We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Conservatorio, il 2 luglio “Musica elettronica nel chiostro”


Il Conservatorio di Cosenza offre le suggestioni di nuove tecnologie e videomusica in un concerto che si terrà venerdì 2 luglio  alle ore 21 all’aperto, nel chiostro dell’ex convento di S. Maria delle Grazie, sede dell’Istituto musicale.  L’ingresso è libero. Per il secondo anno consecutivo – riferisce testualmente una nota dell’Ufficio stampa del Conservatorio di Cosenza - il progetto  “Musica elettronica nel chiostro” propone la creazione musicale e artistica collegata alle nuove tecnologie.  Dopo  l’importante concerto monografico, realizzato  nel 2009 in collaborazione con il Dams dell’ Unical, che vide la partecipazione del compositore statunitense James Dashow,   quest’anno prosegue anche  la “Musica da vedere”. L’idea è creare una finestra di osservazione sui diversi segmenti della sperimentazione musicale  in cui le esperienze sul suono e oltre il suono stesso possono incontrare il pubblico.  Il concerto si caratterizza per un’ampia presenza di opere rappresentative per quanto riguarda la relazione dell’elettronica con strumento tradizionale, la sola musica elettronica, la  videomusica elettronica.  La regia del suono è di Francesco Galante, Ivano Morrone e Costantino Rizzuti.  L’arpista Lucia Bova,  già presente l’anno scorso,  propone una sua interpretazione di  opere per arpa e suoni elettronici di due autori di fama internazionale quali Åke Parmerud ed Eric Chasalow.  In particolare lo svedese Parmerud  è oggi considerato tra gli artisti e sound designer più eclettici d’Europa.  Ed altrettanta fama gode il compositore e teorico britannico Denis Smalley, di cui si ascolta un brano per clarinetto e suoni elettronici che ha vinto il prestigioso premio Ars Electronica di Linz nel 1985. Il clarinettista è Josè Daniel Cirigliano.  Dalla prestigiosa Università della Tecnica di Berlino arrivano due lavori. Di Hans Tutschku un brano di sola musica elettronica multicanale. È  firmato della compositrice giapponese Kotoka Suzuki e dalla regista tedesca  Claudia Rohrmoser un’opera di videomusica vincitrice al festival Synthese di Bourges nel 2003.  Proprio sul segmento della videomusica elettronica   viene presentato in “prima” italiana  un ritratto del compositore acusmatico franco-canadese Francis Dhomont (classe 1929) con un trittico di opere realizzate insieme alla  regista colombiana Inès Wickmann.

di Redazione | 30/06/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it