We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Sezze (Latina) - Dopodomani verranno presentati gli esiti della ricerca "I nomi e i luoghi...la Shoàh nella provincia di Latina"


Mercoledì 18 dicembre 2013, alle ore 18, presso l’Aula Magna dell'I.S.I.S.S. "Pacifici e De Magistris" di Sezze gli alunni del Laboratorio di storia “Semata” presenteranno gli esiti della ricerca "I nomi e i luoghi...la Shoàh nella provincia di Latina" realizzata nell’ambito del progetto “La geografia della memoria nel Lazio” promosso dall’Assessorato all’Istruzione e Politiche per i giovani della Regione Lazio  in collaborazione con la Fondazione Museo della Shoah di Roma. Il lavoro, coordinato dal prof. Giancarlo Onorati, ha mirato a realizzare una mappatura di tutti i fatti riconducibili alla persecuzione nazifascista nel periodo 1938-1944 accaduti nel territorio dell'ex provincia di Littoria che dal settembre del '43 al maggio del '44 appartenne alla R.S.I. Un filone specifico della ricerca ha ricostruito la vicenda di alcuni uomini e donne non ebrei di Sezze che aiutarono i concittadini dichiarati dall’autorità fasciste di "razza ebraica" riuscendo a sottrarli all'arresto e alla deportazione. Sul piano metodologico la ricerca è iniziata con una ricognizione delle fonti bibliografiche e archivistiche e con l'individuazione di eventuali testimonianze orali. L'incontro in corsa d'opera con il giornalista Emilio Drudi, il quale è in procinto di pubblicare un libro in materia, ha dato un impulso decisivo al lavoro.

di Redazione | 16/12/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it