We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Jesi (Ancona) - Dall’11 al 21 giugno astigmatismi culturali: doppia personale di Salvatore D’Addario e Lino Stronati


Si inaugura mercoledì 11 giugno, alle 18,30, la mostra “Astigmatismi Culturali”, doppia personale degli artisti Salvatore D’Addario e Lino Stronati in arte Stroli ospitata a Palazzo dei Convegni, in corso Matteotti a Jesi. La mostra, organizzata con il patrocinio del Comune di Jesi, propone oltre 40 opere tra quadri e sculture selezionate per l’evento dai due artisti marchigiani. Salvatore D’Addario, di Camerano (An), insegna all’Istituto d’Arte di Ancona ed espone le sue opere pittoriche e scultoree già dal 1970. Il suo percorso artistico annovera importanti mostre a livello nazionale – Roma Milano - e internazionale – Austria, Egitto, Cina, Romania. Lino Stronati, in arte Stroli, vive ed opera a Jesi. Il suo linguaggio, elaborato in pochi anni da autodidatta, si contraddistingue per l'originalità e l’energia travolgente del suo espressionismo. Espone dal 2009 e ha già all’attivo numerose mostre collettive e personali a Sarnano, a Assisi, a Roma, presso l’Ambasciata di Cuba, ancora a Roma, con il Premio Seraphicum e l’esposizione all’Ambasciata dell’Iraq presso la Santa Sede, e al Museo d’Arte Moderna di Kiev. L’evento raccoglie ed esprime due esperienze molto diverse e di grande interesse che, come sostiene il critico Fabio Ciceroni, “[…] non obbligano a chiedersi cos’è? ma piuttosto chi è? ed io chi sono?”. Il filo che lega le opere dei due artisti, è il lavoro che li vede entrambe impegnati a rivelare sofferenze fisiche e psicologiche, lotte per la sopravvivenza del pensiero o, addirittura, per la sopravvivenza fisica. Il nucleo centrale delle mostra, infatti, è composto da una serie di ritratti dedicati da Salvatore D’Addario a grandi pensatori e artisti del 900 come Ionesco, Burroughs, Erofeev, Verdiglione ritagliati, scontornati e posti fuori dal piano, in una sorta di astigmatismo rispetto al pensiero corrente. Ombre scure che lasciano un vuoto di interrogativi. È l’ebbrezza che il libero arbitrio, di fronte a uno spazio bianco, trasforma in inquietudine, rendendo consapevoli di un altro pensiero possibile che D’Addario suggerisce e configura. È, appunto, la rappresentazione della forza delle idee e del pensiero che spesso viene a destabilizzare gli equilibri sociali e che, quindi, viene biasimato, limitato, combattuto, a volte con la violenza, l’allontanamento o la prigionia. A ciò si unisce la riflessione sui grandi cambiamenti sociali e sul dramma delle popolazioni migranti che la serie “miraggi”, presentata da Stroli, propone. Un viaggio spesso tragico che Stroli evoca in modo sorprendente e potente giocando sul contrasto tra gioiose, spensierate, coloriture e tragici simboli, in un’orditura che intreccia, come una crema spalmata su una familiare fetta di pane, scie sinistre e residui di umani spostamenti senza nome. La mostra è a ingresso libero ed è aperta tutti i giorni, dal l’11 al 21 giugno, dalle 17,30 alle 20,30. Chiuso il lunedì.

di Redazione | 09/06/2014

Pubblicità

Affittasi appartamento Via Nazionale (banner 300x170) vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 bcc mediocrati x50 IonioNotizie per la tua pubblicità


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2021 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it