We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Il Consiglio comunale approva un documento sulle cooperative che si impegna ad una integrazione salariale a fronte di servizi


   Il Consiglio comunale di Cosenza, presieduto da Luca Morrone, si è riunito oggi in seduta di aggiornamento rispetto alla precedente del 3 giugno. In prima battuta, il Sindaco Mario Occhiuto  ha comunicato all’aula, per la relativa presa d’atto, la nomina ad assessore di Carmine Vizza in sostituzione di Martina Hauser, membro rinunciatario.  La discussione ha poi ripreso il punto inerente “il futuro delle cooperative B in relazione all’ultimo bando di gara” che, trattato nella seduta del 22 maggio, era rimasto in sospeso per il venir meno del numero legale. L’aula ha proseguito la discussione partendo dalla presentazione di un documento, letto dal presidente Morrone, nel quale l’Amministrazione comunale si impegna “a tenere in considerazione, per le cooperative di tipo B, il reperimento di ulteriori risorse finanziarie che consentano loro di superare eventuali situazioni di disagio dovute alla riduzione dell’attività lavorativa”. Nelle successive dichiarazioni di voto, il consigliere Sergio Nucci (Polo civico Buongiorno Cosenza) ha evidenziato che “alcune precisazioni è doveroso richiederle: possiamo ancora disporre delle economie del 2013 fatte in questo settore? Ma ancora di più – ha affermato - mi preme sottolineare la questione delle posizioni antimafia che hanno determinato l’esclusione di alcune cooperative in odore di mafia. Sono 3 cooperative i cui lavori vengono affidati ad altri il 5 dicembre 2013 seppure il 26 novembre fosse arrivata la comunicazione della Prefettura nella quale si diceva che non erano stati riscontrati problemi. Le stesse cooperative sono state anche escluse dalla gara. Chiedo chiarezza su un aspetto che crea un vulnus ed un problema di natura legale”.   Roberto Sacco (Uniti per Paolini Sindaco) ha chiesto certezze sul reperimento dei fondi e sulla tempistica. Giovanni Cipparrone (SEL) ha dichiarato di sentirsi “in imbarazzo, perché dopo aver ottenuto un risultato con le cooperative, dopo anni di anarchia totale, si resta meravigliati di fronte alle cose di cui ha parlato Nucci. La parola legalità non va sbandierata. Con prepotenza si è fatta una illegalità nei confronti di alcune cooperative. Io vorrei votarlo questo documento ma con l’aggiunta che riguarda queste persone, escluse, che devono tornare a lavorare”. Cataldo Savastano (Autonomia e diritti) ha parlato di “novità importanti venute alla luce, che quest’aula deve tenere in considerazione: i documenti che smentiscono un atteggiamento che questa Amministrazione ha assunto nei confronti di alcuni operatori delle cooperative, da una parte; dall’altra la richiesta del consigliere Nucci sulla disponibilità delle economie 2013 che, anche io chiedo che vengano reinvestite nelle medesime attività. Sul documento propongo una riunione dei capigruppo per integrarlo con la tempistica e le modalità di reperimento delle risorse. Altrimenti risulta un documento come tanti altri che rimane nel cassetto”. Riunita la conferenza dei capigruppo, il presidente Morrone ha dato lettura del documento integrato nel quale si precisa  che “le ulteriori risorse finanziarie che consentono alle cooperative di tipo B di superare eventuali situazioni di disagio dovute alla riduzione dell’attività lavorativa, dovranno essere corrisposte, nei modi e nei termini consentiti dalla normativa vigente, attraverso l’individuazione di attività analoghe a quelle attualmente svolte dalle cooperative e necessarie all’attività istituzionale dell’Ente. Il Consiglio comunale – conclude il documento – auspica inoltre una verifica delle problematiche emerse durante il dibattito”.   