We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Cologno Monzese (Milano) - La Città inaugura la Casa dell’Acqua


Anche a Cologno Monzese arriva la Casa dell’Acqua, impianto per la distribuzione di acqua di rete sia naturale che frizzante, realizzato da CAP Holding - l’azienda pubblica che gestisce il servizio idrico integrato in 200 comuni nelle province di Milano, Monza e Brianza, Lodi, Pavia – in collaborazione con il Comune. Appuntamento per l’inaugurazione sabato 19 giugno alle ore 11 presso il parco di viale Marche, saranno presenti il sindaco Mario Soldano e il presidente di CAP Holding Alessandro Ramazzotti. Ai residenti presenti all’inaugurazione – riferisce testualmente una nota dell’Ufficio stampa comunale -  sarà data una bottiglia di vetro che riporta l’etichetta dell’Acqua di Cologno Monzese con i risultati delle ultime analisi effettuate sull’acquedotto cittadino e il confronto con i parametri di legge: un omaggio di CAP Holding e del Comune per ricordare ai cittadini che bere acqua di rete, del proprio rubinetto di casa o della Casa dell’Acqua, è una scelta sicura, economica e amica dell’ambiente!  Con 196 litri ad abitante, l’Italia è il terzo consumatore mondiale di acqua in bottiglia, primo in Europa, con un aumento dei consumi dal 1980 ad oggi del 317%. Questi consumi così elevati comportano un enorme impatto ambientale, lo scorso anno in Italia sono stati raccolti 6 miliardi di bottiglie di plastica: se proviamo a metterle tutte in fila, copriamo 40 volte la circonferenza della Terra! A questo bisogna aggiungere i 300mila TIR che ogni anno attraversano la penisola per trasportare la sola acqua in bottiglia. Queste abitudini sono spesso immotivate: in particolare nel nostro territorio l’acqua di rete, quella prelevata dagli acquedotti cittadini, che arriva ai rubinetti di casa, è di ottima qualità. Sicura, perché garantita da rigorosi controlli periodici, svolti dai laboratori delle aziende che gestiscono il servizio idrico e dalle ASL. L’acqua del rubinetto è inoltre più comoda di quella in bottiglia, perché arriva direttamente nelle nostre case, più sostenibile perché non comporta la produzione e lo smaltimento di plastica ed è a km 0, più economica: un metro cubo di acqua del rubinetto, cioè mille litri, costa poco meno di un euro. Da tutte queste considerazioni è nato il progetto Case dell’Acqua: punti di distribuzione di acqua naturale e frizzante prelevata dall’acquedotto. Le Case dell’acqua sono nate per far conoscere il valore della risorsa acqua, la qualità dell’acqua del rubinetto, il lavoro delle aziende pubbliche per garantire un servizio per niente scontato. La Casa dell’Acqua di Cologno Monzese è la più recente delle 15 strutture realizzate da CAP Holding: 12 sono in provincia di Milano, in provincia di Lodi è attiva una Casa dell’Acqua a Santo Stefano Lodigiano e nel Pavese sono stati inaugurati tra Aprile e Maggio gli impianti di Siziano e Landriano.  Il sindaco Mario Soldano sottolinea gli aspetti più interessanti dell’operazione: “La Casa dell’Acqua costituisce un’occasione concreta per rammentare a tutti che l’ambiente va salvaguardato. La nuova struttura, realizzata da CAP Holding nella nostra città, testimonia attenzione e sensibilità per i problemi ecologici. Abbiamo lavorato per far realizzare questa moderna fonte, e il nostro messaggio vuole essere: risparmiamoci il costo diretto dell’acqua imbottigliata, perché l’acqua del rubinetto è tanto buona da meritarsi una casa. Diciamo basta allo scempio delle bottiglie di plastica, alle montagne di rifiuti, al traffico pesante che porta l’acqua a passeggio con costi astronomici”. Segnala i risultati delle Case dell’Acqua il presidente di CAP Holding Alessandro Ramazzotti: “Oggi le Case dell’Acqua erogano in media quasi 3000 litri al giorno per ogni struttura, che equivalgono a un risparmio quotidiano di circa 2000 bottiglie di plastica da un litro e mezzo. Sono diventate inoltre punti di aggregazione e socializzazione, e luoghi privilegiati di comunicazione fra istituzioni e cittadini. Un grande successo e un’occasione per promuovere l’acqua del rubinetto, che è ottima da bere e rispetta l’ambiente, perché riduce la produzione, lo smaltimento e il trasporto di ingenti quantità di plastica”.

di Redazione | 18/06/2010

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it