We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Saracena (Cosenza) - Il benvenuto di Saracena a Eataly


Terroir, la Calabria delle eccellenze enogastronomiche rappresentate da Saracena e dal suo Moscato Passito. È, questo, il biglietto da visita identitario che viene immediatamente offerto al visitatore di Eataly divenuto ormai il tempio del food di qualità e della tutela della biodiversità italiana nel mondo. Così anche all’ingresso del più importante Eataly della Penisola, quello della Capitale, ad Ostiense, una carta dell’Italia con su scritto “Mappa dei Grandi Vini Italiani” indica, sulla Calabria GRECO DI BIANCO, MOSCATO DI SARACENA, BIVONGI E CIRÒ. Un momento meritato di efficace marketing territoriale in tutte le 8 sedi di Eataly italiane (Bologna, Genova, Milano, Torino, Asti, Pinerolo, Monticello, Incontra Via Lagrance) e in quelle sparse nel mondo, dal Giappone a New York.   Si tratta – dichiara il sindaco Mario Albino GAGLIARDI – di un'ulteriore conferma, qualora ve ne fosse ancora bisogno, della capacità di promozione turistica e culturale insita delle produzioni tipiche e più in generale nella valorizzazione di tutte le risorse identitarie. La diffusa conoscenza del brand Saracena – continua GAGLARDI – presso target differenti in Italia e nel mondo, deriva soprattutto dalla forza dei nostri prodotti ed anche dalla lungimiranza dimostrata soprattutto in questi ultimi anni di governo cittadino, nell’investire tempo energia e risorse nella promozione del nostro patrimonio quale – chiosa il Primo Cittadino del Paese del Moscato Passito – autentico motore di sviluppo durevole e sostenibile.   EATALY è una catena alimentare di punti vendita di medie e grandi dimensioni specializzati nella vendita e nella somministrazione di generi alimentari tipici e di qualità. Il più grande spazio al mondo dedicato al cibo, alla ristorazione e alla didattica del mangiare.  Fondata da Oscar FARINETTI, rientra nel filone culturale di riscoperta delle radici enogastronomiche, rappresentato anche da Slow Food di Carlo PETRINI.   FARINETTI patron di Eataly, è anche presidente dell’Associazione Amici dell’Università di Scienze Gastronomiche di Bra fondata da Slow Food, una cui delegazione di studenti, su invito della condotta Sibaritide – Pollino, è stata ospite a Saracena, nel mese di aprile, nelle cantine del Moscato. Dall’individuazione dei produttori di eccellenza, al reperimento delle migliori materie prime disponibili sul territorio, EATALY segue un percorso fatto di rispetto della tradizione ed educazione su un modo di alimentarsi “sano, pulito e giusto”, come appreso da Slow Food.   Slow Food svolge nei confronti di Eataly il ruolo di consulente strategico, con il compito di controllare e verificare che la qualità dei prodotti proposti sia sempre all’altezza delle promesse e che i produttori, entrati a far parte del novero di Eataly, non compromettano la qualità della loro produzione per soddisfare una domanda crescente dei loro prodotti.   L’obiettivo è quello di incrementare la percentuale di coloro i quali si alimentano con consapevolezza, scegliendo prodotti di prima qualità e dedicando una particolare attenzione alla provenienza e alla lavorazione delle materie prime. Ad oggi infatti la percentuale di popolazione che assume un atteggiamento di questo tipo nei confronti di ciò che mangia è ancora molto bassa ed è spartita tra coloro che detengono un alto potere d’acquisto e tra pochi intenditori, che hanno già ben presente il valore dei prodotti sani e tradizionali.

di Redazione | 14/10/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 cartolandia nuovo 2015 studio sociologia bcc mediocrati x50


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it