We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cassano Allo Ionio (Cosenza) - Messaggio di fine anno del Sindaco Gianni Papasso


“Care concittadine e cari concittadini, riesce difficile evitare l’emozione nel rivolgere a voi ed alle vostre famiglie gli auguri per un 2014 diverso e migliore. Un pensiero speciale va a quella parte della comunità che soffre, per problemi di salute, per mancanza di lavoro  o per la condizione di indigenza, solitudine o emarginazione. Avvertiamo  il dovere di manifestare a queste persone  la nostra forte e solidale vicinanza, perché nessuno debba mai sentirsi solo, abbandonato  e senza speranza. Abbiamo vissuto insieme un anno complicato,  carico di enormi difficoltà. Un anno  che ci ha visti affrontare una crisi economica senza precedenti, che ha condotto verso condizioni di estremo disagio tante famiglie di Cassano. Per tantissime persone, infatti,   il 2013 si chiude   con un bilancio fatto di sacrifici, di rinunce e di problemi che, in ogni modo, ciascuno ha saputo affrontare  con grande dignità e compostezza. Il Comune è il primo e l’ultimo dei presidi a cui il cittadino si rivolge per avere risposte ai propri bisogni ed un Sindaco spesso viene visto come la persona in grado di affrontare e risolvere ogni sorta di problema. Abbiamo cercato, in ogni modo, di individuare i mezzi necessari da mettere in campo per alleviare i bisogni. Non sempre è stato possibile, però, intervenire per come  il cuore ci indicava di fare. La dura realtà, fatta di risorse sempre più esigue, di un’economia sempre più stagnante, di una ripresa economica che appare sempre più lontana ed irraggiungibile, ci ha costretto nostro malgrado ad esprimere la nostra impotenza e l’impossibilità di dare risposte adeguate alle necessità. Tutto questo è stato ed è motivo di grande tristezza! Molto spesso, dinanzi alla disperazione di un padre di famiglia senza lavoro o dinanzi alla sfiducia di un giovane, che non vede spiragli per il suo futuro, forte è stata la tentazione di arrendersi e di gettare la spugna. Sono sentimenti che appartengono alla nostra condizione umana. Sappiamo bene, invece, che il nostro dovere è quello di andare avanti, non arrendersi, non abbandonarsi alla sfiducia e, soprattutto,  di svolgere con onestà e spirito di sacrificio il compito che la Comunità ci ha assegnato. In tal senso continueremo a fare quanto è possibile,  aprendoci all’ascolto della nostra popolazione e guardando con occhi sempre più particolari verso il bisogno e la sofferenza, all’unisono con il Nostro Vescovo Mons. Nunzio Galantino. Al vescovo, ai Sacerdoti ed al mondo religioso di Cassano va il nostro saluto, la nostra incondizionata stima e gli auguri per un nuovo anno che dovrà vedere sempre più robusti i rapporti di reciproca collaborazione,  per aiutare la nostra Comunità,  e più di tutto chi soffre, ad uscire dallo stato di precarietà e a  ritrovare la speranza nel futuro. Allo stesso tempo rivolgiamo il nostro pensiero ed il nostro augurio alle Forze dell’Ordine, baluardo di  sicurezza e di legalità in tutto il territorio,  al mondo della Scuola, del Volontariato e delle Associazioni culturali, sociali e di categoria, alle Forze Politiche e Sindacali e al mondo dell’impresa e delle professioni, con l’auspicio che tutti insieme, ognuno per le proprie responsabilità e competenze, possiamo  creare una rete sempre più fitta di reciproca collaborazione, facendo divenire la vitalità,  che contraddistingue il nostro tessuto sociale,  il seme dell’autentica  rinascita civile, culturale ed economica della nostra città. Intendiamo, ancora, rivolgere i più calorosi auguri  per un diverso e migliore anno  alle famiglie dei migranti,  che vivono e lavorano a Cassano e  per le quali è giusto compiere  ogni sforzo per una vera e concreta inclusione  nella realtà sociale e