Villa Labonia il tradizionale benvenuto russo agli ospiti: due pani decorati. Nel corso della serata è stato possibile assaggiare caviale e crêpes russe con marmellata di frutti di bosco fatta in casa dalla signora russa Elvira proprietaria dell'agriturismo "Casale dell’Arvo", tra i partner dell’evento. – Artigianato russo, a catturare l’attenzione di tutti è stato, da una parte, il khokhloma, un antico mestiere popolare russo, nato nel XVII secolo in  Nizhny Novgorod. È una pittura decorativa su utensili in legno e mobili, fatta con toni rossi, verdi e neri su sfondo dorato; dall’altro, il gzhel, uno stile di ceramica che prende il nome dal villaggio di Gzhel e dintorni, dove viene prodotto dal 1802. Significativo e ben accolto l’angolo della scuola dell’associazione “Il Burattino” con bambini russi e italiani alle prese con disegno e giochi di gruppo.

di Redazione | 25/08/2014

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it