We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Bilancio 2014, esecutivo incontra i sindacati


Bilancio partecipato, proseguono le giornate di confronto promosse dal Governo cittadino con le forze sociali, del lavoro e gli operatori del settore tributario, in vista dell’approvazione dell’Esercizio finanziario di previsione 2014. Massima attenzione ai servizi al cittadino con particolare riferimento alle fasce più deboli. Entra in vigore l’Imposta unica comunale ma che manterrà, per scelta politica dell’Amministrazione Antoniotti, gli esoneri sulla tassa sui servizi indivisibili (Tasi). Si consolida, così, il rapporto di collaborazione tra l’Ente e quanti operano quotidianamente a servizio della nostra comunità.   Dopo l’incontro con l’Ordine dei dottori Commercialisti e degli esperti contabili, tenutosi lo scorso Martedì 22 luglio, nella giornata giovedì 24 luglio, nella Sala Giunta del Municipio, l’assessore alla Programmazione finanziaria Sergio Stamile, il presidente della Commissione comunale Bilancio Natalino Chiarello, il dirigente del Settore Risorse e Programmazione Antonio Le Fosse e il responsabile del Settore Tributi Silvio Campana, hanno incontrato i rappresentanti delle sigle sindacali confederate, CGIL-CISL-UIL, dei Caf e dei Patronati operanti in Città.   È stata chiarita e condivisa – dichiara Stamile - l’attuale situazione contabile e finanziaria del Comune di Rossano e sono emersi i tanti problemi economici, effetto della crisi incalzante e di una condizione debitoria pregressa non esaltante, che questa Amministrazione comunale sta affrontando con enorme senso di responsabilità per tenere sane le casse dell’Ente. Nonostante tutto, abbiamo continuato a mantenere inalterati i servizi al cittadino, soprattutto quelli rivolti al sociale, dimostrando rispetto verso l’intera Città. In questa fase di vera e propria condivisione del bilancio comunale e delle misure in esso adottate, ci stiamo confrontando, ricevendo grandi apprezzamenti, anche su quelle che sono le novità introdotte nelle finanze pubbliche per il decorrente 2014. Stiamo spiegando gli effetti dell’imposta unica comunale, che sintetizza le tasse sulla casa (Imu), sui rifiuti (Tari ex Tarsu) e sui servizi (Tasi), e anche in questo caso abbiamo raccolto apprezzamenti in quanto continuiamo a tutelare gli utenti dall’onero gravoso delle tasse. La Tasi, ad esempio, introdotta per imposizione di Legge, in realtà non si dovrà pagare, perché abbiamo imposto l’aliquota dello zero per mille. Novità, inoltre – spiega l’assessore al Bilancio - sono state introdotte sulla nuova tassa per lo smaltimento dei rifiuti che, a differenza delle precedenti tariffe, da quest’anno si pagherà praticamente a consumo. Chi più produce, più paga.  Anche sulla Tari siamo intervenuti a favore di alcune tipologie commerciali, che si sarebbero trovate a pagare cifre più considerevoli rispetto al passato, riducendo la tariffa al minimo consentito.   La condivisione dei bilanci e della situazione contabile dell’Ente con le forze sociali, professionali e sindacali della Città – aggiunge il presidente Chiarello, componente della commissione nazionale bilancio dell’Anci – è un risultato politico che inorgoglisce questa Amministrazione comunale e dà meriti al Sindaco Antoniotti che ha voluto questo confronto fondamentale. In un periodo caratterizzato dalla crisi, infatti, è obbligo doveroso, oltre che di buonsenso, percorrere un cammino comune, concertativo e trasparente, soprattutto nella gestione delle risorse pubbliche. E proprio dai sindacati, con i quali continua quel sano e positivo dialogo voluto da questo Esecutivo, abbiamo ricevuto nuovi input che cercheremo di introdurre nel Bilancio di previsione 2014. Allo stesso tempo, abbiamo chiesto alle organizzazioni sindacali confederate, maggiormente rappresentative del mondo sociale e del lavoro, di essere ancora più presenti e pressanti sul Governo centrale affinché tenga in maggiore considerazione le difficoltà e i problemi degli Enti locali, vero e unico front-office del cittadino con le Istituzioni. Non è più possibile che i Comuni continuino ad attende mesi per il trasferimento di quelle già minime risorse che contribuiscono alla sussistenza dei nostri territori. Ma anche in questo – conclude Chiarello - il Comune di Rossano continua a rimanere un baluardo di sicurezza, perché nonostante le numerose difficoltà finanziarie e, appunto, la penuria di trasferimenti, continua a garantire i supporti economici necessari per tutti i servizi.

di Redazione | 28/07/2014

Pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it