We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crosia (Cosenza) - Seminario (Pd) replica all’ex assessore Loria. Tanti i punti trattati. Non mancano critiche. Auspica sana dialettica nel partito


Dopo l’esternazione del pensiero dell’ex assessore comunale, Natalino Loria, in cui stigmatizzava i due consiglieri del suo partito (Pd), Santo Seminario (foto) e Caterina Urso, per aver espresso voto contrario, in Consiglio comunale, alla riproposizione del Piano di riequilibrio finanziario e al Conto consuntivo 2013, non si è fatta attendere la replica del Coordinatore temporaneo del Pd cittadino, nonché capogruppo consiliare Pd-Cilf, Santo Seminario. Loria, fra l’altro, chiedeva un immediato incontro fra i tesserati del partito democratico per riorganizzare la forza politica e fissare la data per l’elezione del segretario e del coordinamento. <<Apprendo dalla stampa>>, esordisce il referente politico, <<le esternazioni fatte da Loria. Non mi stupisco e auspico una sana e costruttiva dialettica nel Pd di Crosia>>. E spiega: <<Oggi si invoca un Pd più organizzato, più presente nella società, con una maggiore appartenenza a esso. E noi da qualche settimana questo stiamo cercando di fare!>>. A giudizio di Seminario <<invocare o pretendere oggi dal Pd quello che non si è fatto fino a ieri può essere legittimo, ma non assolve dalle omissioni i veri responsabili e ha un vago sapore di strumentalizzazione politica, completamente fuori luogo>>. Dunque, lo sprono: <<Ci siamo resi conto che ad amministrare non c’è più il Pd? Che i cittadini hanno voluto cambiare pagina?>>. Per Seminario <<bisogna prenderne atto e chiedersi perché, piuttosto che essere nostalgici di un recente passato che il popolo ha giudicato ed ha punito>>. Da qui il commento: <<Aver fatto una campagna elettorale a difesa dell’Amministrazione uscente è stata una scelta politica faticosa e costosa, che alla fine si è dimostrata beffarda e suicida>>. In questo contesto <<pezzi importanti del partito hanno regalato la vittoria ad Evoluzione. Abbiamo, con amarezza, dovuto constatare che alcuni tesserati e militanti del Pd hanno preferito stare alla finestra, altri non hanno votato e altri hanno fatto attiva propaganda contraria, preferendo votare amici e parenti collocati nelle altre liste>>. E ancora: <<Tanti dei nostri hanno preferito al sentimento politico i risentimenti personali. Come la mettiamo con questi?>>. Per il capogruppo consiliare del Pd-Cilf, <<Evoluzione ha vinto e dovrà assumersi il compito di amministrare per fare uscire il Comune da questa situazione di tracollo finanziario. Essere opposizione e minoranza ha un significato chiaro. Voler far credere che la minoranza amministri il Comune di Crosia è da ingenui e ingenui non siamo>>. Seminario, poi, mette in evidenza che la linea politica del Pd <<è in evoluzione rispetto alla conoscenza dei fatti amministrativi>>. E pone qualche domanda: <<Il partito è stato messo a conoscenza della reale situazione amministrativa? Perché la delibera della Corte dei Conti che ha bocciato il Piano di rientro, è stata tenuta nascosta a tutti per 20 giorni e resa pubblica solo ad elezioni avvenute? Al Pd non appartiene questo modus operandi. La censura va condannata. Perché o si è o non si è democratici>>. Seminario prosegue ulteriormente chiedendo perché, <<invece di recriminare, non viene spiegato a chi ci ha votato, e sono stati 2027 cittadini, come mai le cose che sta facendo il Sindaco in carica non le ha fatto la precedente Amministrazione? Pulizia generale, sistemazione strade, illuminazione, mettere 3 bandiere, appuntamenti con i cittadini ecc. Qualcuno ci spieghi il perché. Non è credibile dire per mancanza di soldi. Se adesso i soldi ci sono, molti si sono chiesti, e a ragione evidentemente, che dovevano esserci per forza già in cassa e quindi non sono stati volutamente utilizzati prima. E poi una miriade di domande: <<Potevamo vincere? Perché non è stato spiegato al partito che 2 milioni di debiti fuori bilancio non sono mai stati portati all’attenzione del Consiglio Comunale? Perché non è stato spiegato al partito che vi sono 2 milioni di contenzioso? Perché non è stato spiegato al Pd che la sua amministrazione comunale, in 5 anni, non ha mai deliberato il documento preliminare del Psa?, Queste poche questioni sarebbero bastate per votare no agli atti della precedente Amministrazione. Ma non l’abbiamo fatto e non è stato questo il motivo politico dei no del nostro gruppo al Piano di rientro e al Bilancio consuntivo 2013. Più coerenza di così!>>. Poi Seminario spiega perché il gruppo ha votato contro: <<perché siamo opposizione e facciamo opposizione verso la nuova maggioranza che governa il Comune di Crosia>>. Renzi ha avuto il coraggio politico di sostituire un Capo del Governo di appartenenza Pd e noi ci rammarichiamo che il gruppo di opposizione si sia comportato da oppositore>>. E ancora: <<Rinnovamento e innovazione hanno bisogno di chiarezza, di coraggio e responsabilità. Sono il netto contrario di tradimento e di risentimento, che riecheggiano tra di noi>>. A giudizio di Santo Seminario <<il voto ha espresso la necessità di tirare una linea netta sul passato e noi dobbiamo cogliere il messaggio di cambiamento e avere il coraggio di riaprire una nuova pagina da riscrivere insieme>>. Poi il commento sul plauso di Loria a Russo: <<Le lodi immeritate espresse all'attuale Sindaco ne ostacolano il cammino su questa nuova strada. Sono una nota stonata, e soprattutto guasta in particolare quel “senso di appartenenza” di cui sfugge il significato (o del il quale il significato è molto chiaro)>>. E chiarisce: <<Il voto del Consiglio comunale del 9 luglio, espresso dal gruppo Pd-Cilf è stato un voto politico deciso da una riunione congiunta presso la sede del Movimento, a cui sono stati inviati anche gli ex amministratori del Pd. Nella riunione sulla proposta di voto di astensione, è passata la linea di opposizione netta, a cui i consiglieri di opposizione si sono attenuti compreso Seminario e Urso>>. Per Seminario <<più che recriminare e rivendicare cosa, bisogna prendere atto e plaudere al ripristino della collegialità politica, che è stata l’assente di un lungo periodo di deficit democratico>>. Intanto, per la giornata giovedì 31 luglio era stata convocata l’assemblea degli iscritti per discutere dell’analisi del voto e del tesseramento 2014, ma per impegni del segretario regionale, Ernesto Magorno e del segretario di Federazione di Cosenza, Luigi Guglielmelli, è stata rinviata con l'impegno di tenerla entro e non oltre il mese di agosto.  

di Redazione | 02/08/2014

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it