We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Rossano (Cosenza) - Depuratore, firmato accordo di programma


  Depuratore consortile, con la sottoscrizione dell’Accordo di programma tra le Città di Rossano e Corigliano si da avvio alla fase procedurale per la realizzazione della struttura. Che, insieme al costruendo nuovo ospedale della Sibaritide, rappresenta la concretizzazione dell’idea di conurbazione dell’Area urbana. Un progetto, quello del megacollettore, pensato per servire ai bisogni di oltre 120mila abitanti, nato due decenni addietro e che solo negli ultimi due anni, grazie all’interessamento dell’Esecutivo ANTONIOTTI, del Comune di Corigliano, con la commissione prefettizia prima e con il Sindaco GERACI ora, e del Presidente della Prima commissione regionale Affari istituzionali, Giuseppe CAPUTO, ha avuto il decisivo input per la sua costruzione.   Stamani (VENERDÌ 13 DICEMBRE 2013), nella Sala giunta del Palazzo di Città, i due sindaci Giuseppe ANTONIOTTI e Giuseppe GERACI, alla presenza dell’On. Giuseppe CAPUTO, del Presidente dell’Assise civica, Vincenzo SCARCELLO, di una rappresentanza dei Consiglieri comunali, degli uffici tecnici municipali, del progettista dello studio di fattibilità, Ing. Luigi VULCANO, e della stampa, hanno sottoscritto l’Accordo di Programma, che regolamenterà obiettivi, funzioni e compiti di ciascun Ente, per  la realizzazione e successiva gestione dell’Impianto. Prossima tappa: IL BANDO DI GARA-   Siamo passati dalle tante parole ai fatti concreti, ha detto ANTONIOTTI in apertura dei lavori. La realizzazione del depuratore consortile rappresenta nel concreto solo uno dei tanti progetti, messi in cantiere insieme a Corigliano, che mirano a creare sviluppo nell’Area urbana. A proposito, il sindaco di Rossano ha ricordato, anche la programmazione dei Piani integrati di sviluppo locale (PISL), e quelli locali per il lavoro (PLL), così come il rilancio della Zona franca urbana (ZFU), che porteranno nuove risorse ed investimenti nelle due città. Con il depuratore consortile– ha detto ANTONIOTTI – abbiamo creato le basi per garantire uno sviluppo credibile e sostenibile del Turismo e delle risorse ambientali, due ambiti fondamentali di questo territorio.   Abbiamo abbattuto il famigerato campanile – ha aggiunto GERACI – tra Rossano e Corigliano. Oggi le due città camminano l’una di fianco all’altra per programmare sviluppo e per controbattere gli effetti nefasti di una crisi economica epocale. Ci impegniamo a costruire il nuovo depuratore, che offrirà un servizio importantissimo per i cittadini dell’Area urbana, così come continueremo insieme la lotta a tutela del Tribunale di Rossano e delle problematiche sanitarie. Il nostro impegno, ora, sarà quello di vigilare costantemente sulla costruzione del depuratore e dell’ospedale.   Il nostro territorio, di grande vocazione turistica – ha ribadito CAPUTO che in questi mesi ha lavorato affinché l’iter procedurale del progetto camminasse in modo spedito nelle diverse sedi istituzionali e ottenesse i necessari finanziamenti pubblici, che andranno a compensare l’investimento dei privati sull’opera – ha necessità di puntare sulla risorsa primaria che è il mare. Questa struttura garantirà il definitivo superamento delle criticità che da decenni emergono a causa della depurazione delle acque. Purtroppo nel corso di questi anni ci siamo scontrati con una burocrazia pachidermica che aveva bloccato un progetto essenziale per lo sviluppo del territorio. Con impegno e lungimiranza abbiamo fatto sì che il megacollettore venisse allocato in un’area che non creasse problemi al costruendo nuovo ospedale. Su queste basi ci siamo confrontati proficuamente con Corigliano, considerando il principio, sostenuto da sempre, che le due Città hanno bisogno di ragionare e progettare all’unisono.   La realizzazione di questa importante opera – ha detto SCARCELLO – in questo particolare momento storico di crisi e povertà per questo territorio, rappresenta un’opportunità strategica di lavoro. Per questo il ruolo di controllo delle Istituzioni sarà essenziale per far sì che su questo progetto non piombino le attenzioni e gli interessi della criminalità.     OBIETTIVI DELL’ACCORDO DI PROGRAMMA   L’Accordo di Programma, sottoscritto stamani, prevede l’individuazione del Comune di Rossano, quale Ente capofila e del responsabile unico del procedimento (RUP) individuato nell’Arch. Salvatore LEPERA, responsabile dell’Ufficio Ambiente del Comune di Rossano.   Il CIPE con Deliberazione N. 60 del 30/04/2012 ha assentito le risorse necessarie alla Regione Calabria finalizzate alla realizzazione degli interventi proposti dalla stessa Regione al fine di superare le  situazioni di contenzioso comunitario nei settori della depurazione e delle bonifiche.   Tra i sedici interventi d’area ritenuti prioritari nel settore ambientale della depurazione delle acque reflue urbane individuati nella delibera CIPE, risulta quello relativo all’impianto di depurazione e realizzazione opere di collettamento dei Comuni dell’Area urbana Corigliano-Rossano.   E’ stato approvato uno Studio di Fattibilità, redatto dall’Ing. Luigi VULCANO, che prevede di adeguare i sistemi di fognatura, collettamento e depurazione a quanto sancito dalla Direttiva 91/271/CE, tramite la realizzazione di un Impianto di Depurazione Consortile e la costruzione delle opere di collettamento a tal fine necessarie e rispondenti alla strategia regionale di programmazione, che individua gli interventi coinvolgendoli nelle cosiddette ”Aree omogenee”, all’interno delle quali ottimizzare gli schemi depurativi ed avviare meccanismi di project financing (PF), ai sensi dell’art. 153 commi 1 - 14 del D.Lgs. 163/2006.   IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI NECESSARI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO AMMONTA A COMPLESSIVI 29,9MILIONI DI EURO DI CUI € 14MILIONI DI EURO DA FINANZIAMENTO PUBBLICO E 15,9MILIONI  DI EURO DI INVESTIMENTO PRIVATO.         Il Project Financing prevede l’acquisizione della progettazione definitiva, esecutiva e la realizzazione delle infrastrutture e degli impianti afferenti il servizio depurativo e fognario come indicato nello Studio di Fattibilità da porre a base di gara, nonché la gestione funzionale ed economica per la durata di 20 anni dell’intera filiera fognaria-depurativa ricadente nel comprensorio dei Comuni di Rossano e Corigliano Calabro previo acquisizione, in sede di offerta, della progettazione preliminare.

di Redazione | 13/12/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it