We're sorry but our site requires JavaScript.

 


Altomonte (Cosenza) - Festival Euromediterraneo, Max Gazzè ha chiuso la prima parte della kermesse


Tutto esaurito, nell’anfiteatro Costantino Belluscio di Altomonte per l’ultimo appuntamento del Festival Euromediterraneo 2013. A chiudere la prima parte della kermesse  Max Gazzè è il suo “Sottocasa tour”. “Il Festival non si ferma qui – spiega sul palco il Sindaco di Altomonte Gianpietro Coppola- tornerà a settembre  fino al 20 ottobre, con altri appuntamenti. Vi aspettiamo per la  rassegna Di …vino Jazz,  la lectio magistralis di Vittorio Sgarbi e lo spettacolo di Saverio La Ruina Italianesi”.   Si è concluso con un grande concerto, a cura del promoter Ruggero Pegna, dedicato alle giovani generazioni, la prima parte della kermesse.  Un successo annunciato per la rassegna organizzata dall’amministrazione comunale di Altomonte. Migliaia di spettatori arrivati da tutta la Calabria  per ascoltare vecchi e nuovi successi del cantautore romano:  "La favola di Adamo ed Eva"; "Il solito sesso"; "Mentre dormi". Sul palco con Gazzè, la sua band storica a cui si  aggiunge l’eclettico polistrumentista Dedo (ai fiati). Una performance genuina che ha travolto il pubblico.   Reduce dal successo sanremese, Gazzè ha proposto  i brani del suo ultimo album “Sottocasa” . Un concerto dai toni intimi, il cantautore romano interpreta i suoi evergreen con quell’eleganza e quella ironia che lo contraddistinguono. Apre il live con due brani del suo nuovo album: “ La Mia Libertà”, “E Tu Vai Via” e poi… un tuffo nel passato, al 1998, con una versione riletta in chiave elettronica di uno dei suoi primi successi “Vento D’Estate”. Max accompagna con leggerezza il pubblico attraversando il passato e il presente e scherza come di consueto con i suoi virtuosismi da talentuoso bassista ed è la volta di: “A Cuore Scalzo”, “Eclissi di Periferia”, “Raduni Ovali” e “L’uomo più furbo del mondo”. E poi, arriva il rock sanguigno che sfocia poi in “Colloquium vitae” e il tormentone dell’estate 2013 “I tuoi maledettissimi impegni”. Più di due ore di concerto che trascina il pubblico in un entusiasmante live che esplode con il successo sanremese “Sotto casa”. Ci sono infine, in nuovi arrangiamenti  di “La musica può fare” e  “La favola di Adamo ed Eva” in loop fino ad esaurimento energia, fino a quando Gazzè non comincia a stravolgerla in un  travolgente reggae. Tutti in piedi, in un crescendo  e Max conclude lanciando la chitarra ad un assistente sul palco. Una grande festa, il concerto di Gazzè, ricco di successi e che ha toccato delicate atmosfere cantautorali.       Max Gazzè, nome d’arte di Massimiliano Gazzè, è un cantautore e bassista romano, ma con origini siciliane (il padre è di Scicli, in provincia di Ragusa): nel 1991, Max si dedica alla sperimentazione nel suo piccolo studio di registrazione, mentre compone colonne sonore iniziando anche a collaborare con artisti come Frankie HI-NRG MC, Alex Britti, Niccolò Fabi e Daniele Silvestri. Con quest’ultimo in particolare Max si dedica a lunghe collaborazioni. Nel 1998 la sua canzone Vento d’estate, cantata assieme a Niccolò Fabi, vince l’edizione di quell’anno di Un disco per l’estate, sancendo lo strepitoso successo dei due artisti, tant’è che Max nel febbraio 1999, partecipa al Festival di Sanremo nella categoria “Giovani” con il brano “Una musica può fare”. Gli anni tra il 2001 e il 2003 sono caratterizzati da un’intensa attività live: inoltre intreccia una collaborazione sempre più stretta con Stephan Eicher, autore e interprete di primissimo piano nel panorama musicale europeo degli ultimi vent’anni. Nel 2008 Gazzè partecipa al 58º Festival di Sanremo con la canzone Il solito sesso. In particolare si esibisce sul palco del Teatro Ariston il 25 febbraio 2008 e poi il 28 febbraio nella “serata duetti”, dove nell’esecuzione del suo pezzo è accompagnato dalle cantautrici romane Paola Turci (alla chitarra) e Marina Rei (alle percussioni). Nel 2013 partecipa alla 63ª edizione del Festival di Sanremo condotto da Fabio Fazio con i brani I tuoi maledettissimi impegni e Sotto casa e riceve a Lamezia Terme il Riccio d’Argento della ventisettesima edizione della rassegna Fatti di Musica diretta da Ruggero Pegna, premio ai Migliori Live d’Autore dell’anno.

di Redazione | 24/08/2013

Pubblicità

vendesi tavolo da disegno Il libro mio amico 2019 studio sociologia bcc mediocrati x50 cinema teatro sanmarco rossano


Testata Giornalistica - Registrazione Tribunale di Rossano N° 01/08 del 10-04-2008 - Nessun contenuto può essere riprodotto senza l'autorizzazione dell'editore.

Copyright © 2008 - 2019 Ionio Notizie. Tutti i diritti riservati - Via Nazionale, Mirto Crosia (CS) - P.IVA: 02768320786 - Realizzato da CV Solutions

Ogni forma di collaborazione con questo quotidiano on line è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita - E-mail: direttore@ionionotizie.it