We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Crotone (Crotone) - Installata centralina per il monitoraggio della radioattivita’ in aria


Una centralina per il monitoraggio della radioattività gamma in aria è stata installata nei giorni scorsi, presso il Dipartimento provinciale di Crotone dell’Arpacal (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Calabria); questa, insieme a quelle che si trovano sull'altopiano della Sila e sulle Serre vibonesi, è la terza centralina gestita dall’Agenzia ambientale calabrese. La messa in funzione della strumentazione di controllo – riferisce testualmente una nota dell’ArpaCal - rientra in un piano di collaborazione nato da un’intesa istituzionale tra la Direzione Scientifica,  i Dipartimenti provinciali di Catanzaro e Crotone dell’Arpacal ed il Dipartimento Nucleare dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale). La progettazione e la predisposizione per l’installazione della centralina sono state eseguite dal responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, ing. Domenico Vottari. La scelta del punto di installazione della stazione gamma è caduta su Crotone, anche in considerazione delle problematiche ambientali che caratterizzano l’area urbana ed il resto della Provincia. La sonda, messa in funzione alla presenza dei tecnici Salvatore Procopio, Salvatore Ferro, Vincenzo Barone, Andrea Vescio e degli esperti ISPRA, ha subito iniziato a fornire i primi risultati, in linea con i dati già a disposizione del Laboratorio Fisico di Catanzaro acquisiti con strumentazione portatile. “Il valore aggiunto di tale sistema – ha commentato il Direttore scientifico dell’Arpacal, dr. Francesco Nicolace - è quello di essere inserito in una rete di sorveglianza europea, fortemente voluta dagli stati membri dopo i noti fatti di Chernobyl, capace di segnalare un qualunque aumento della dose alla popolazione, dovuto ad eventuali incidenti che comportino rilasci incontrollati di radioattività nell'ambiente”. "La posizione del territorio calabrese, al centro del Mediterraneo – ha aggiunto il Direttore del dipartimento provinciale di Crotone dell’Arpacal, Dr.ssa Teresa Oranges - è di particolare rilevanza se si considera che quando si parla di tali incidenti non ci si riferisce soltanto ad eventi che coinvolgono piccole sorgenti industriali presenti sul territorio, bensì anche ad eventi che possono rivelarsi di magnitudo maggiore che possono avvenire al di fuori dei Paesi della Comunità Europea dove a volte la sensibilità verso tali temi non è paragonabile a quella dei Paesi comunitari"

di Redazione | 25/06/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it