Proseguendo con le dichiarazioni di voto Lino di Nardo (PdL) ha affermato che la problematica delle cooperative dopo tre anni è arrivata in porto. “Credo che sia così grazie a questa Amministrazione – ha detto - che è riuscita a rispettare il quantum da dare alle cooperative, e questo vale per 7 appalti su 8, e a rispettare il numero dei dipendenti. Ora corre voce di tirannie da parte di alcuni presidenti, questa è una battaglia che i dipendenti devono fare con l’Amministrazione”. Massimo Commodaro (Mario Occhiuto sindaco) ritiene importante questo voto “su una risorsa fondamentale per il Comune, come le cooperative di tipo B. Il lavoro è stato lungo e difficile – ha detto - ma alla fine si è arrivati a una soluzione. Il documento attesta che siamo disponibili ad integrare risorse nel rispetto della normativa. Devo dare atto al sindaco e agli assessori di aver fatto un buon lavoro, spesso in solitudine. Da questo momento in poi deve iniziare una fase nuova e di condivisione in cui le cooperative devono avere risorse in base a quanto la normativa prevede”.   Roberto Bartolomeo (Gruppo Misto), ha parlato di un “documento che dà un indirizzo all’Amministrazione e all’assessore al bilancio a perseguire tutte le strade possibili e legittime per trasferire risorse ai lavoratori delle cooperative. A noi – ha aggiunto – preme poi che i lavoratori che non hanno problemi con la giustizia siano reintegrati al loro posto”. Marco Ambrogio (PD), espresso l’augurio di un buon lavoro all’assessore Vizza, ha chiesto “per cosa siano state spese le economie del 2013. Abbiamo comunque aderito al documento chiedendo che le somme dei primi 4/5 mesi siano utilizzate per servizi analoghi. Credo che le cooperative a cui dare priorità siano quelle delle pulizie interne, 70 lavoratori che sono i più penalizzati con minori risorse. Dalla discussione è emersa poi la vicenda di alcune certificazioni antimafia, rispetto alle quali preannuncio interrogazione a risposta scritta, perché va verificato se sono stati lesi diritti”. Carmelo Salerno (Forza Italia), ha preannunciato voto favorevole, “lo faccio con convinzione – ha detto -  perché il documento è l’epilogo di una pratica amministrativa buona ed efficace. Oggi, in un Consiglio comunale tranquillo, abbiamo raggiunto un traguardo importante. Ringrazio per questo gli assessori Carmine Vizza e Carmine Manna che, entrambi, hanno lavorato con attenzione e sensibilità nei confronti dei problemi delle cooperative sociali e della città. Il risultato raggiunto sancisce il fatto che sono state mantenute delle promesse fatte: il mantenimento dei livelli occupazionali e, col documento di stasera, il mantenimento dei livelli reddituali. L’aumento di risorse deve essere previsto in funzione di nuovi servizi”. Nella sua replica, il Sindaco Mario Occhiuto si è detto “molto soddisfatto, i lavoratori che sto visitando sul luogo di lavoro sono molto contenti. Oggi cominciamo a raccogliere i risultati di un lungo lavoro. Attraverso un sistema di gara pubblica abbiamo regolarizzato i servizi. Sul livello reddituale c’è da dire che i contratti oggi prevedono quattordici mensilità e non più dodici, ma comunque questa Amministrazione si era già impegnata, e lo fa di nuovo oggi con questo documento, a integrare gli importi di gara con gli strumenti consentiti dalla norma. Sulla questione sollevata da Nucci, dico che chi contrae con la Pubblica Amministrazione deve avere il certificato antimafia a posto. Dalla Prefettura ci era stata data una informazione e sollevate alcune problematiche, richiamate nelle certificazioni interdittive che abbiamo ricevuto, cioè la frammentazione dei servizi per eludere la certificazione antimafia. Cosa alla quale non potevamo prestarci. Queste interdittive sono arrivate, ci sono stati dei ricorsi, il Consiglio di Stato ha dichiarato che indipendentemente dall’importo l’Amministrazione può sempre richiedere la certificazione. La cooperativa a cui fa riferimento il consigliere Nucci ha poi sanato la situazione cambiando gli amministratori ma nel frattempo le gare erano state avviate. Tutti i lavoratori con interdittiva sono stati comunque inseriti ma non potranno più fare gli amministratori. Avremo meno caporali”. Sul documento l’aula si è espressa all’unanimità. La discussione è poi proseguita sui punti all’ordine del Giorno riguardanti il cimitero dei quali si darà conto in un successivo comunicato.

di Redazione | 13/06/2014

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it