comunitaria. Un saluto speciale lo rivolgiamo  agli anziani, custodi delle nostre radici e della nostra memoria storica e, quindi, grande risorsa per la nostra società. Soprattutto, rivolgiamo un pensiero affettuoso e particolare ai nostri giovani,  speranza della nostra comunità: guardate avanti con l’ottimismo e la passione della vostra età, siate propositivi e fiduciosi, anche quando vi sembra che tutto cospiri contro di voi e che non vi sia possibilità di vedere la luce,  oltre il tunnel di questa crisi economica e di valori. Impegnatevi a fondo e fate in modo che la sfiducia e l’apatia  non prendano mai il sopravvento sulla speranza e la voglia di fare e di progettare il futuro.  L’ultimo dell’anno, per  tradizione, è occasione per fare il bilancio delle cose fatte e per annunciare ciò che si farà nel prossimo futuro. Non volendo, però, ripetere la solita filastrocca delle cose realizzate, e  per altro conosciute dalla gente,  ci limitiamo a dire che l’Amministrazione Comunale  sta attuando tutte le misure necessarie, pur nella difficile contingenza,  per far riprendere alla città un cammino virtuoso, mettendo sempre  al  centro della propria azione  la dignità della persona ed il pubblico interesse. Vorremmo solo sottolineare che il 2013 è stato, paradossalmente, l’anno degli scavi Archeologici di Sibari, poiché abbiamo lavorato per trasformare la negatività dell’esondazione del Crati e dell’allagamento del sito  in un’opportunità di rivalutazione di un luogo di enorme valore storico e  culturale, patrimonio  dell’umanità intera. L’interessamento dei mezzi di comunicazione nazionali, le visite di vari Ministri e rappresentanti istituzionali, l’appello per salvare gli scavi, lanciato dal mondo della scienza e della cultura, gli appalti di lavori già banditi per altri 18 milioni di euro, un umile Sindaco di periferia, che viene ascoltato dalla Commissione Cultura del Senato, che si impegna a relazionare al Governo, l’interessamento del Ministro per i Beni Culturali, Massimo Bray, per il quale “ Nel tesoro archeologico di Sibari c’è il futuro della Calabria”, sono tutte circostanze che ci inducono a pensare che, finalmente, per Sibari si possa aprire una stagione nuova di vera promozione e valorizzazione. Molti obiettivi  sono stati colti.  Ancora molto resta da fare, per riportare la città a livelli di vivibilità sempre più alti. Tante sono le sfide che ci aspettano!    Vorremmo, tuttavia, avvalerci dell’occasione per rinnovare il patto a suo tempo sottoscritto con tutti voi: quello di lavorare sempre all’insegna dell’onestà, della trasparenza e della moralità, ricercando il confronto e l’apporto di tutti. Nonostante la grave congiuntura economica ci spinga ad avere una visione pessimistica, non dobbiamo dimenticare che la Città di Cassano è ricca di risorse, naturali e culturali,  e da questo si deve partire per far si che il 2014 sia un anno di svolta , cari concittadini! Tutti insieme!  È tempo di rimboccarci le maniche e sentirci protagonisti  del cambiamento, ognuno per la  propria parte, ognuno con le proprie attitudini ed esperienze. Tutti insieme, possiamo far fronte e vincere la fragilità e l’incertezza che minaccia il futuro. Insieme possiamo costruire una città nuova, moderna,  a misura d’uomo, equa e  solidale, ove ci sia spazio per le sensibilità, le attitudini  e le aspirazioni di tutti e dove nessuno  mai dovrà sentirsi solo. Questo è l’augurio più sincero che sentiamo di fare, per un 2014   che  auspichiamo di poter  vivere nel segno dell’amicizia, della solidarietà, della  speranza e della serenità”.

di Redazione | 30/12/2013

Pubblicità

Affittasi magazzino (banner 300x170) cinema teatro sanmarco rossano bcc mediocrati x50 studio sociologia


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2017 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it