We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Castrovillari (Cosenza) - Cile e Buryatia per la seconda serata dell’estate del folklore


Una delle novità assolute della 29 Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino , in corso di svolgimento a Castrovillari,  manifestazione organizzata dall’Associazione Culturale Gruppo Folk  Città di Castrovillari, con il contributo del Comune, del Parco Nazionale del Pollino, della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, e di numerosi sponsor privati, sotto la direzione artistica di Antonio Notaro coadiuvato dai componenti del gruppo folkloristico, è la partecipazione del Cile. Le danze del paese situato nell’estremo sudovest del continente americano e le diverse culture della Patagonia nello spettacolo dei Los Maipucitos. Attraverso la magia che solo i bambini riescono a trasmettere, sul palco allestito nella centralissima Piazza Municipio, sono andati in scena adattamenti popolari di classici come Violeta , giochi , canzoni per bambini , musiche e danze attraverso il loro sguardo ha rappresentare il Cile Maipù e il mondo. Un successo per i Maipucitos che si sono esibiti, sotto la direzione  del suo creatore e direttore, insegnante di musica, Carlos Reyes, nonostante la giovane età,  nei più importanti festival internazionali in America ed in Europa ; e l’ estate Internazionale del Folklore di Castrovillari non poteva certo farsi scappare questa opportunità di ospitarli nel proprio festival . Una gioia per gli occhi e per le orecchie di sicuro impatto emozionale, la cultura che lega le terre fra Baikal e i monti della Mongolia , con il gruppo Selenga proveniente dalla Buryatia, regione situata nel centro-meridionale della Siberia. La grazia delle danze tradizionali e l’armonia dei suoni degli strumenti originali, hanno catturato il pubblico del festival che durante la serata ha accompagnato con le mani le coreografie etniche e le musiche tradizionali. Scroscianti applausi per i più piccoli del gruppo Thamir  e Lisa che hanno intonato la celebre canzone Katyusha . La Spagna, attraverso la danza tipica dell’Andalusia, il flamenco, nella coreografia di Tilde Nocera eseguita brillantemente dalle danzatrici del progetto C.E.A. ( Centro Espressioni Artistiche) di Castrovillari, nel grande spettacolo della Cultura Popolare. Spettacolo svoltosi in contemporanea con la città di Tropea diventata capitale del folklore e crocevia di Culture diverse, grazie a questo ponte culturale creatosi con l’Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino. Poi tutti sull’isola pedonale di Via Roma per lezioni di ballo impartite, al popolo del festival, dal gruppo cileno a da quello della Buryatia, un momento, questo, di sicuro impatto emozionale che ha coinvolto anche il direttore artistico, Antonio Notaro.

di Redazione | 19/08/2014

Pubblicità

Affittasi appartamento Via Nazionale (banner 300x170) vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 bcc mediocrati x50 IonioNotizie per la tua pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it