We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cosenza (Cosenza) - Riunione congiunta delle Commissioni Bilancio e Attività economiche, dibattito su detassazione esercizi commerciali delle zone cantierizzate


Riunione congiunta questa mattina a Palazzo dei Bruzi delle Commissioni consiliari Bilancio, presieduta da Francesco Caruso, ed Attività economiche e produttive, guidata da Luca Gervasi, per tracciare un percorso condiviso che porti l’Amministrazione ad applicare criteri di detassazione in quelle zone della città interessate alla realizzazione di opere pubbliche i cui lavori si protraggano per almeno sei mesi. Lo spunto è offerto da due proposte, firmate rispettivamente dai consiglieri Pierluigi Caputo e Raffaele Cesario, entrambe focalizzate su quello che ad oggi è il più grande cantiere cittadino, vuoi per dimensioni vuoi per impatto sul tessuto economico, cioè la riqualificazione di piazza Bilotti. Se Caputo chiede una detassazione su ex Tarsu e consumo idrico, Cesareo rilancia con una vera e propria zona franca. Fatto sta che l’Amministrazione comunale, presente alla riunione con due assessori -  Luciano Vigna, responsabile della programmazione finanziaria e Nicola Mayerà, alla crescita economica urbana – sta già lavorando in una direzione ed a tracciarla non può che essere il nuovo strumento regolamentare, del quale c’è già una bozza, richiesto dalla IUC (Imposta Unica Comunale) che da quest’anno integra Imu, Tares e Tari. “Sebbene l’Amministrazione, con la nuova imposta, non abbia più l’obbligo di inserire benefici nella percentuale del 7% rispetto al volume delle entrate – precisa subito Vigna – ci siamo comunque posti il problema di garantire le agevolazioni. Qualunque forma di esenzione va però inquadrata nella nuova visione che vuole il costo totale del sistema ex Tarsu interamente coperto dai tributi”. L’invito del vicesindaco e assessore al bilancio Luciano Vigna, alla luce di questa premessa, è dunque ad individuare responsabilmente con i consiglieri un percorso condiviso, che abbracci tutto il panorama delle esenzioni, dalle famiglie meno abbienti alle strutture commerciali che ricadono in zone cantierizzate e per questo hanno diminuito consistentemente il loro volume d’affari. “Nel nuovo Regolamento – annuncia Vigna – abbiamo già inserito l’accesso all’agevolazione sull’ex Tarsu per quegli esercizi commerciali ubicati in zone precluse al traffico a causa della realizzazione di opere pubbliche che prevedono tempi superiori a sei mesi. In fase di definizione delle tariffe si determinerà la misura dell’agevolazione, fissando criteri oggettivi”. Va da sé, dunque, che il provvedimento, seppure stimolato da un caso specifico, dovrà estendersi a tutte le zone della città segnate da cantieri, e viene subito in mente Gergeri con l’appena avviato Ponte di Calatrava, ad esempio. “Quanto prima – conclude Vigna – il Direttore del Dipartimento Tecnico fornirà una mappa delle strade cantierizzate per consentici la valutazione dell’impatto economico”. Sulla medesima lunghezza d’onda l’assessore Mayerà che, come evidenziato subito dopo da alcuni consiglieri, non ritiene perseguibile la strada dell’esenzione totale, limitandosi a parlare di detassazione. L’assessore alla crescita economica urbana interviene sulla questione degli studi professionali, quali potenziali beneficiari al pari degli esercizi commerciali, sollecitata dal consigliere Sergio Nucci, per evidenziare che “la disciplina ministeriale, recepita da Regioni e Comuni, ai fini delle tariffe e conseguenti agevolazioni, parla di studi professionali che siano costituiti come imprese”. Dal dibattito, molto partecipato, scaturiscono diverse posizioni; quella di Luca Gervasi, che invita l’Amministrazione a perseguire la strada dell’esenzione totale, alla quale fa da contraltare l’intervento di Francesco Perri che invita a stare con i piedi per terra, “la situazione finanziaria dell’Ente imporrà determinati passaggi”, dice. Per Giovanni Cipparrone la riunione si traduce in “uno spot elettorale. Le cantierizzazioni continuano e nessuno è stato capace di portare in questa sede uno straccio di dato oggettivo”; disapprova Francesco Caruso, che guida i lavori, e sottolinea invece come le commissioni consiliari non servano solo a “portare sul tavolo proposte predefinite sulle quali limitarsi ad esprimere un voto ma devono piuttosto dare vita ad un confronto dal quale intraprendere percorsi comuni”. Così Andrea Falbo riconosce alla commissione odierna “il merito di aver realizzato quella condivisione che invoco da tempo. La materia non è semplice e chiedo all’assessore di accelerare i tempi di approvazione del Regolamento”. “Le proposte che hanno stimolato questa riunione congiunta – afferma Michelangelo Spataro – sono sensate e ringrazio l’assessore Vigna che, con quanto ci ha già preannunciato del nuovo Regolamento, dimostra di essere stato lungimirante. Dobbiamo tutti cercare con equilibrio di aiutare i cittadini”. Allo stesso modo Pierluigi Caputo rimanda allo strumento regolamentare mentre Giovanni Quintieri punta alla necessità che ci sia un controllo sui tempi di realizzazione delle opere, che vanno determinati”.

di Redazione | 27/04/2014

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it