We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Il Comune rischia il dissesto finanziario. Il grido d’allarme dell’assessore Finanze, Graziella Guido


Il Comune di Crosia rischia il dissesto finanziario. Una preoccupazione forte che giunge dall’assessore comunale alle Finanze, Graziella Guido (foto). <<A due mesi dall’insediamento di quest’Amministrazione, sento il dovere>>, ha detto testualmente l’amministratrice locale, <<di rendere pubblica la grave situazione finanziaria in cui versa il nostro Comune>>. Per capire la reale condizione <<siamo partiti dalla deliberazione n. 148/2012 della Corte dei Conti, Sezione regionale di controllo per la Calabria, relativa al rendiconto 2010 da cui la medesima Corte dei Conti ha rilevato gravi irregolarità e criticità contabili assegnando all’Amministrazione precedente un termine, per la sistemazione delle stesse irregolarità e criticità, onde evitare il “dissesto guidato”>>.  Partendo <<dalla situazione ereditata abbiamo cominciato a lavorare>>, ha commentato l’avvocato Guido, <<per approntare la redazione del Bilancio di previsione 2014 e del nuovo Piano di riequilibrio>>. Dunque, dalla ricognizione effettuata <<ne è uscito un rapporto molto pesante e che ci indica che abbiamo un deficit strutturale di quasi sei milioni di euro>>. A questo punto l’assessore spiega che <<dall’esame del Piano di riequilibrio finanziario pluriennale, approvato dalla precedente Amministrazione Aiello, ma bocciato dalla Corte dei Conti a maggio scorso, è emerso, oltre al disavanzo già rilevato, un ammontare di debiti fuori bilancio da riconoscere per un importo complessivo di € 1.532.158,77, oltre a debiti fuori bilancio riconosciuti ma privi di copertura finanziaria per € 202.765,04 e passività potenziali per un importo di 2 milioni di euro>>. C’è altro: <<a quanto pare non è ancora finita qui. All’approvazione del Consuntivo 2013, è emerso un disavanzo di € 1.720.665,25.  La Corte dei Conti ha rilevato, altresì, oltre al disavanzo, ai debiti fuori bilancio da riconoscere e alle passività potenziali, anche l’esistenza di debiti al 2012 iscritti al conto del patrimonio per l’importo di € 11.069.001,68>>. Dunque, <<con una simile situazione, per almeno 10, ma forse 15 anni,  il Comune>>, ha commentato l’Assessore Guido, <<sarà costretto a pagare la montagna di debiti lasciati da chi ci ha preceduto, senza contare i pagamenti di creditori e fornitori.>>. La Guido parla di <<una vera e propria “voragine” di debiti dinanzi alla quale parlare di bilancio ingessato è di sicuro un eufemismo. Tutto questo con una “spada di Damocle” sulla testa: il rischio del dissesto e della nomina di una Commissione di liquidazione, se non si riuscirà a risanare le casse comunali>>. A giudizio dell’assessore alle Finanze <<L’eventuale dichiarazione di dissesto del Comune comporterebbe necessariamente il taglio ai servizi e l’aumento di tasse e tributi>>. Infine, l’assessore ha dichiarato che l’attuale esecutivo, guidato dal sindaco Antonio Russo, << sta lavorando perchè tutto questo non accada>>.

di Redazione | 18/08/2014

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it