We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Reggio Di Calabria (Reggio Calabria) - Anche in Calabria le giornate di prevenzione reumatologica. A Reggio Calabria, Cosenza e Castrovillari i 3 centri ospedalieri coinvolti


“Aderire alle iniziative di prevenzione è sempre utile - afferma Antonella Celano, Presidente A.P.MA.R. Associazione Persone con Malattie Reumatiche - e la prevenzione è il principale strumento che i cittadini hanno per poter affrontare, con i migliori risultati, le malattie reumatiche, ed è per questo che ogni sforzo va in questa direzione”. A promuovere l’iniziativa “OPEN DAY” è l’Associazione APMAR che, grazie alla disponibilità e al lavoro di volontariato dei medici e dei responsabili dei reparti e degli ambulatori di Reumatologia, e con il contributo non condizionato di Pfizer, durante il mese di ottobre organizza 3 giornate di screening reumatologico gratuito attraverso le quali sarà possibile prenotare un consulto ed eventualmente gli esami diagnostici che si rendessero necessari. Tre i centri ospedalieri che hanno aderito all’iniziativa “porte aperte”: aprirà il 19 ottobre l’Ospedale di Castrovillari, seguirà il 25 l’ASP 201 Poliambulatorio di Rende (Cosenza) e si concluderà il 26 ottobre con l’Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli di Reggio Calabria.  A coordinare la giornata di prevenzione a Castrovillari il dottor Giuseppe Varcasia, Responsabile U.O.S. di Reumatologia dell'ospedale della città che afferma: “Aderiamo a queste iniziative perché i malati, le persone, sono al centro del nostro lavoro e la nostra struttura è all’avanguardia nel management clinico, dispone di sofisticate tecnologie, ha le competenze e una visione integrata per  comprendere le problematiche del paziente reumatologico. Oltre alla prevenzione, l’obiettivo di queste iniziative è anche quello di sensibilizzare i cittadini, facendo conoscere patologie gravi e croniche, autoimmuni e altamente invalidanti, come sono gran parte di quelle reumatiche”. "Fra le forme reumatologiche più gravi rientra l’artrite reumatoide, aggiunge il dottor Pietro Gigliotti, Specialista Ambulatoriale presso l'ASP 201 di Cosenza, che rappresenta una delle patologie autoimmuni più diffuse e più gravi. Spesso accade che le malattie reumatiche siano confuse con patologie meno gravi o transitorie e questo causa un ritardo diagnostico che può mettere a rischio la qualità di vita futura del soggetto, provocando nei pazienti gravi disabilità. Sono malattie croniche con un notevole impatto sociale sulla vita dei pazienti e sull’intera comunità a causa degli alti costi". "Le malattie reumatiche, continua il dottor Maurizio Caminiti, Responsabile Struttura Semplice Dipartimentale di Reumatologia Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli di Reggio Calabria, sono fra le malattie più invalidanti contro cui combattono classe medica e pazienti. Con queste iniziative si intende 'giocare d'anticipo' perché la prevenzione è l'arma più efficace per garantire ai pazienti, e in particolare a quelli più piccoli, una migliore qualità di vita". 

di Redazione | 18/10/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it